lunedì, Luglio 22, 2024

Ha ricevuto il Premio Holberg per la ricerca in scienza e società Attualità

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Aggiornato: 08/09/2022 (Prima pubblicazione: 14/03/2022)

Jasanoff è professore di studi scientifici e tecnologici presso la John F. Kennedy School of Government dell’Università di Harvard. È una pioniera in questo campo, che riguarda il modo in cui la scienza e la tecnologia influenzano la società, la politica e la cultura – e viceversa. Gli scritti di Jasanoff evidenziano le complesse connessioni tra scienza, tecnologia, diritto, politica e pubblico.

Propaganda, potere e futuro

Nella società moderna, la conoscenza specializzata gioca un ruolo centrale quando le autorità devono giustificare le loro decisioni. Il Covid-19 è un esempio attuale. Jasanoff ha documentato come le istituzioni giuridiche e politiche interpretano e si relazionano in modo diverso alla conoscenza degli esperti. Le società moderne devono avere una mente comune, ma ciò che è considerato ragionevole varia tra le istituzioni e tra i paesi.

Pertanto Jasanoff parla di coproduzione, cioè lo sviluppo della scienza, della società e della tecnologia non può essere studiato separatamente. Si sviluppano insieme.

Un altro termine centrale per Jasanoff sono concetti socio-tecnici, cioè visioni collettive più o meno chiare sullo sviluppo desiderato della scienza, della tecnologia e della società. Jasanoff ha dimostrato quanto potenti abbiano tali idee, soprattutto nella politica di ricerca e innovazione, ma anche in generale: la scienza e la tecnologia sono una parte importante della società moderna, dove tali visioni del futuro svolgono un ruolo importante nella vita sociale e nel modo in cui questa viene gestita. raggiunto. Gli individui capiscono se stessi. La sua ricerca è stata pioniera per gli studi futuri come campo.

Conoscere la natura ci cambia

Jasanoff è autore o coautore di dieci libri e ha scritto più di 130 articoli e capitoli. “La domanda fondamentale che ho cercato di evidenziare è perché è importante che noi esseri umani viviamo in società scientificamente e tecnologicamente avanzate”, spiega il vincitore del premio. “Riguarda il significato della scienza e della tecnologia nella vita di tutti i giorni, sia per gli individui, sia per i gruppi sociali o le nazioni”.

READ  Esiste una verità e una sola scienza?

“Trovo strano che abbiamo un esercito di ricercatori che analizzano lo sviluppo e l’importanza di varie forme di attività culturale, come la letteratura, l’arte e la musica, ma non come e come queste ci influenzano nell’esplorazione della natura”, afferma Jasanoff. Controllandolo, oltre a produrre strumenti che possano cambiare ciò che significa essere umani.

Esperti e politica

I libri più importanti di Jasanoff includono Sezione V: Scientific Advisors as Policy Makers (1990), che affronta il ruolo degli scienziati come consulenti dei policy maker. In Science at the Bar: Law, Science, and Technology in America (1995), sfida le nozioni comuni di scienza e diritto, e in Designs on Nature: Science and Democracy in Europe and the United States (2005), lancia il concetto dell’epistemologia civica come termine specificamente inteso a comprendere come la ragione pubblica assuma forme diverse nei diversi paesi.

Tra i lavori successivi del vincitore c’è The Ethics of Invention: Technology and the Human Future (2016), in cui Jasanoff sostiene che la tecnologia espande e limita le possibilità future dell’umanità. Nel 2019 è stato pubblicato Can Science Understand Life?, in cui Jasanoff esplora come la biologia e la biotecnologia del XX secolo non solo siano andate troppo oltre nel rivendicare la verità su cosa sia la vita, ma anche su come dovremmo comprenderla. In questo modo, questi temi hanno assunto un ruolo sempre più importante come chiave interpretativa per le persone nella società moderna.

Il presidente del Comitato Holberg, Heike Krieger, afferma che Jasanoff è un degno vincitore del Premio Holberg e aggiunge: “Condividendo il suo lavoro in forum scientifici e pubblici, Jasanoff è anche un importante intellettuale pubblico che contribuisce con commenti tempestivi di grande importanza in aree come le fake news. e il cambiamento climatico”.

READ  Crea magia nella biblioteca del centro

Premio Niels Klem per un giovane teologo finlandese

Il Premio Niels Klemm di quest’anno viene assegnato alla teologa finlandese Elissa Osimaki, per il suo importante contributo di ricerca allo studio della letteratura e della cultura ebraica antica. Osemaki è docente di Studi Biblici presso il Dipartimento di Teologia dell’Università di Aarhus. È anche membro associato AIAS presso l’Aarhus Institute for Advanced Studies e membro della Young Academy dell’Associazione danese delle scienze. Prima che Osemaki si trasferisse in Danimarca nel 2020, insegnava all’Università di Helsinki.

La ricerca di Elisa Osemaki è di ampio respiro e spazia dagli studi sull’antica saggezza ebraica, sul pensiero, sull’etica e sui concetti religiosi a studi più analitici di questo materiale testuale utilizzando la teoria del genere e l’intersezionalità. Più recentemente, si è concentrata anche sui viaggi delle donne, sull’importanza della peste e sull’ansia associata al viaggio.

La bella vita nell’antichità

“Ho molti interessi di ricerca, ma i miei risultati principali riguardano tre aree”, afferma Osemaki. “Questi sono: la raccolta di antichi manoscritti conosciuti come i Rotoli del Mar Morto; Le domande della gente sulla saggezza e sul buon vivere nell’antichità; Così come l’idea dell’uomo come essere interattivo e mobile.

Osemaki ha scritto due libri sui testi ebraici ellenistici. Nel suo studio più recente, Living Wisdom in Jewish Antiquity: Studies in Practice and Ideal (2021), mostra come gli scribi ebrei insegnavano e praticavano la saggezza in un contesto internazionale nel mondo greco-romano. Lo hanno fatto come individui e in comunità più grandi.

La vincitrice del premio spiega che il suo obiettivo generale di ricerca è quello di aumentare la nostra comprensione dei testi e delle tradizioni religiose antiche. “Il mio punto di partenza qui è la tradizione ebraica, che cerco di analizzare come parte dell’antichità del Mediterraneo orientale”, afferma. “C’è una grande distanza nel tempo e nello spazio tra me e la persona su cui sto effettuando la ricerca, ma le fonti hanno ancora oggi rilevanza. Molte culture nel mondo attingono a questi testi e tradizioni in modi diversi, e quindi esercitano ancora un’influenza come vivono e pensano le persone oggi”.

READ  Sostieni la scienza: non boicottare Israele!

Osemaki ha ricevuto numerose sovvenzioni prestigiose, tra cui una sovvenzione di avviamento del Consiglio europeo della ricerca nel 2020, per il progetto “An Intersectional Analysis of Ancient Jewish Travel Narratives”.

Osemaki è un accademico di particolare successo nel suo campo, afferma Astrauer Estenson, presidente della Commissione Niels Klemm. “Combina competenze in letteratura, interpretazione e competenze linguistiche di vasta portata mentre approfondisce testi e materiali di grande rilevanza per la nostra comprensione storica dell’antichità.”

More articles

Latest article