Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ho visitato un talk show americano

“Late Night with Seth Meyers” è un talk show americano trasmesso dalla NBC e lo studio ha una buona atmosfera quando Rinat Renzvi è ospite del programma.

Nell’intervista, l’attore ha parlato del film “The Worst Man in the World”, che ha ottenuto un grande riconoscimento internazionale ed è stato nominato per numerosi premi. Nel ruolo di Jolie, Rainsvi ha vinto il premio come migliore attrice al Festival di Cannes.

Le sue dimensioni non possono essere descritte a parole

Il presentatore Seth Meyers ha aperto l’intervista vantandosi del film, chiedendo all’attrice norvegese come sia stato per lei tutto questo viaggio.

– Non riesco ancora a descriverlo a parole. Sono seduto qui ora. È spaventoso e sorprendente. Sono tutte parole, risponde Rainsvy.

Myers chiede all’attrice se è vero che ha effettivamente deciso di smettere di recitare, il giorno prima che le fosse offerto il ruolo da protagonista in “The Worst Man in the World”.

– Sì. Ho avuto un grande momento in cui ho fatto marcia indietro e ho pensato di aver finito. Il giorno dopo ho ricevuto una chiamata riguardo a questo ruolo. Dice che è molto strano.

Riconosciuto: il “peggiore uomo del mondo” è stato molto apprezzato a livello internazionale. Foto: Pyatt Uma Dahle

Penso che il primo fosse felice

– Qual è il tuo piano di riserva? chiede l’ospite.

– Era un falegname. Più o meno la stessa recitazione, dice Rainsvy.

Il regista Joachim Trier ha precedentemente affermato di aver scoperto il talento di Renfe durante le riprese di “Oslo 31 August” e che lui e il co-sceneggiatore Eskil Vogt hanno scritto il ruolo di Julie in “The Worst Man in the World” appositamente per Rensev.

Myers chiede all’attrice se la vede come una buona o una cattiva notizia.

– La prima cosa che ho pensato è stata che il mio ex sarebbe stato molto felice. La mia faccia apparirà su un poster con la scritta “The Worst Man in the World”, risponde Reigns.

In una delle scene del film, il suo personaggio corre per le strade di Oslo, dove è l’unica persona a muoversi. Intorno a lei scolari, motociclisti, turisti e uomini in giacca e cravatta che vanno al lavoro, calmi come sculture.

Myers chiede a Reinsve come è stato fatto.

– Si sono allenati, sono rimasti lì e sembravano davvero belli. Ho corso su e giù per la strada e all’improvviso abbiamo visto che si erano unite altre persone. E poi hanno dovuto stare lì tutto il giorno, dice Rensev.

Premio: Rinat Rensvi ha vinto la migliore attrice al Festival di Cannes.  Foto: Valerie Hash

Premio: Rinat Rensvi ha vinto la migliore attrice al Festival di Cannes. Foto: Valerie Hash

Ci dice che la Norvegia è orgogliosa

Myers chiede all’attore come hanno reagito i norvegesi al fatto che il film norvegese abbia ottenuto un così grande riconoscimento internazionale.

– Sono così orgogliosi. Mi sento come se tutti in Norvegia stessero pensando: “Ora ce l’abbiamo fatta”. Dice che tutti sono felici.

– Quando sarai a Cannes, incontrerai altri attori che hai studiato? chiede Myers.

– Sì. Hai avuto un momento. Penso che sia stato il giorno dopo che abbiamo mostrato il film. Oltrepassai Tilda Swinton, mi fermai e mi voltai per vedere se era lei. Ha aspettato di vedermi e poi le ho dato un dollaro, dice Rainsiv.

L’attrice dice che pensava che Swinton dovesse essere grata, ma ha dato l’impressione di essere rimasta scioccata dalla responsabilità.

– Ho sentito più tardi che aveva appena visto il film, dice Reinsev.

READ  Ecco come appare oggi il ragazzo di "Una notte da leoni"