Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Hai coperto 160 tornei principali

Il 72enne italiano vive e respira il tennis. Per un certo numero di anni, ha giocato a tennis attivo o ha coperto lo sport per vari media.

In questi giorni, Scanagatta è un editore e proprietario Dov’è il tennis? Che, secondo lui, conta più di sei milioni di utenti unici all’anno, con un centinaio di dipendenti.

Lo stesso Skanagata ha ora 72 anni con un solido curriculum come giornalista di tennis. Ha coperto 160 major slam e ha coperto 48 Wimbledon di fila, poiché ricorda anche ogni finale con i suoi risultati.

– Sono vecchio. A volte non ricordo le facce, ma ho la testa acuta quando si tratta di tennis. Da giocatore ero ad un buon livello. Ha giocato a tennis al college negli Stati Uniti, dove è diventata campionessa nazionale. Ero un doppio giocatore molto migliore rispetto al singolo, e uno dei miei migliori compagni di squadra era in realtà il tennista norvegese Erik Olberg, dice Skanagata a TV 2.

vicino alle stelle

Durante la sua lunga carriera nella comunità del tennis, si è guadagnato un nome consolidato sia con i giornalisti che con i giocatori. Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic, ad esempio, sono tre giocatori con cui ha avuto buoni contatti dopo averli visti sin da quando erano adolescenti.

Quando si tratta di tennis nei paesi nordici, capisce che sia gli svedesi che i danesi hanno tradizioni migliori della Norvegia. Anche lì il giornalista italiano ha avuto buoni contatti nel corso degli anni. Tra l’altro, ricorda bene di aver ballato con Bjorn Borg in una discoteca quando ha seguito uno dei tornei.

READ  Bubble test fino al 17 maggio:

Nell’incontro con TV 2, sono tanti anche i giornalisti famosi che vengono a salutare Scanagatta. Nella borsa ha anche due partite, ognuna con la propria firma, una delle quali è firmata da Djokovic mentre l’altra è firmata da Nadal.

Strada Roser

Casper descrive Rudd come un atleta diligente e serio. Ricorda particolarmente bene le precedenti partite di Rudd contro l’italiano Matteo Berrettini e poi nota in particolare quanto fosse bravo Rudd. Questo è stato qualcosa che ha confermato quando Rudd ha vinto tre campionati consecutivi quest’estate.

– Tuttavia, sono rimasto sorpreso da come ha giocato bene sul cemento. È anche chiaro che ha fatto grandi passi avanti nel servirlo. In passato, era più facile per gli avversari gestire l’invio di Rod, ma sono rimasto sorpreso dai passi che ha fatto lì. Ora sia il primo che il secondo server tornano a 200 km/h.

Skangata è stato particolarmente colpito dalla seconda riserva di Rod. Il fatto che il 22enne di Snarøya abbia preso provvedimenti è qualcosa che il giornalista italiano ritiene che faccia sperare che il progresso continui solo nella giusta direzione.

– Misurare la tensione sull’altra trasmissione. Se è forte, significa che sei mentalmente forte. Mi fa pensare che possa ancora fare grandi passi avanti. Ci sono molti che hanno talento per il tennis, ma essere mentalmente bravi è la chiave per diventare davvero bravi.

Il 72enne si intrufola anche con un sorriso intelligente che preferirebbe vedere Rudd nella finale ATP poiché l’italiano Yannick Sener era il più vicino a Rudd nella battaglia di partecipazione a Torino. Nonostante ciò, capisce che non è irrealistico per Rudd arrivare in semifinale a Torino.

READ  La star de Il Divo è morta - VG

Per tutti coloro che incontrano Djokovic, dipende da Djokovic. Se è in buone condizioni, supera tutti. Per gli altri tre del gruppo, penso che tutti abbiano una possibilità. Rudd potrebbe facilmente vincere contro Rublev e Tsitsipas che faticano con i gomiti. Una partita di semifinale non è affatto fuori discussione.

Nota: l’intervista ha avuto luogo prima che Tsitsipas si dimettesse e Nouri fosse il suo sostituto.

importante per l’Italia

Secondo Sanagata, il fatto che le ATP Finals si svolgano a Torino non è una cosa naturale. Dice di aver seguito da vicino questo processo e che ben 40 città hanno combattuto per arrivare in finale. Dopo ciascuno, si trovava tra cinque città come Torino, Londra, Manchester, Singapore e Tokyo.

Secondo il 72enne, il requisito dell’ATP era che le città organizzatrici ricevessero una garanzia fino a 75 milioni di euro per garantire la sicurezza finanziaria intorno all’evento.

“Nel classico modo italiano, ci siamo assicurati quella garanzia all’ultimo minuto”, dice e ride.

Questo accordo è stato finalizzato nell’aprile 2019. Da allora è stato descritto come un piccolo rinascimento del tennis in Italia.

Djokovic Los: lunedì Rudd ha perso la partita di apertura contro Novak Djokovic. Foto: Marco Bertorello/AFP.

All’epoca Berrettini si classificò n. 55 mentre Sener scese a 319. Il miglior giocatore italiano fu Fabio Fognini che si classificò 18. Ma la settimana successiva Fognini vinse il suo primo e ultimo master a Montecarlo. Inoltre, Berrettini è passato dal 55esimo posto in classifica all’8 aprile a fine 2019.

Tuttavia, la tradizione degli atleti italiani nelle ATP Finals non era niente di entusiasmante. Nel 2019 Berrettini è stato il terzo italiano a raggiungere i playoff. Poi ha perso le sue prime due partite ed era già fuori prima della sua ultima partita che ha vinto. È stata anche la prima vittoria in assoluto per un atleta italiano in un’ATP Finals.

Nell’edizione di quest’anno è finito, come è noto, che Brittini ha dovuto interrompere la sua lotta contro Alexander Zverev a causa di un infortunio.

Di Casper Rudd, Cameron Norrie ora aspetta mercoledì sera alle 21:00 prima che la partita contro Andrei Rublev arrivi venerdì. Vanno su Road Road in attesa delle semifinali di sabato.