Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I revisori di NRK boicottano l'Eurovision e si accaniscono contro il proprio canale:

I revisori di NRK boicottano l'Eurovision e si accaniscono contro il proprio canale:

Tra poche settimane avrà inizio l'Eurovision Song Contest di quest'anno. Sul palco, Gat lotterà per la vittoria della Norvegia.

Eurovision Song Contest: un festival popolare?


Il concorso musicale, che si vanta di essere un festival popolare “apolitico”, quest'anno è caratterizzato da massicce proteste e manifestazioni. Molti minacciano anche di boicottare la competizione se Israele sarà autorizzata a partecipare.

vittoria: Ora è chiaro chi rappresenterà la Norvegia all’Eurovision di maggio. Foto da NRK.
Mostra di più

Come parte della cerimonia, che dura una settimana, i critici musicali di tutto il paese lodano, elogiano e analizzano ogni anno tutte le voci.

Coloro che non vedevano l'ora di leggere le recensioni un po' umoristiche di NRK sulle 37 canzoni di quest'anno probabilmente ora rimarranno delusi:

A detta di tutti, quest'anno non ci saranno recensioni dal canale statale, perché i revisori musicali di NRK hanno scelto di boicottare la competizione.

Brevemente

  • I critici musicali della NRK stanno boicottando l'Eurovision Song Contest di quest'anno a causa della partecipazione di Israele.
  • Credono che la competizione non sia coerente con il genocidio in corso a Gaza.
  • I revisori della NRK volevano fare pressione sul regolatore affinché impedisse a Israele di competere.
  • Anche molti artisti hanno criticato la partecipazione di Israele.
  • Tuttavia, l'Unione europea di radiodiffusione ha accolto con favore l'ingresso di Israele nella competizione.
  • Lo boicottiamo a causa della partecipazione di Israele e crediamo che la natura dell’Eurovision sia incompatibile con il genocidio in corso a Gaza. Come revisori dell'Eurovision, siamo abituati ad accettare il tono celebrativo e non celebrativo del concorso, e quest'anno sembrerà banale, sacrilego e semplicemente come un completo tradimento del popolo palestinese riconoscere la partecipazione di Israele, afferma il critico musicale Espen Borg. In NRK, per Dagbladet.

    READ  I discepoli norvegesi di Mussolini
    -Non è colpa nostra

    -Non è colpa nostra


    Poster L'ho menzionato per primo.

    La redattrice culturale ad interim, Helen Hellestad, conferma la situazione al Dagbladet.

    Contanti: Giovedì il Broadcasting Council ha discusso della partecipazione di Israele alla competizione Eurovision 2024, dopo circa 100 reclami.
    Mostra di più

    – È vero che gli appaltatori che NRK assume solitamente per valutare le canzoni non vogliono fare questo lavoro quest'anno. In linea con le linee guida, NRK coinvolge sempre critici esterni per rivedere i contenuti di NRK. I freelance sono liberi di rifiutare richieste di incarico e quest'anno stiamo esaminando come risolvere questo problema.

    Hellestad aggiunge che quest'anno la National Broadcasting Corporation (NRK) avrà comunque la copertura stampa della competizione e trasmetterà anche, ad esempio, i programmi di Adresse Malmø.

    Queste modifiche sono state apportate

    Queste modifiche sono state apportate


    Il critico musicale Borg afferma che, come altri recensori, ha sempre voluto che NRK facesse pressione sul regolatore (EBU) per impedire a Israele di competere, come ha fatto la Russia nel 2022.

    -Pensiamo che questo sarebbe stato un segnale importante per altre emittenti. La resistenza tra la gente è palpabile, soprattutto in Scandinavia, come lo era anche quando la Russia fu messa al bando. A quel tempo, la Norwegian Broadcasting Corporation non aveva problemi a confrontarsi con l'Unione europea di radiodiffusione con la partecipazione della Russia. Riteniamo che NRK si stia comportando in modo codardo e vergognoso nel gestire la partecipazione di Israele.

    pubblicazione: Venerdì 5 gennaio verrà annunciato chi parteciperà al MGP di quest'anno. Molte persone stanno reagendo al fatto che Israele è uno dei paesi a cui sarà permesso di partecipare quando la competizione passerà all'Eurovision Song Contest.
    Mostra di più

    Il redattore culturale ad interim riconosce che l’evolversi della situazione a Gaza e nel Medio Oriente sta creando disperazione e impegno. Ma dice:

    – In quanto emittente pubblica, NRK non può decidere la propria politica estera o il boicottaggio culturale di un altro paese. Nessun altro Stato membro dell’UE ha chiesto di bandire Israele dall’adesione all’ECOSOC.

    READ  Emil "Fu" Neering: - Ci sono state molte lacrime

    Lo ha detto in precedenza il direttore della radiodiffusione Vibeke Fürst Haugen al Consiglio della radiodiffusione.

    Messaggio chiaro: - Non comodo

    Messaggio chiaro: – Non comodo


    Crediamo che chiedere un boicottaggio culturale di Israele indebolirà la nostra credibilità come emittenti di notizie. Forrest Haugen ha affermato che NRK è un'emittente pubblica, non un'organizzazione politica.

    L’atmosfera che circonda il concorso è così amara che ogni evento legato all’Eurovision viene accolto da manifestanti ricoperti di sangue finto, diverse centinaia di artisti hanno firmato petizioni contro il concorso e gli artisti partecipanti hanno ricevuto minacce di morte e commenti di odio nei loro confronti.

    Molti artisti si sono anche ritirati dalla partecipazione agli eventi legati al concorso, ha scritto un giornale svedese Aftonbladet.

    Sabato, verso la fine della prima finale del Grand Prix Melody, un manifestante ha tentato di interrompere il programma televisivo in diretta. Video: NRK
    Mostra di più

    Sebbene abbiano comunque scelto di partecipare, molti dei partecipanti all'Eurovision di quest'anno hanno ripetutamente espresso le loro critiche nel consentire a Israele di partecipare.

    Recentemente il GATT, insieme ai rappresentanti di Finlandia, Danimarca, Irlanda, Portogallo, San Marino, Gran Bretagna, Lituania e Svizzera, ha rilasciato una dichiarazione congiunta sulla situazione.

    Ha aggiunto: “Dato che la situazione è nei territori occupati della Palestina, in particolare Gaza e Israele, non ci sentiamo a nostro agio nel silenzio. È importante mostrare solidarietà con gli oppressi e mostrare il nostro desiderio di pace”.

    Hanno anche chiesto un cessate il fuoco permanente.

    Tuttavia, l'Unione europea di radiodiffusione (EBU) ha sempre accolto a braccia aperte l'ingresso di Israele nella competizione e ha affermato in più occasioni che un divieto per il paese è fuori discussione.

    - Molto deludente

    – Molto deludente


    Martedì hanno nuovamente rilasciato una dichiarazione sul motivo per cui un candidato israeliano era stato incluso nel concorso.

    “L'Unione europea di radiodiffusione è consapevole delle forti emozioni implicate nell'Eurovision Song Contest di quest'anno e dell'acceso dibattito scatenato dall'inclusione di un brano israeliano. Siamo contrari a qualsiasi forma di abuso o molestia diretta ai partecipanti, online o offline, e siamo impegnati a promuovere un ambiente sicuro, rispettoso e inclusivo”, come scritto, tra l’altro, su L'account ufficiale dell'Eurovision Contest su Instagram.