Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I metalli preziosi in Africa potrebbero diventare una nuova maledizione per i poveri

I metalli preziosi in Africa potrebbero diventare una nuova maledizione per i poveri

La decarbonizzazione dell’economia globale sarà al centro della scena durante i colloqui sul clima della COP27 delle Nazioni Unite in Egitto il mese prossimo. Quando il petrolio sarà finalmente eliminato, il mondo avrà bisogno di un numero sempre maggiore di minerali utilizzati in una tecnologia più pulita. Ecco perché gli occhi del mondo sono ora rivolti all’Africa, dove molti paesi hanno suoli ricchi di manganese, cobalto, nichel e litio, componenti molto importanti di una tecnologia più pulita.

La sola regione del Mwanda del Gabon contiene fino a un quarto delle riserve mondiali di manganese conosciute. Lo afferma la Compagnie Miniere de l’Ogooue (Comilog), una filiale del gruppo francese Eramet, che qui estrae manganese.

Innumerevoli studi dimostrano che lo sfruttamento delle risorse in Africa ha una lunga e oscura storia di distribuzione ingiusta della ricchezza, sfruttamento del lavoro, danni ambientali e violazioni dei diritti umani.

Non mentire troppo profondamente

Tuttavia, le aspettative sono alte in Garbon.

– Siamo fortunati qui in Mwanda. Troviamo manganese da cinque a sei metri sotto la superficie, afferma il direttore della miniera Olivier Cseppi. Circa 36 tonnellate di manganese vengono estratte quotidianamente dalla miniera qui.

I grandi escavatori lavorano duramente nel desolato paesaggio a cielo aperto. Con mascelle giganti, strappano il manganese e lanciano il blocco contro i camion con un forte botto.

Il manganese è l’elemento 25 della tavola periodica. È tradizionalmente considerato un materiale molto utile ed è ampiamente utilizzato negli acciai e leghe. Ma recentemente, il metallo argentato è diventato famoso grazie al suo nuovo ruolo nelle batterie ricaricabili, che potrebbero aiutare a ridurre la dipendenza del mondo dai combustibili fossili.

La maledizione del petrolio

Ma le aspettative che il boom minerario porti a un nuovo boom tra la maggior parte delle persone nel continente più povero del mondo non sono molto alte. D’altra parte, il timore di ripetute estrazioni petrolifere in Africa è grande.

Nei paesi africani produttori di petrolio, l’oro nero ha solitamente significato grande ricchezza per pochi ben collegati – ed è quindi spesso una maledizione per la stragrande maggioranza dei poveri.

Molta corruzione ha risucchiato denaro dai piani stradali, dagli ospedali e dalle scuole. Il danno all’ambiente era spesso tutto ciò che restava alla gente del posto.

Potenziale enorme

– L’ex capo economista della Banca africana di sviluppo, Rabah Arezki, afferma che il potenziale dell’Africa è enorme in termini di minerali.

– Ma aggiunge – non ci sono buone ragioni per credere che questi valori andranno a beneficio del popolo africano. Si ritiene che i meccanismi di gestione siano molto poveri per questo.

I depositi di nuovi minerali si susseguono a un ritmo sorprendente e le riserve rimangono sconosciute perché finora sono stati fatti così pochi scavi.

La società australiana Firefinch Ltd, ad esempio, ha cercato oro a Goulamina, nel sud del Mali.

– Quando stavamo cercando l’oro, ci siamo imbattuti nel litio, afferma Seydou Simija, geologo e direttore locale dell’azienda.

Firefinch ha creato una filiale locale, Leo Lithium, e ha aperto una miniera di litio nel nuovo anno, una struttura che le aziende ritengono possa creare 1.200 posti di lavoro e generare oltre 100 milioni di dollari all’anno in tasse e profitti.

Simon Hay, direttore di Leo Lithium, ritiene che l’Africa potrebbe sicuramente essere la più importante fonte mondiale di litio.

READ  Pagare Ronaldo potrebbe comportare una multa di 600 milioni

Devi avere una politica sociale

Comilog, che gestisce la miniera di Moanda dal 1960, afferma di aver creato 3.400 posti di lavoro diretti e 6.000 indiretti e di aver contribuito con circa 345 milioni di dollari all’anno all’economia nazionale in varie forme. Inoltre, l’azienda ha fornito milioni di dollari in servizi sanitari e educativi alla popolazione.

È necessario disporre di una politica sociale vincolante in modo che questa ricchezza possa essere condivisa, afferma il CEO Iod Paul Batullo.

Comilog desidera anche elencare i suoi principi ecologici, che includono la riabilitazione e il reimpianto dei siti di estrazione, la rimozione del carbonio dal mix energetico delle piante, oltre a porre limiti all’invasione delle aree selvatiche.

stringa di valore mancante

Il problema principale è che l’Africa viene solitamente utilizzata come fonte di materie prime, ma non per la lavorazione delle merci, afferma Gilles Lipsant, geografo del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS).

Se l’attività si limita all’estrazione mineraria e all’estrazione di minerali, l’Africa non trarrà alcun vantaggio dalla transizione energetica dell’Europa. Ritiene che sia assolutamente necessario investire nella catena del valore.

Ha individuato il Congo, che si ritiene abbia la metà delle riserve mondiali di cobalto. Il paese è un buon esempio di opportunità e maledizioni. Qui, un’attività mineraria scarsamente regolamentata porta a notevoli danni ambientali e incoraggia anche il lavoro minorile, un fenomeno difficile da contrastare quando molte famiglie dipendono da questo reddito.

Le richieste dei paesi ricchi

Quando si tratta di foreste tropicali, molti paesi ricchi richiedono la tracciabilità del legname e del lavoro per rassicurare i consumatori preoccupati a casa.

READ  Atterrato l'ultimo aereo Alitalia - E24

– Lepesant ritiene che la tracciabilità sia molto difficile da ottenere per i metalli utilizzati nelle batterie delle auto e in altri gadget elettronici.

– In molti casi il metallo viene esportato per la raffinazione in altri paesi, ad esempio la Cina, e poi combinato con altri metalli. Pertanto, diventa difficile dire se il cobalto nella tua linea di produzione provenga effettivamente da una miniera in Congo, sottolinea.

L’analista Hugo Brennan della britannica Verisk Maplecroft afferma che i paesi africani devono fornire incentivi per investire implementando standard sociali e ambientali. È un atto di equilibrio molto difficile.