Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I candidati interni che perdono la battaglia per diventare presidente se ne vanno

I candidati interni che perdono la battaglia per diventare presidente se ne vanno

In qualità di CEO, non puoi semplicemente coltivare candidati interni che possano assumere il tuo ruolo. È inoltre necessario sapere chi può sostituire rapidamente i dirigenti superiori che lasciano l'azienda per la delusione di non poter subentrare a te.

La versione breve

Giovedì è arrivata la notizia L'amministratore delegato di Hydro, Hilda Mereti Aasheim, è destinato ad andare in pensione. Sarà il suo sostituto Eyvind Kalevik. È tutto amministratore delegato Nel management di Aasheim. Nelle grandi aziende è diventata una tendenza quella di scegliere un candidato interno per assumere la posizione di CEO.

Pertanto, è comune sentire dagli attuali CEO che “il loro lavoro più importante è sviluppare candidati interni”. In modo che il consiglio di amministrazione, oltre ai candidati esterni, abbia almeno due candidati interni che possano concorrere per la carica più alta.

Deluso e mollato

Tuttavia, una conseguenza del coltivare la concorrenza interna è che i cambiamenti del CEO spesso portano a ulteriori cambiamenti.

Un candidato interno che non arriva alla partita scade e deve essere sostituito. Di solito termina dopo l'annuncio del nuovo CEO. Ma a volte arriva alla ribalta la notizia della loro partenza.

Perché mentre il mondo esterno non sa né questo né quando verrà cambiato il top manager, il candidato interno sa subito se è stato eliminato dalla finale.

È questo quello che è successo quando Hydro è andato in onda un paio di settimane fa Da un brevissimo annuncio in Borsa? Hydro ha quindi annunciato che il CFO Pål Kildemo se ne sarebbe andato. Svolge un lavoro simile in un'azienda di alluminio negli Emirati Arabi Uniti. Keldimo e Kalvik erano gli ovvi candidati interni a subentrare ad Asaheim.

Potrebbe essere il CFO di Hydro, Pål Kildemo, recentemente dimessosi, a prendere il posto di Hildes Merete Aasheim nel ruolo di CEO?  Recentemente si è dimesso per iniziare un nuovo lavoro negli Emirati.

Al di fuori di Equinor e DNB

Nell’autunno del 2020, il CFO Lars Bacher e l’allora Vice Presidente della Tecnologia del Gruppo, Anders Opedal, erano i principali candidati interni di Equinor. Erano finalisti ad assumere il ruolo di CEO da Eldar Sætre. Ha vinto Ubedal, Bacher si dimise subito dopo. In qualità di nuovo CEO, Ubedal ha dovuto trovare un nuovo CFO.

Bacher ha perso in parte perché Opedal ha presentato punti di vista più aggressivi riguardo all'impegno di Equinor a favore delle energie rinnovabili. Ironicamente, Bachter oggi è a capo di un’azienda produttrice di batterie, mentre Opedal fatica ad accelerare gli investimenti verdi di Equinor.

READ  Gioca a Magnus Fly in Positive Exchange - E24

Nel 2019 allora era il CFO Kirsten Brathen Ha vinto la battaglia per impossessarsi della DNB Dopo Ron Berkey.

Il CEO del mercato aziendale Benedict Schilbreed-Wassmer è stato il primo Braathen fu devastato dalla nuova gestione della DNB e successivamente si dimise. Le qualifiche di Shelred Wasmer non potrebbero essere il problema. Meno di un anno dopo, lo era CEO della concorrente SR-Bank.

Benedicte Schilbred Fasmer ha fatto un forte ritorno come CEO di SR-Bank.  Nel 2019, ha perso la battaglia per il posto più importante alla DNB, ed è stata poi licenziata anche dal nuovo presidente.

– Ha preso il bollitore e se n'è andata

Non succede quasi mai che alcuni di quelli che vanno dicano che è perché hanno perso la competizione o che hanno partecipato e gareggiato. Avrebbero dovuto vincere loro stessi. Che sarebbe molto difficile per loro comunicare con un ex collega nella direzione del gruppo che ora è il loro capo.

E il nuovo amministratore delegato, che ha distrutto il suo principale concorrente, non ha mai detto di non poter sopportare di avere un potenziale “usurpatore” così vicino a sé. Il titolo del messaggio che verrà inviato successivamente è neutro “Modifiche nella gestione del gruppo”.

Quasi tutti quelli che se ne vanno dicono di essere alla ricerca di nuove sfide. Pertanto, “questo è un buon momento per guardare a nuovi compiti al di fuori dell’azienda”.

La notevole eccezione in Yara si è verificata nel 2008. A Sven Ombudstveit, allora direttore delle finanze e della strategia, non è stato permesso di farsi avanti e subentrare a Thorleif Inger come amministratore delegato. Il consiglio di Yara ha invece scelto lei Candidato esterno Ole Jurgen Haslestad.

READ  Drogheria, Cibo | Kiwi e prezzi alimentari extra dopo gli sconti Rima

Segretario dei reclami Finito oggi Dopo un breve colloquio con il Presidente.

– Il Mediatore ha dichiarato: – Ho portato con me il bollitore dall'ufficio e sono andato direttamente a casa In un'intervista personale con DN Nel 2018.

Ma la regola è che il candidato perdente “cerca nuove sfide”.

Jørgen C. Arentz Rostrup (a sinistra) e Petter Børre Furberg (10°) sono da diversi anni i principali candidati per assumere la carica di CEO Sigve Brekke presso Telenor.

Chi resta e chi lascia Telenor?

Dopo la partenza di Aasheim da Hydro, Sigve Brekke, CEO di Telenor, sarà il prossimo CEO ad andare in pensione a breve. Brickey compirà 65 anni a dicembre.

Jurgen C. Arentz Rostrup, vicepresidente esecutivo dei paesi nordici presso Telenor, è forse il candidato più interessante per subentrare a Brickey. Per molto tempo il suo collega di lunga data nella direzione del gruppo Telenor, Peter Bori Vorberg, è stato il principale rivale interno di Rostrup. Ma il direttore finanziario di Telenor oggi, Il tono di Hegeland PaschkeSembra che abbia assunto questa posizione sul campo.

E Vorberg? Recentemente ha annunciato le sue dimissioni dalla carica di amministratore delegato di Telenor E
Diventerà amministratore delegato di Posten Norge.

Ciò significa che Forberg si è già reso conto lo scorso autunno di essere stato eliminato nella fase finale a Telenor? Probabilmente non lo sapremmo. Nel messaggio successivo all'annuncio del cambio di lavoro di Furberg a Posten, ha detto: “Voglio provare qualcosa di nuovo e questo è un lavoro da sogno secondo me”.

Rostrup o Bakke rimarranno a Telenor se l'altro ottiene il lavoro? O se vengono superati da un candidato esterno allo schieramento che lo ha preceduto? Questo resta da vedere.

Ma se Sigve Bryke ha fatto il suo lavoro, ha anche coltivato buoni candidati che possono salire rapidamente nella gestione del gruppo. Qualcuno che possa prendere il sopravvento nel giorno in cui uno o entrambi i candidati interni saranno troppo delusi per restare in Telenor con un nuovo amministratore delegato diverso da lui.