Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ha conseguito il dottorato nel linguaggio del “piccolo” teatro tra i ballerini di scarpe norvegesi – NRK Vestland

Ha conseguito il dottorato nel linguaggio del “piccolo” teatro tra i ballerini di scarpe norvegesi – NRK Vestland

Pensi che ai vecchi tempi i giocatori di scarpe parlassero la “lingua teÆÆteRR”? Oppure nevica e spreca molto oggi?

Ora ha assunto la direzione teatrale di Ragnhild Gjefsen presso l'Università di Bergen Dottorato di ricerca in questa materia: Come gli attori teatrali norvegesi cercavano di sembrare reali e naturali quando parlavano.

Ha studiato il modo in cui gli attori parlavano per rendere i personaggi realistici e naturali, così che potessimo crederci.

L'artista teatrale Ragnhild Gjefsen ha un dottorato in esitazione, ringhi e altri trucchi per far sembrare i personaggi reali e naturali sul palco.

Foto: Leif Rune Loland/NRK

Artificiale e artificioso

Jephsen analizza otto opere teatrali dagli anni '30 agli anni '90, comprese quattro versioni dell'opera di Ibsen. Casa delle bamboleE quattro pezzi più recenti.

– È stato ironico quando Nora e Helmer hanno parlato al programma “Nationaaal-theææætrrrret” nel 1939?

– Sembra strano oggi. Ciò che era considerato realistico o naturale negli anni ’30 oggi per noi sarebbe del tutto artificiale, dice diplomaticamente Jephsen.

– Quando si parla di espressioni gergali degli anni '70 e '80, è facile pensare ai film Wam e Vennerød, che Lassi e limelei pensa.

C'è forse la frase più famosa di un contrabbandiere norvegese:

“Puoi prenderne ancora qualcuno?” Stai correndo come una locomotiva!”

“In retrospettiva, questo sembra troppo artificioso”, dice Jephson in modo meno diplomatico.

Per nascondere il grafico

Ho visto alcuni cambiamenti netti nel modo in cui i musicisti shoegaze cercano di apparire reali e naturali sul palco. Ad esempio, piccole parole e suoni.

  • Anni '30: Un sacco di “uhh” e “mmm” – un trucco per far sembrare che tu stia dicendo qualcosa per la prima volta.
  • Anni '50: Estrai un po' le parole e aggiungi piccole parole come “sì” e “tu”.
  • Anni '70: Tante piccole parole, come “Sì!”, “Forse”, “Cosa?” E “Sì sì sì”.

– O, ad esempio, che Liz Feldstad nei panni di Nora nel 1973 parla con il cibo in bocca. Tutti questi sono modi in cui le repliche vengono “camuffate” dalla pianificazione.

  • Negli anni '90 Vedo che stanno iniziando a tagliare il testo. Prendiamo ad esempio i numeri singoli lunghi.

-Parla meno, in poche parole. Non è normale che le persone mantengano la parola data per così tanto tempo da sole.

Lise Feldstad e Knut Rezan ed "Casa delle bambole"Teatro televisivo NRK 1973

Lise Feldstad e Knut Rezan in “A Doll's House” alla NRK Television Theatre nel 1973.

Foto: NRK

Tremore arrapato e respiro frenetico

Jephsen ha anche osservato come si esprimono i suonatori di calzascarpe sensi Attraverso il linguaggio.

– Negli anni '30 si usava il vibrato, cioè la vibrazione drammatica sulle corde vocali. Sembra così banale oggi, ma all’epoca era un metodo efficace.

– Negli anni Cinquanta e Settanta si usavano respira Sulle corde vocali. L'inspirazione e l'espirazione sono eccitanti e frenetiche.

Dice che il linguaggio e il comportamento sulla scena teatrale in ogni momento sono legati alla tradizione e alla cultura in generale:

Qual è il comportamento pubblico previsto e accettabile al momento?

– Negli anni '90 ci saranno più urla, urla, pianti e ringhi. Sentimenti forti e franchi. Qualcosa del genere sarebbe sembrato molto strano negli anni ’30, dice Jephsen.

"la decisione" Al Teatro Nazionale 1994: Kirsty Holmen e Henrik Mestad.

Una delle opere studiate da Jefsen è stata The Decision con Kjersti Holmen e Henrik Mestad al Teatro Nazionale nel 1994.

Foto: Leif Gabrielsen/Teatro Nazionale

Si arrabbia per il tono

Mostra un esempio in cui Henrik Mestad nei panni di Helmer ruggisce in una visione del 1999 e passa dal suo dialetto Bokmål a Bømlo quando si arrabbia.

-È uno strumento per la rabbia in modo reale. Così come perde la sua facciata.

Skodesper Kristi-Helene Engeberg al Den Nationale Scene di Bergen aveva 31 anni ed era ancora alle elementari quando Torvald Helmer ruggiva con l'accento del pomelo nel 1999.

Nel 2021, lei stessa interpreta Nora in A Doll's House.

Christy Helen Engeberg nel ruolo di Nora in A Doll's House, DNS 2021

Christie Helen Engeborg nel ruolo di Nora in “A Doll's House” al Den Nationale Scene di Bergen nel 2021.

Foto: Sebastian Dalcide/DNS

Crede che poter suonare con il proprio accento sia importante.

– Dona autenticità e libertà come scarpa da giocatore. È molto più facile comunicare i tuoi sentimenti nella tua lingua o dialetto. Sii semplicemente più credibile e realistico sul palco.

Credere in te stesso

Ma Engberg lo vede NO Nella loro professione amano usare trucchi e tecniche progresso Certo, ma tipo uh Lui è Reale sul palco

-Alla scuola di teatro non ho mai parlato di essere normale. Chiedi Cosa vuoi ? – Fare quello Importante, In modo che il personaggio diventi così disperato che è giusto Egli dovrebbe Egli parla. Quindi personalizzalo in modo che io stesso possa crederci.

-Ma sappiamo tutti che è un gioco fantasy e non reale?

– Entrambi e. Anche se sono un calzolaio, in realtà sono una persona reale che sta lì. Le emozioni che nascono nel teatro sono reali, dice Engeberg.

Christy Helen Engberg, giocatrice di scarpe al Den Nationale Scene

L'obiettivo è essere reali, non distinguersi come reali, afferma la giocatrice di scarpe Christy Helen Engeberg.

Immagine: DNS

– Non sto pensando a come dirlo nel modo più naturale possibile. Mi allontanerà completamente da questa situazione.

Oslo Nynorsk?

La critica teatrale di NRK, Karin Frosland Nestel, è felice che gli attori norvegesi sappiano parlare il dialetto e non più solo la lingua standard di Oslo. Ma riesce a controllare il suo entusiasmo nel ruggire sul palco.

-Se ci sono molte urla emotive, prendo le distanze come tifoso. Diventa molto chiaro. Si può, ad esempio, esprimere la rabbia a voce molto bassa e può essere disgustoso e terribilmente efficace.

NRK Teatro e critico teatrale - Karin Frosland Nestel

Alla critica teatrale Karin Frosland Nestel piacciono gli accenti sul palco, ma non le piace il volume.

Fotografia: Javier Ernesto Oris Chavez/NRK

Credo davvero che i calciatori di questo Paese riescano a parlare in un modo che sembri naturale.

-Non mi siedo molto e penso che sia fastidioso per me adesso.

– Un linguaggio teatrale così piccolo e innaturale è raro?

– Quindi, so che molte persone pensano che parlare Nynorsk al Det Norske Teatret sia stancante, soprattutto con gli stranieri che devono parlare Nynorsk. Ma bisogna ricordare che il teatro è una fantasia, quindi la potenziale alienazione che si verifica lì è probabilmente parte del pacchetto, dice Nestel.

Henrik Mestad e Anneke von der Lippe "Casa delle bambole"- Teatro Nazionale 1999

In “A Doll's House” al Teatro Nazionale nel 1999, Henrik Mestad ha interpretato Helmer nei panni di un Pomlo “arrogante” che parla Pomlung quando è arrabbiato. Anneke von der Lippe ha interpretato Nora.

Foto: Marit Anna Evanger / Teatro Nazionale

– Non più normale oggi

Ragnhild Jefsen spera che il suo studio dimostri che non esiste nessuno dei due Oggi Il linguaggio del teatro è naturale, credo.

In effetti, oggi non è più normale di quanto lo fosse in passato. I calciatori usano solo altre cure, che accetto solo oggi, perché ci sono abituato. Ma in realtà tutto era organizzato.

-Sei un po' stupido e scopri i trucchi più profondi usati dai suonatori di calzascarpe?

– Piuttosto dovrei dare loro il merito di aver usato il linguaggio teatrale in modo intelligente.

READ  Dibattito completo tra Christian Brynhovd e Pahari Viken in Farmin Kindes