Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I residenti e gli elettori di sinistra possono decidere le elezioni presidenziali francesi – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

NRK incontra Mahadamadou, 28 anni, al Canal Saint-Denis di Parigi. Sedersi su una panchina durante una pausa nella giornata lavorativa. È originario del Mali, ma vive in Francia con la moglie e la famiglia. Può votare, ma non gli importa.

– Non mi interessa. Ai politici non interessa. Dice che non ho mai votato.

A Mahadamadou non importa. non voterà.

Foto: Rolf-Petter Olaisen / NRK

Penso che Le Pen vinca una bassa affluenza

E non è solo in questo. Appartiene al gruppo che Marine Le Pen ed Emmanuel Macron hanno cercato di attirare dal divano alle urne. Negli ultimi giorni della campagna elettorale, hanno viaggiato per tutta la Francia e hanno incontrato persone nelle strade e nelle piazze.

I sondaggi mostrano che è probabile che dal 25 al 30 per cento degli elettori rimanga a casa. Questa percentuale è ancora più alta tra i giovani. Al primo turno delle elezioni, oltre il 40 per cento della fascia di età tra i 18 e i 35 anni ha scelto il divano sul seggio elettorale.

Nelle ultime elezioni presidenziali, la percentuale era molto più bassa, poco meno del 30 per cento.

– Potrebbe costare una vittoria ai proprietari terrieri per Emmanuel Macron. Per lui è molto importante che vadano a votare adesso.

Alex Gilden, giornalista de L'Express

Alex Gilden, giornalista de L’Express.

Foto: speciale

Questo è ciò che ha detto lo svedese-francese Axel Gilden a NRK. Ha vissuto in Francia per tutta la vita. Oggi lavora come giornalista per il famoso settimanale L’Express. Si ritiene che molti elettori di sinistra che ora stanno a casa sostengano Le Pen, infatti.

Perché se avessero votato, non avrebbero votato per lei, dice Gilden.

Chiudi il naso quando voti

Circa la metà di coloro che hanno votato al turno precedente non ha votato Macron o Le Pen. Ora dovresti trovare un altro filtro.

I francesi non sono contenti di nuovo della rivincita tra Macron e Le Pen. Entrambi sono contro Le Pen e Macron. Non sceglieranno tra questi due, afferma Frederic Dabi, direttore dell’istituto elettorale Ifop: TF1.

Accanto al Canal Saint-Denis si trova e Rouen. Domani farà quello che molti chiamano il suo “naso” quando voteranno.

Il candidato che voleva non è avanzato dal primo turno delle elezioni. Ora voterà per qualcuno che non gli piace per cercare di impedire a qualcuno che ama di peggio di salire al potere.

Voterò contro Marine Le Pen. Quindi devo votare per Emmanuel Macron. Ma io non lo sostengo, è di destra e io sostengo la sinistra, dice Rowan.

Stanco delle “controvoci”.

Secondo Gilden, molti francesi sono stanchi di questo. Molti di coloro che hanno votato per Macron per bandire Le Pen cinque anni fa sentono di non essere stati ascoltati. Non hanno ottenuto nulla per il loro voto.

– Pensano: “No, ora non mi ingannerà più. Perché mi alzo in piedi e partecipo di nuovo a questo? Ho parlato con molti che dicono questo.

Rowan dice che conosce molto bene ciò che Gilden sta dicendo qui. Dice che molti sono stanchi di questo sistema.

Rawan

Rowan pensa che sia importante votare lontano da quello che non vuoi.

Foto: Rolf-Petter Olaisen / NRK

Ho molti amici che hanno votato a sinistra, ma non preoccuparti di votare quest’anno. Sono stanchi di votare per qualcuno che non gli piace. Dice: Siamo stanchi di non essere ascoltati.

Il candidato di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon ha ricevuto più di 7 milioni di voti al primo turno delle elezioni. Chi sosterrà questi elettori ora, può essere decisivo.

Dice il capo dell’istituto elettorale IFOP le Figaro L’esito delle elezioni ora dipende da cosa vogliono fare.

Mélenchon ha ripetuto più volte la notte delle elezioni che non un solo voto dovrebbe andare a Le Pen. Ma per molti dei suoi sostenitori andare alle urne per votare Macron è fuori portata.

no o

Quindi c’è chi vota a vuoto e questa volta sembra che ce ne siano parecchi. Sia Gabriel che Joseph dicono che hanno intenzione di farlo.

Joseph, 20 anni, dice che nessuno dei candidati ha un programma che gli piace. Vuole qualcos’altro.

– Penso di dare un segnale votando in bianco. La Francia deve capire che bisogna fare qualcosa per noi giovani.

Giuseppe

Giuseppe non è felice. Voterà in bianco.

Foto: Rolf-Petter Olaisen / NRK

Qui il giornalista franco-svedese è d’accordo con Emmanuel Macron che ha affermato che non esiste una voce completamente “pura”. Una voce che puoi avere per un politico che pensa completamente a te stesso.

Sono un po’ sorpreso dai francesi a volte. La gente parla delle elezioni presidenziali come se fosse un supermercato dove puoi acquistare esattamente il prodotto che desideri, dice Gilden.

Non c’è nessun candidato su cui sei d’accordo al 100 percento. Continua: Scegli tu quello che non ti piace di meno.

Elettori entusiasti per la prima volta

La diciannovenne Emily e la ventenne Azinour non hanno intenzione di arrendersi alle elezioni di domenica. Hanno già votato alle elezioni locali, ma questa è la loro prima elezione presidenziale.

E anche se non hanno ricevuto il loro ambito candidato per questo round, domani si presenteranno alle urne. Voteranno contro Le Pen.

Macron è meno cattivo di Le Pen, dice Azinour.

I due dicono che discutono molto di politica, ma sono scontenti delle questioni che erano all’ordine del giorno della campagna.

– Parlavano a malapena del clima. Emily pensa di aver speso troppo tempo in stupidi attacchi personali.

Azinore (a sinistra) ed Emily

Azenor (TV) ed Emelie pensano che i politici avrebbero dovuto parlare di più delle questioni climatiche.

Foto: Rolf-Petter Olaisen / NRK

READ  I soldati russi vogliono arrendersi - NRK Urix - Notizie e documentari esteri