Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I mercati finanziari dovrebbero temere le elezioni francesi?  -E24

I mercati finanziari dovrebbero temere le elezioni francesi? -E24

Marine Le Pen come Presidente della Francia causerà crescenti turbolenze sui mercati, e un’uscita francese (frexit) causerà il caos. Ma se le elezioni venissero perse, l’attenzione dei mercati finanziari si concentrerebbe invece sullo sviluppo economico dell’Eurozona. È migliore della sua reputazione.

Pubblicato: Pubblicato:

Questi sono i fatti

I fatti esprimono la posizione di chi scrive.

Soffiano venti populisti Attraverso l'Europa. Quest’anno si terranno le elezioni in diversi paesi europei, dove sono in aumento i partiti populisti di destra e anti-UE.

I mercati sono maggiormente concentrati sulla FranciaLa seconda economia più grande dell’area euro. Tra le altre cose, la leader del Fronte Nazionale Marine Le Pen ha votato a favore della sostituzione dell’euro con il franco francese.

Circa l'80% sono francesi Quanto al debito nazionale, che ammonta a 1.700 miliardi di euro, ovvero l'equivalente di due fondi petroliferi interi, è emesso secondo la legge francese. Può essere cambiato con un tratto di penna. Pertanto, un investitore che prestasse denaro allo Stato francese potrebbe ottenere un franco per un euro. Ma quale sarà il valore del franco francese alla fine è molto incerto. Ci sono buone ragioni per credere che l’euro varrà molto meno dell’euro.

Leggi anche

Preoccupazioni elettorali francesi nel mercato dei tassi di interesse: gli hedge fund si proteggono dallo scenario di crisi

Presumibilmente una tale ridenominazione Può essere definito come un default e un evento che attiva i pagamenti nei contratti di assicurazione del credito (CDS). In questo caso, si tratterebbe di uno dei più grandi default del debito nazionale nella storia del mondo. Inoltre, un eventuale ritiro della Francia minaccerebbe l’intera cooperazione dell’eurozona e l’esistenza dell’euro. Molti la chiamano la nuova Lehman Brothers “e molto di più”. Pertanto, la paura del mercato nei confronti di Le Pen come presidente non è difficile da comprendere. Recentemente, gli investitori hanno iniziato a richiedere un premio aggiuntivo per i prestiti di denaro allo Stato francese. Molti si stanno spostando verso porti più sicuri. Gli investitori pagano ora quasi l’1% per prestare denaro allo Stato tedesco per due anni.

READ  - Penso che Evergrande sia finito - E24

Quanto è probabile che si verifichi un frexit? Ci sono molti indicatori secondo cui Le Pen riceverà il maggior numero di voti nel primo dei due turni di votazione del 23 aprile, ma ben al di sotto del 50%. Nel secondo turno elettorale del 7 maggio, i sondaggi d'opinione indicano che l'affluenza alle urne è stata di circa il 40%. Macron, favorevole alle riforme e favorevole all’Unione europea, sembra essere il candidato più probabile. L’esperienza della Brexit e di Trump è che non si può e non si deve fare troppo affidamento sui sondaggi d’opinione. Ma anche se Le Pen diventasse presidente, dovrà prima ottenere il sostegno del Parlamento per avviare il processo di ritiro. Poi bisogna convincere la gente a partecipare al referendum. La stragrande maggioranza delle persone esprime la propria ammirazione per l’euro. Pertanto, ci sono molti ostacoli sul percorso che rendono improbabile una vera e propria crisi dell’euro.

Le Pen dovrebbe essere eletto presidente?Tuttavia, le turbolenze e le incertezze continueranno a essere un segno distintivo dei mercati finanziari europei. Ma se perdesse le elezioni, come indicano i sondaggi d’opinione, cosa che in definitiva è più probabile, l’attenzione del mercato potrebbe rapidamente spostarsi sulle condizioni economiche dell’Eurozona. Sono migliori della loro reputazione.

Negli ultimi tre anni la crescita nell’area dell’euro è aumentata Era vicino al due per cento. Nel contesto storico non è molto elevato, ma visto l'andamento della popolazione è in realtà molto forte. Il numero di persone in età lavorativa che stanno sul posto e riposano o cadono leggermente. Pertanto, la crescita necessaria per mantenere stabile la disoccupazione non è molto superiore all’1%. Pertanto, la crescita degli ultimi anni è più che sufficiente per ridurre i tassi di disoccupazione. Dall’estate del 2013 anche il tasso di disoccupazione è sceso da poco più del 12% al 9,6%, come misurato di recente. Se gli sviluppi degli ultimi anni continueranno, la disoccupazione nei paesi dell’euro tornerà al suo livello normale (media nel periodo 2000-2008) in poco più di un anno. Pertanto, i paesi dell’euro sono solo pochi anni indietro rispetto agli Stati Uniti nella corsa.

READ  Tesla interviene nel mining di Bitcoin

In generale, la politica economica è buona La base per un’ulteriore crescita nei paesi dell’euro. Innanzitutto, la politica monetaria della Banca Centrale Europea è altamente stimolante. Attraverso un tasso di interesse negativo, stampando moneta per acquistare titoli e prestiti molto convenienti alle banche, la BCE è riuscita ad ottenere un tasso di interesse basso che porta ad abbassare i tassi di interesse sui prestiti, anche nei paesi periferici. La crescita dei prestiti è in aumento e contribuisce ad aumentare la domanda. Allo stesso tempo, l'euro si è indebolito notevolmente a causa della politica della Banca Centrale Europea. Ciò ha migliorato la competitività delle imprese europee. Inoltre, la politica di bilancio appare poco stimolante. Ciò è in netto contrasto con le severe misure di austerità adottate durante la crisi del debito sovrano di alcuni anni fa.

Leggi anche

Cresce il timore di un forte calo del valore dell'euro: – Nel peggiore dei casi, non avremo più l'euro

Indicatori chiave per l’area dell’euro Ciò indica un’ulteriore ripresa della crescita nel 2017. Tra i quattro principali paesi dell’Eurozona, la Germania ha registrato ottimi risultati per molto tempo, e la disoccupazione è ora la più bassa dalla riunificazione tedesca. La Spagna, gravemente colpita dalla crisi finanziaria, è diventata uno dei paesi in più rapida crescita nel mondo occidentale. La disoccupazione sta diminuendo rapidamente. In Italia le cose vanno bene al Nord. Tuttavia, l’Italia meridionale, che costituisce circa un terzo dell’economia italiana, si trova ad affrontare sfide strutturali significative. Anche in Francia la crescita è stata per diversi anni intorno all’1% e la disoccupazione è rimasta elevata. Ma gli indicatori anticipatori ora indicano un raddoppio della crescita. Pertanto l’incertezza politica non sembra incidere in modo significativo sulle imprese.

READ  Alan Walker ha guadagnato 28,4 milioni di dollari comprando due Lamborghini

Nonostante l’aumento dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea A distanza, un buon sviluppo economico rafforzerà le argomentazioni di molti critici della politica monetaria estrema. Molti si aspettano che la Banca Centrale Europea annunci un piano per porre fine agli acquisti di titoli nel corso del 2017. Quando la banca centrale statunitense ha annunciato questo piano di tapering nel 2013, abbiamo assistito a una significativa correzione al rialzo dei tassi di interesse a lungo termine. L’attuale incertezza politica sui mercati potrebbe contribuire a mantenere bassi i tassi di interesse europei a lungo termine.

Questa volta bisognerebbe fare dei sondaggi d’opinione Dimostrando che ciò è vero, questa incertezza sarà notevolmente ridotta. Ciò aumenterebbe le possibilità che la Banca Centrale Europea riduca i suoi acquisti di titoli.

La svolta del mercato Potrebbe quindi arrivare già il 7 maggio.

Leggi anche

– Nel peggiore dei casi, non avremo più l’euro

Leggi anche

Esperti: Sì, Le Pen riuscirà a vincere le elezioni in Francia

Leggi anche

Paura delle elezioni francesi sul mercato dei tassi: copertura contro uno scenario di crisi