Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I fan dell’Everton si sono persi il meglio del mondo

Artista capobanda. (Immagine: reale, Twitter)

Carlo Ancelotti, volpe argentata italiana. Un manager che trasuda autorità e calma. Laddove altri allenatori seguono una filosofia calcistica totalmente consapevole e vanno alla deriva su emozionanti montagne russe a bordo campo, Ancelotti ha guidato squadre molto diverse con piani di battaglia molto diversi.

Quest’autunno a Madrid si vociferava che Carlo Ancelotti non fosse considerato la persona giusta per riportare il club in vetta alla Champions League. A metà marzo non c’è una parola che metta in discussione la competenza e la benedizione degli italiani. La svolta contro il PSG e la gestione della partita che ha mandato fuori dalla Champions Thomas Tuchel e i giocatori del Chelsea la dice lunga su Ancelotti.

Leggi: Hat Trick Non far cambiare idea a Eric Ten Hag

Quando il 62enne ha lanciato il progetto Everton la scorsa estate e ha preso il posto di Zinedine Zidane, le aspettative erano alte, ma altrettanto alti erano i dubbi su Ancelotti come uomo giusto.

In rotta verso il Real Madrid 35. Titolo della Liga e biglietto per le semifinali di Champions League, il dubbio è svanito.

Il primo allenatore a raggiungere le semifinali di Premier League in quattro decenni diversi, per diventare il primo allenatore a vincere lo scudetto in tutti e cinque i principali campionati europei.

Ancelotti raramente urla e ulula a bordo campo, indietreggia dalle manifestazioni di forza in conferenza stampa e generalmente tiene le luci accese. Quando Klopp e Guardiola hanno una loro filosofia di allenatore, Ancelotti si adatta alla rosa a disposizione. Dal super attacco del Real Madrid contro il Chelsea, al super difensivo contro l’Everton in un periodo che ha visto tanti infortuni.

READ  Un nuovo combattimento di Sandro Tonali

MITO+: Benzema lo sapeva già quando aveva 17 anni

Citiamo Klopp e Guardiola come due dei migliori giocatori del mondo, ed è facile dimenticare Carlo Ancelotti. Se il Real Madrid vincerà la Champions League con l’italiano a bordo campo, Klopp e Guardiola dovrebbero stare ben dietro al 62enne.

Scomparso a Balløya. (Foto: Everton, Twitter)

Difficilmente ci fermeremo a chiederci fino a che punto Ancelotti avrebbe potuto portare l’Everton, se fosse rimasto.