Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Hanno commesso errori enormi – NRK Norvegia – Panoramica delle notizie da diverse parti del paese

Questo articolo risale a più di un mese fa e potrebbe contenere vecchi consigli delle autorità in merito alla malattia coronarica.

Restate sintonizzati nella panoramica NRK o tramite FHIs nettsider.

Quando il virus ha colpito l’Europa nel febbraio 2020, un certo numero di paesi europei ha risposto imponendo severi controlli alle frontiere. Alcuni paesi hanno fatto di tutto per chiudere completamente i propri confini.

Ma da Solna, fuori Stoccolma, l’Agenzia europea per il controllo delle infezioni ha avvertito che chiudere le frontiere in Europa non farebbe che peggiorare l’epidemia.

Gli ECDC sono considerati limitazioni Inefficace e controproducente.

a

Colloquio
Con la Commissione Corona, il consigliere ministeriale Björn Inge Larsen si è accordato con i consigli dell’Agenzia europea per il controllo delle infezioni all’inizio della pandemia:

Si può dire molto gentilmente sull’Agenzia europea per il controllo delle infezioni, ma ha anche commesso gravi errori durante questa pandemia. Larsen ha detto quando ha incontrato la Corona Authority il 23 gennaio di quest’anno, che ci hanno costantemente consigliato di non imporre restrizioni all’ingresso e siamo pienamente fiduciosi che le restrizioni all’ingresso siano uno degli strumenti più importanti che abbiamo utilizzato.

Bjørn-Inge Larsen è l’ufficiale più forte di Bent Høie, con un passato da ex manager sanitario.

Larsen, tramite la divisione informazioni del dipartimento, ha rifiutato la richiesta di intervista di NRK.

Ha criticato il regolamento sanitario internazionale

Quando l’epidemia è diventata realtà, le norme internazionali di sanità pubblica sono diventate di nuovo strettamente correlate. I regolamenti sono chiamati Regolamento sanitario internazionale (IHR) e contengono disposizioni su come i paesi dovrebbero rispondere ai focolai di malattie infettive.

READ  Note pionieristiche dall'inizio della musica norvegese moderna • ballade.no

I regolamenti sono stati modificati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dopo l’epidemia di SARS nel 2002. Lo stesso Larsen è stato completamente fondamentale nel processo da parte norvegese:

Ha guidato la delegazione norvegese presso l’Organizzazione mondiale della sanità.

Ma nell’intervista della commissione, Larsen era molto critico nei confronti delle norme che lui stesso aveva aiutato a rivedere.

Si ritiene che le regole siano state scritte nel “timore che per ragioni protettive i paesi chiudano i confini in caso di controllo delle infezioni, ma in realtà per ottenere qualcosa di completamente diverso da un buon controllo delle infezioni”.

Secondo Larsen, questo modo di pensare ha portato al consiglio dell’ECDC per l’Europa e la Norvegia di mantenere aperte le frontiere.

Secondo me, era completamente sbagliato con questa epidemia. Larsen ha dichiarato alla Commissione Corona che i tre paesi che si sono già concentrati sui confini, vale a dire Islanda, Finlandia e Norvegia, sono gli unici paesi europei che sono riusciti a frenare l’infezione.

Sala delle crisi: dal Centro di crisi dell’ECDC a Solna, fuori Stoccolma, l’agenzia ha fornito all’Europa consigli sul controllo delle infezioni durante la pandemia.

Foto: Jonathan Nackstrand / AFP

Colpito Istituto Nazionale di Sanità Pubblica

Le autorità di controllo delle infezioni e i governi di tutta Europa ascoltano attentamente quando il CDC offre i suoi consigli. Così ha fatto l’Istituto nazionale di sanità pubblica.

Nel febbraio 2020, FHI ha consigliato ai viaggiatori diretti in Norvegia di non essere sottoposti a screening e di entrare in quarantena.

“In generale, riteniamo che l’ingresso in quarantena abbia molti aspetti sfortunati e che i potenziali benefici non possano superare questi aspetti”.FHI ha scritto nella sua valutazione del rischio il 25 febbraio dello scorso anno.

Hanno indicato, tra le altre cose, che il centro ritiene che il consiglio sia inappropriato.

In pratica, tuttavia, il governo ha scelto Chiusura delle frontiere agli stranieri Solo tre settimane dopo.

Ma durante l’estate del 2020, le frontiere si sono gradualmente riaperte e durante l’autunno le infezioni in arrivo hanno contribuito a una nuova ondata di infezioni.

Il Comitato Corona ha concluso che “il governo non ha un piano per affrontare le lesioni importate dall’estero quando c’è stata una nuova ondata di infezioni in Europa nell’autunno del 2020”.

Mi dispiace essere valutato in questo modo

Quasi un anno e mezzo dopo, un esperto senior dell’ECDC, Agoritsa Baka, ha detto a NRK che non avrebbero potuto farlo diversamente.

Aguritsa Baca

Ci rammarichiamo di essere valutati in questo modo, afferma l’esperto senior Agorica Baca presso l’Agenzia europea per il controllo delle infezioni, in merito alle dichiarazioni che ha fatto al consigliere ministeriale Björn Inge Larsen.

Foto: Alexandru Niculae / ECDC

Non nella primavera del 2020. Non c’era alcun supporto alla ricerca per noi per supportare la chiusura delle frontiere o rigide restrizioni di viaggio, dice Pacca a NRK.

Ma ora stiamo più attenti, consigliando ai paesi di testare i viaggiatori e ottenere un grado di quarantena. Dice che una combinazione di test e quarantena può sostituire un periodo di quarantena completo.

Agoritsa Baka non entrerà in alcuna discussione diretta con Bjørn-Inge Larsen.

Ci rammarichiamo di essere stati valutati in questo modo, o lui (Larsen, ndr) non sente che possiamo contribuire con qualcosa di utile.

Un cenno con apprezzamento fa notare che la Norvegia ha già ricevuto le conclusioni dal Corona Control Committee che ha valutato la risposta norvegese.

Crede che la risposta debba essere valutata anche a livello internazionale.

Era la prima volta che abbiamo introdotto questo tipo di metrica in 100 anni. Molto di quello che abbiamo fatto è stato basato sulla scienza o sulla disinformazione che abbiamo ricevuto dalla pandemia del 1918. Quindi dobbiamo rivedere di nuovo i nostri dati, sono totalmente d’accordo.

Baka non esclude che ci sarà una revisione delle regole quando la polvere finalmente svanirà dall’epidemia.

– Se altri paesi volessero sollevare questo dibattito presso l’Organizzazione mondiale della sanità, noi vi daremmo sicuramente un contributo. Baca dice che possiamo discuterne anche a livello dell’UE.