Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I bambini (40 e 42 anni) si sono rifiutati di uscire di casa.  Poi la madre ne ebbe abbastanza e andò in tribunale – Dagsavisen

I bambini (40 e 42 anni) si sono rifiutati di uscire di casa. Poi la madre ne ebbe abbastanza e andò in tribunale – Dagsavisen

In un paese come la Norvegia, dove i giovani se ne vanno prima dei 20 anni, i genitori possono sognare di tornare al tempo in cui i loro figli erano a casa.

Ma non è stato così per la madre italiana, 75 anni: i figli, ormai cresciuti, avevano un lavoro, ma si rifiutavano comunque di volare nella città di Pavia. Secondo il quotidiano locale La Provincia Pavese La madre è stanca di doversi occupare di loro ed è sconvolta dal fatto che non contribuiscano alle spese domestiche, ai lavori domestici o ai lavori domestici.

Ho provato, secondo… GuardianoIn diverse occasioni cercò di convincerli a trovare un posto dove vivere, ma dopo che questi tentativi fallirono, portò la questione in tribunale.

Il giudice Simona Caterby ha riconosciuto che la madre la voleva indietro e ha emesso un ordine di sfratto nei confronti dei bambini.

Nella sua sentenza, Caterpie ha concesso agli uomini tempo fino al 18 dicembre per uscire. Inizialmente gli uomini avrebbero diritto al sostegno dei genitori perché vivono a casa, ma poiché hanno più di 40 anni ciò non è più applicabile.

Bambini più grandi

Rifiutarsi di uscire di casa a 40 anni e trascinare così tua madre in tribunale può essere grandioso, ma vivere a casa da adulta non è insolito in Italia. Il termine pampuccioni, che significa “bambini grandi”, è stato usato per la prima volta nel 2007 ed è inteso per deridere gli adulti che vivono ancora in casa.

  • In Italia quasi il 70% della popolazione tra i 18 e i 34 anni vive in casa.
  • L’età media nel 2022 per allontanarsi da casa è di 30 anni.
  • Nel 2022, il 72,6% degli uomini e il 66% delle donne di quella fascia d’età non avevano un proprio posto dove vivere.
  • Nel 2019, il 36,5% degli studenti che vivevano a casa erano studenti, il 38,2% aveva un lavoro e il 23,7% cercava lavoro.
READ  Commerzbank prevede una ripresa del petrolio nella seconda metà dell'anno

Fonte: Eurostat

Nel 2022, i giovani nell’UE hanno lasciato la casa dei genitori in media all’età di 26,4 anni. Tuttavia, questa media varia tra i paesi dell’UE.

Il numero di giovani italiani che vivono ancora con i genitori è aumentato negli ultimi anni. Secondo The Guardian ciò è dovuto alle difficili condizioni economiche e al fatto che trovare un lavoro stabile richiede molto tempo. Ma le case multigenerazionali sono culturalmente e storicamente diffuse anche in Italia.

Le aspettative standard sono diverse. Nei paesi nordici si pone maggiore enfasi sull’indipendenza ed è perfettamente accettabile vivere da soli o in convivenza. Nell’Europa meridionale la lontananza da casa era associata al matrimonio per un periodo più lungo. La situazione è cambiata di recente, ma è ancora più comune e accettabile vivere più a lungo con i genitori, afferma Lars Dommermuth, ricercatore della SSB.

Il Guardian scrive che un ordine di sfratto è raro, ma ci sono stati casi in Italia in cui i genitori sono stati portati in tribunale dai figli adulti che aspettavano ancora sostegno finanziario.

Un musicista part-time di 35 anni ha affermato che il suo reddito non è sufficiente per vivere. Il reddito era di 20.000 euro (circa 220.000 NOK nel 2020). Quindi pensava di aver bisogno dei soldi dei suoi genitori. La Corte Suprema italiana ha respinto il ricorso, stabilendo che i giovani non hanno automaticamente diritto al sostegno economico da parte dei genitori.

Tassi di disoccupazione elevati

– I paesi nordici sono noti per le persone che lasciano presto casa e sono relativamente pochi i giovani che vivono con i genitori. Ci sono ragioni strutturali e alcune ragioni normative, dice Dommermuth.

READ  431.000 nuovi posti di lavoro creati negli Stati Uniti a marzo - E24

Secondo Dommermuth, in Norvegia alcune persone sono già costrette ad abbandonare le proprie case per frequentare la scuola secondaria. Inoltre, rispetto all’Italia, i college e le università regionali sono relativamente pochi. Inoltre, esistono piani di supporto migliori e più completi per gli studenti. In altri paesi, è spesso “valutato in termini di reddito” e/o condizionato al reddito dei genitori. Inoltre, la disoccupazione giovanile è inferiore a quella dell’Europa meridionale.

Secondo il Green European Journal, un sondaggio del 2021 del Consiglio nazionale giovanile italiano mostra che cinque anni dopo aver completato gli studi, un terzo delle 1.000 persone intervistate erano disoccupate per più del 40% del tempo. La grande maggioranza ha dichiarato di ricevere uno stipendio annuo inferiore a 10.000 euro all’anno, mentre il 23,9% di loro riceve meno di 5.000 euro.

I due figli adulti che devono trasferirsi non rientrano in queste statistiche.

Rimani aggiornato. Ricevi la newsletter quotidiana da Dagsavisen