Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I crimini del passato dovrebbero essere visibili a tutti: parlatene

I crimini del passato dovrebbero essere visibili a tutti: parlatene

I bambini soffrono e muoiono quando scoppia la guerra, quando si verifica una catastrofe. È quasi insopportabile pensarci.

Allo stesso tempo, crea scelte difficili per i fotografi nelle aree in cui ciò avviene e per gli editori che esporranno le loro immagini al pubblico. Allo stesso tempo c’è un’altalena morale che va avanti e indietro.

Da un lato la stampa deve dare notizia di quanto sta accadendo. D’altro canto, devono proteggere i gruppi più vulnerabili e non esporli in modo tale da danneggiarli.

Non è facile. Ma ora la World Press Photo, l’influente organizzazione che organizza un concorso fotografico annuale, ha deciso di lasciare che un’estremità dell’altalena pesi più dell’altra.

Il vincitore dell'anno scorso: il fotografo Jevgenyj Maloletka presenta la sua famosa immagine di una donna incinta portata via da un ospedale bombardato a Mariupol, in Ucraina. La foto gli è valsa il premio Foto dell'anno ai World Press Photo Awards.

Fotografia: Peter DeJong/AP

Ora esamineranno il loro archivio, che consiste di immagini pluripremiate provenienti da alcuni degli eventi più importanti del mondo nel corso di settant'anni. Devono quindi rimuovere tutte le immagini di bambini spogliati e identificabili che non hanno acconsentito a essere fotografati.

Le foto non verranno eliminate. Ma non potrai accedervi a meno che non lo usi per la ricerca e fai una richiesta che verrà approvata.

Questo tipo di diffusione pubblica è molto insolita. È facile comprendere le motivazioni che lo spingono a farlo. Può essere difficile, sia per i bambini che per gli adulti, avere immagini di se stessi liberamente disponibili in situazioni vulnerabili. Forse erano disperati e spaventati. È anche facile immaginare che tali immagini possano essere utilizzate e manipolate in modo improprio.

MULTIPLI PREMI: La foto di un manifestante anti-presidente Maduro in Venezuela, dato alle fiamme durante gli scontri con la polizia, ha vinto numerosi premi ai World Press Photo Awards 2018.

MULTIPLI PREMI: La foto di un manifestante anti-presidente Maduro in Venezuela, dato alle fiamme durante gli scontri con la polizia, ha vinto numerosi premi ai World Press Photo Awards 2018.

Fotografia: Ronaldo Schmidt/AFP

Ma il fatto che sia facile da capire non lo rende necessariamente vero. Le fotografie dei giornali sono la nostra memoria collettiva. Quando la fotocamera scatta, non è solo perché qualcosa verrà pubblicato tra una settimana o un mese. È per ciò che accade che venga preservato per le generazioni future. Pertanto, non è solo importante che le immagini esistano, ma è anche importante che possiamo vederle.

Oggi nel mondo ci sono conflitti terribili. In ognuno di essi, entrambe le parti lavorano duramente per raccontare una storia in cui loro stesse sono le vittime, che non hanno avuto altra scelta che ricorrere alle armi, e l'avversario è l'aggressore. Cercano di modellare il passato e il presente a proprio vantaggio.

Lo fanno con vari gradi di peso e plausibilità. Ma il pubblico dipende dalla capacità di mettere tutte queste storie in prospettiva, di confrontarle con la conoscenza. Pertanto, le immagini delle vittime della guerra e gli alti costi della guerra sono essenziali.

Silibert: Molti grandi nomi sono stati inclusi nelle mostre del World Press Photo.  Qui, la regina olandese Máxima è presente a una delle mostre della Fondazione ad Atene.

Silibert: Molti grandi nomi sono stati inclusi nelle mostre del World Press Photo. Qui, la regina olandese Máxima è presente a una delle mostre della Fondazione ad Atene.

Foto: AP

Naturalmente, ciò non significa che i bambini e gli altri civili che vivono nelle situazioni più difficili della loro vita possano essere visti liberamente. NRK, ad esempio, è molto cauta al riguardo.

Ma ciò significa che rimuovere queste immagini dagli occhi del pubblico potrebbe comportare un prezzo elevato.

Una delle immagini negli archivi fotografici della stampa mondiale è la famosa foto di bambini nudi e seminudi in fuga dai bombardamenti al napalm nel Vietnam del Sud, scattata dal fotografo Nick Ut. La ragazza nuda al centro della foto è Phan Thi Kim Phuc, nove anni.

In seguito ha affermato che, sebbene inizialmente non le piacesse la foto, in seguito l'ha vista come importante, qualcosa di cui era orgogliosa di far parte. Questa affermazione è il motivo per cui World Press Photo consente che l'immagine rimanga pubblicamente disponibile.

Ottieni Survival: la foto di Nick Out del cosiddetto "Ragazza del napalm"Phan Thi Kim Phuc, nove anni, rimane a disposizione del pubblico perché la stessa eroina del romanzo ha detto che pensava che la foto fosse importante.

PERMESSO DI RIMANERE: La foto di Nick Ut della cosiddetta “Napalm Girl”, Phan Thi Kim Phuc di nove anni, rimane pubblicamente disponibile perché l'eroina stessa ha detto di ritenere che la foto sia importante.

Foto: Nick Ut/AP

Dicono anche che fanno uno sforzo per ottenere il permesso dalle persone nelle foto, ove possibile. Ciò è lodevole, ma è altamente incerto se sarà possibile ritrovare bambini da vecchie fotografie. Basterà questo motivo per nascondere la documentazione di quanto accaduto dietro un velo archivistico?

I dilemmi che deve affrontare l’organizzazione con sede ad Amsterdam non sono semplici. Ma anche sotto altri aspetti l'amministrazione sembra oggi desiderosa di rivedere in modo alquanto preoccupante.

Nell'articolo in cui parlano del nuovo approccio alle foto dei bambini, scrivono anche che hanno la responsabilità di rivalutare in ogni momento la loro collezione. Devono rendersi conto che la scelta delle immagini è soggettiva, caratterizzata da una visione del mondo “commonwealth, maschile, bianca, occidentale” e da una prospettiva caratterizzata dalla “struttura patriarcale dell’industria”. Promettono di “rielaborare il contenuto” in futuro.

Vita quotidiana straordinaria: questa foto di un condominio a Pyongyang, in Corea del Nord, ha vinto il Single Photo Award in questa categoria. "Vita di ogni giorno" Anno 2012. Il fotografo è il bosniaco Damir Sajoli.

Vita quotidiana straordinaria: questa foto di un condominio a Pyongyang, nella Corea del Nord, ha vinto l'Individual Photo Award nella categoria “Daily Life” nel 2012. Il fotografo era il bosniaco Damir Sajuli.

Foto: Damir Sagolj/AP

È difficile dire cosa significhi in pratica. Ma tutto ciò che le persone fanno, e tutto ciò che si basa sul giudizio e sul gusto, è in una certa misura soggettivo. A questo non è possibile sfuggire, nemmeno per gli spettatori critici di oggi. Non sembra ragionevole giudicare su questa base le immagini del passato.

Inoltre, è probabilmente più importante documentare eventi traumatici e importanti che avere l’identità corretta dei fotografi che lo fanno.

La maggior parte delle persone che si recavano in zone di guerra per conto dei media occidentali erano uomini bianchi. Naturalmente è bene sottolineare dove questa affiliazione sembra aver creato per loro dei punti ciechi. È opportuno porre domande anche quando le immagini di grande dolore diventano eccessivamente belle e ben composte, come accade in alcune delle immagini più famose. Il terribile deve avere l’elemento della bellezza per raggiungerlo?

Anche la natura: i World Press Photo Awards vengono assegnati in diverse categorie, inclusa la natura.  Questa foto dei pinguini imperatori, scattata da Paul Nicklin per la rivista National Geographic, ha vinto il primo premio in storia naturale nel 2013.

Anche la natura: i World Press Photo Awards vengono assegnati in diverse categorie, inclusa la natura. Questa foto dei pinguini imperatori, scattata da Paul Nicklen per la rivista National Geographic, ha vinto il primo premio di storia naturale 2013.

Fotografia: Paul Nicklen/AP

Ma non è possibile creare un nuovo passato, quando l’industria fotografica era più diversificata e inclusiva. E quelli che se ne sono andati sono quelli che se ne sono andati. Molti di loro hanno rischiato la vita. Molti di loro avevano grandi pesi mentali da sopportare a causa di questo lavoro.

Gestivano un grande potere e ogni potere deve essere esaminato con occhio critico. Ma senza di essa, molti altri crimini del passato rimarrebbero nell’oscurità.

READ  Qui c'è una coda a un chilometro dall'aeroporto