Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La maggior parte delle stanze era vuota – E24

In poco più di un anno, lo stato ha acquistato più di 1,3 milioni di pernottamenti in hotel per persone in quarantena. È costato diversi miliardi. In 13 comuni, oltre il 90 per cento delle reti alberghiere non è mai stato utilizzato.

Trama: Nel corridoio dell’hotel del Radisson Park Inn c’è un semplice comodino. Alcuni sono isolati nelle loro stanze. Durante l’epidemia, il comune di Karmoy ha mantenuto un certo numero di stanze, che erano in gran parte inutilizzate.
Inserito:

KARMØY (E24) Il Radisson Park Inn di Karmoy era già un hotel di quarantena per un certo numero di giocatori speciali quando il comune ci ha contattato nell’agosto 2021.

Il comune è stato incaricato di costruire hotel di quarantena. Hanno scelto il Park Inn e hanno subito apprezzato un certo numero di camere.

Ma gli ospiti non si sono presentati e molte stanze sono rimaste vuote.

Dall’agosto dello scorso anno alla fine dell’anno, il comune ha organizzato 1.588 pernottamenti al Park Inn. Ne sono stati utilizzati solo 14.

Lo dimostrano le segnalazioni del Comune alla Direzione della Protezione Civile e della Pianificazione dell’Emergenza (DSB).

Prezzo di mantenimento della camera d’albergo: 2,4 milioni di NOK.

– Il numero delle camere custodite dal comune è stato adeguato al numero di aerei e passeggeri stranieri in arrivo in aeroporto. Le stanze d’albergo erano pronto soccorso per i passeggeri che arrivavano in aereo, dice il sindaco di Karmoy, Vibeki Fix Johnson.

– Uno dei motivi per cui abbiamo utilizzato relativamente poche stanze è che l’area ha una comunità imprenditoriale molto responsabile che si occupa dei dipendenti o che vengono assunti dall’esterno. Ciò significa che alcune società hanno probabilmente coperto i costi degli hotel in quarantena che sono stati addebitati al comune in altre parti del paese e nel prossimo round di DSB.

I numeri di Karmøy non sono unici e la storia si ripete in altri 12 comuni norvegesi.

Il Park Inn a Karmøy è stato utilizzato dal comune come hotel di quarantena. Solo 14 notti sono state trascorse in hotel. Il comune ha pagato 2,4 milioni di corone.

Più del 90 percento delle stanze è vuoto

Da novembre 2020 all’inizio del 2022, 36 comuni sono stati incaricati dallo stato: di trovare uno o più hotel che potrebbero essere hotel di quarantena e di mantenere le camere.

READ  Importanti chiarimenti su disposizioni ed esenzioni UU

E24 ha esaminato le schede di segnalazione inviate dai Comuni alla Direzione della Protezione Civile e Pianificazione delle Emergenze (DSB). In questi moduli, i comuni riportano anche il numero di stanze che sono state utilizzate in qualsiasi momento.

In 13 dei 36 comuni, oltre il 90 per cento delle reti alberghiere acquistate era inutilizzato.

Oltre a Karmøy, questo è stato il caso di Arendal, Asker, Bærum, Elverum, Gjøvik, Gran, Kongsvinger, Larvik, Lillestrøm, Skien, Storfjord e Trysil.

Questi comuni hanno fatturato allo stato un totale di 210 milioni di NOK per l’acquisto e il funzionamento di hotel in quarantena in poco più di un anno.

Lo schema dell’hotel in quarantena è stato creato all’inizio della seconda grande ondata di infezioni in Norvegia, nel novembre 2020. Lo schema è costato allo stato più di 2 miliardi di NOK. L’aeroporto di Haugesund è uno dei punti di ingresso che ha reso gli hotel di quarantena un must a Karmøy e Haugesund.

Suggerimenti per noi: All’E24, ci affidiamo ai consigli dei nostri lettori. Chiama un giornalista E24 a E-mail Oppure tramite messaggio crittografato tramite Signal o WhatsApp al +4799240017.

Più della metà delle stanze non è stata utilizzata

È stato DSB a gestire il programma dell’hotel in quarantena. I funzionari statali, soggetti al DSB, dovevano assicurarsi che ci fossero abbastanza comuni per sponsorizzare il programma. Ai Comuni è stata affidata la responsabilità dell’attuazione pratica.

In totale, lo stato, in tutti i comuni, ha acquistato più di 1,37 milioni di pernottamenti in hotel in tutto il paese. 780.000 notti mai utilizzate. Ciò corrisponde al 57% di tutte le reti alberghiere.

I dati del DSB hanno mostrato che lo schema di quarantena dell’hotel è finora costato allo stato 2,17 miliardi di NOK.

Abbiamo sempre cercato di bilanciare le esigenze di preparazione alle emergenze con la spesa. Costi di preparazione alle emergenze, afferma Elizabeth Longva, direttrice della preparazione alle emergenze presso la Direzione della Protezione civile e della pianificazione delle emergenze.

READ  Tutti quelli che sono andati alla Fagland Room 8302 a Dragvoll devono essere isolati

Le spese si riferiscono non solo all’acquisto di camere d’albergo, ma anche a trasporti, sicurezza, cibo, traduttori e stipendi ai dipendenti municipali che hanno lavorato con i programmi.

I questionari mostrano che c’è una differenza molto grande tra i comuni in quanto vengono effettivamente utilizzati gli hotel di quarantena.

Mentre alcuni comuni non hanno mai avuto davvero bisogno di ciò per cui hanno pagato, la situazione in altri durante parti della pandemia è stata descritta come critica. Così cruciale è che il Direttore di Stato ha incaricato i comuni vicini di dare il cambio a quelli più sotto pressione.

1,3 milioni di notti

La recensione dell’E24 mostra:

  • Lo stato, in tutti i comuni, ha acquistato 1,37 milioni di notti negli hotel di 36 comuni.
  • Non sono mai state spese più di 780.000 notti, il 57% di tutte le notti in hotel acquistate.
  • In 13 comuni oltre il 90 per cento dei pernottamenti acquistati dal comune sono rimasti inutilizzati. In questi comuni, il programma dell’hotel in quarantena è costato un totale di 210 milioni di NOK.
  • In soli nove comuni è stata utilizzata più della metà delle reti alberghiere.
  • Ullensaker, Sandefjord, Oslo e Bergen hanno rappresentato la maggior parte dei costi dello stato associati al programma, in quanto i più grandi punti di accesso in Norvegia.

Queste cifre sono tratte dalle richieste di rimborso presentate dai comuni dall’inizio del programma di quarantena degli hotel fino a gennaio e febbraio di quest’anno.

I comuni hanno concesso all’E24 l’accesso ai documenti in varie occasioni e alcuni hanno presentato richieste di rimborso dopo che l’E24 ha ottenuto l’accesso. Di conseguenza, non sono state incluse nel conteggio le richieste di rimborso avanzate dai Comuni successivamente.

Il programma dell’hotel in quarantena è stato interrotto a gennaio, quindi è stata inclusa solo una parte degli acquisti.

Durò per più di un anno

Lo schema di quarantena dell’hotel è durato un anno e tre mesi, da novembre 2020 a gennaio 2022.

Sono stati i comuni che il DSB e i funzionari statali hanno incaricato di costruire e gestire hotel di quarantena, ma lo stato ha pagato. Gli stessi comuni hanno stipulato convenzioni con gli hotel.

READ  Gli scienziati del clima si sono sbagliati?

Gli hotel di quarantena sono stati introdotti all’inizio della seconda ondata dell’epidemia. Quindi lo stato ha richiesto a tutti coloro che sono entrati in Norvegia di rimanere in hotel di quarantena per dieci giorni, se non erano residenti in Norvegia.

Il sistema è stato modificato più volte in linea con le devastazioni della pandemia.

Nei casi in cui le persone arrivavano in Norvegia per lavoro, il datore di lavoro doveva pagare un importo scontato. Erano 500 corone a notte nella maggior parte dei casi di pandemia. Per le stanze lasciate inutilizzate, lo stato ha preso l’intero conto.

DSB: – Ci devono essere stanze vuote

– È importante per me dire che si tratta di costi di emergenza. Voglio dire, ovviamente, devi considerare il costo e qual è l’effetto. Ma questa era una misura di emergenza e avere stanze vuote nel caso ce ne fosse bisogno era una precauzione.

Questo è ciò che dice Elizabeth Longva di DSB.

– Dovrebbero esserci stanze vuote. È davvero un’assicurazione. Si tratta di qual è il giusto livello di preparazione. Ora sappiamo cosa è giusto, ma all’epoca non abbiamo messo insieme queste informazioni.

Dipende da come i comuni risolvono questo compito, dice Longfa, e dice che molti di loro sono arrivati ​​”molto, molto lontano”.

Elizabeth Longva è la direttrice della preparazione alle emergenze presso la direzione della protezione civile e della pianificazione di emergenza.

soddisfatto dei comuni

L’E24 ha fornito dati al DSB che mostrano che il 57% delle reti alberghiere acquistate erano vuote.

– Pensi che sia ragionevole che così tante stanze siano vuote?

Ci sarà una valutazione dei costi di preparazione alle emergenze. I segnali che sono stati dati a noi e ai comuni sono stati che avremmo dovuto avere abbastanza spazio in caso di emergenza. Che fosse troppo o troppo poco, spettava davvero ai poteri superiori dire qualcosa al riguardo. Longva dice che abbiamo ricevuto un ordine da loro.

– In 13 comuni, oltre il 90 per cento delle notti è rimasto inutilizzato. È accettabile avere una percentuale così alta di stanze inutilizzate?

– Otteniamo un mandato dal Ministero della giustizia e della preparazione alle emergenze e dal governo, lo risolveremo in una situazione difficile. Il governo ha assicurato di avere disposizioni per queste spese. Il numero è alto, ma se questo può essere risolto in un altro modo, la valutazione potenziale dovrebbe indicare qualcosa.

Ai comuni è stato detto fin dall’inizio che l’intero costo del programma sarebbe stato coperto. Longva non ritiene che ciò abbia influito sui costi sostenuti dai comuni.

Le cifre mostrano che i comuni hanno trovato soluzioni convenienti nel quadro presentato. Quindi la nostra chiara impressione è che i comuni siano stati consapevoli e abbiano fatto del loro meglio, in una situazione molto difficile.

– Sei contento di come hai risolto?

– Si certo. Non ho motivo di dire il contrario.