Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I ricercatori dell’UofT classificano le monete greche antiche in ROM

I ricercatori dell’UofT classificano le monete greche antiche in ROM

Sapevate che le monete che risuonano nelle vostre tasche assomigliano alle monete usate nell’antica Grecia?

In effetti, il design attuale delle nostre sezioni, loons e toonies, è quasi identico a quelli utilizzati più di 2.000 anni fa: un’idea che Ben Akrigg dell’Università di Toronto desidera condividere con un pubblico più ampio.

Akrig, professore associato presso il Dipartimento di Studi Classici della Facoltà di Lettere e Scienze, sta lavorando con un team di studiosi e il Royal Ontario Museum (ROM) per studiare, catalogare e pubblicare informazioni su oltre 2.000 monete greche antiche attraverso il ROMkomma progetto. .

“Le monete greche sono molto interessanti perché sono quasi le monete più antiche, almeno nella tradizione occidentale del conio”, afferma Akrig. “L’idea è quella di garantire che le nostre immagini ad alta risoluzione, le informazioni di identificazione aggiornate, la storiografia e i commenti siano disponibili sul sito web del museo per chiunque desideri vederli.”

Moneta dell’Impero Seleucide (ca. 155/4 a.C.) recante la testa del re Demetrio e Theke: la personificazione della fortuna o della fortuna.

Il progetto ROMkomma – “komma” significa “edizione di monete” in greco antico – è stato lanciato lo scorso anno ed è sostenuto dai finanziamenti del Social Sciences and Humanities Research Council of Canada (SSHRC). Akrig lavora al fianco di Boris Kropacek, professore associato e presidente del Dipartimento di Studi Storici presso l’Università di T Mississauga; Kate Cooper, professoressa assistente di insegnamento presso il Dipartimento di studi storici e culturali presso la U of T Scarborough; Così come un team di studenti laureati.

Ben Akrig (foto allegata)

La prima fase del progetto, che si concluderà nel 2024, si concentra su circa 250 monete provenienti da due regioni dell’antica Grecia: la città di Atene (VI-I secolo a.C.) e le città dell’impero ellenistico dei sovrani seleucidi (IV-I secolo a.C.) secolo a.C.). Primo a.C.).

READ  cultura e spettacolo, concerto | Esperienze culturali al buio: i destini degli ebrei - e lo spazio nell'ostello

Akrig e il suo team forniscono informazioni come il peso, le dimensioni e le dimensioni di ciascuna moneta, la data approssimativa in cui è stata coniata, il significato dei marchi e altre informazioni rilevanti sul loro uso e importanza nella storia dell’antica Grecia.

Sebbene la maggior parte delle informazioni aggiornate si trovi in ​​un database esclusivamente per uso ROM interno, è lì Un piccolo database a disposizione del grande pubblico.

“In una certa misura, possiamo tenere traccia dei cambiamenti nelle economie, nella vita quotidiana e nell’uso quotidiano del denaro nelle città greche conoscendo i tipi di monete coniate”, afferma Akrig.

Per aggiornare il database, il team ha dovuto prima tornare ai file originali della ROM – alcuni dei quali vecchi di decenni – e mettere a frutto il proprio talento di ricerca.

“La mia parte preferita era la ricerca di monete misteriose”, dice Anastasia Zabalueva, dottoranda presso il Dipartimento di Lettere Classiche.

“Alcune delle immagini stampate più vecchie delle monete avevano numeri di stock errati o non avevano alcun numero, quindi abbiamo dovuto determinare il numero corretto in modo da poter abbinare l’immagine e la pagina della moneta nel database.”

Zabaloeva e i suoi colleghi hanno anche effettuato ricerche negli schedari e in altri materiali di origine per garantire l’accuratezza delle descrizioni, a volte confrontando e abbinando le descrizioni con le descrizioni di altre collezioni internazionali di monete antiche.

“Ci siamo sentiti come detective che risolvono un mistero”, dice.

La maggior parte delle monete sono d’argento e tutte sono fatte a mano. Innanzitutto, la moneta vergine veniva riscaldata per diventare più morbida e posizionata su uno stampo contenente il disegno su un lato: il lato delle teste o delle “teste”. Un altro dado contenente il disegno dell’altro lato – il rovescio o “croce” – veniva quindi posizionato sopra e colpito con un martello, creando una moneta a due facce con un solo colpo.

READ  Solo una piccola attività ha un enorme impatto sulla salute

Moneta greca (ca. 125-124 a.C.) con la testa di Atena e una civetta in piedi su un’anfora – un tipo di vasi greci.

Una serie di monete che il team sta studiando risale all’antica Atene, una delle più antiche città greche che coniò le proprie monete nella metà del VI secolo a.C.

“Se guardi alle monete ateniesi, ciò che colpisce è che sono immediatamente riconoscibili come monete, come strumenti monetari come le nostre, in parte perché assomigliano in molti modi alle monete che abbiamo in tasca”, dice Akrig.

Sul lato delle “teste”, molte di queste monete presentano il ritratto di Atena, la dea della saggezza e della guerra e protettrice della città. Il rovescio delle monete mostra simboli associati ad Atena come la civetta o il ramoscello d’ulivo.

“Il gufo è un simbolo di saggezza associato alla dea, sebbene i gufi abbiano anche altri significati”, dice Akrig.

Moneta di epoca ellenistica (ca. 300-295 a.C.) raffigurante la testa di un giovane Ercole e Zeus seduti su un trono con in mano un’aquila.

Le monete successive dell’Impero seleucide spesso collocavano i sovrani sul dritto, in particolare Alessandro Magno, con l’immagine di un dio come Zeus o Apollo sul rovescio, così come una varietà di creature come tartarughe, leoni ed elefanti. .

“Alla fine del IV secolo a.C., alcuni dei re che succedettero ad Alessandro misero l’immagine di Alessandro sulle loro monete, ma dopo un po’ i re pensarono: ‘Aspetta, perché non ci travestiamo?'” dice Akrigg. ” Quindi le monete divennero un modo per confermare la loro legittimità.” Come re nei loro nuovi regni.”

Per Zabaloeva, il progetto ROMkomma è molto più che una semplice analisi di manufatti antichi e la determinazione di quale lato appare su quale moneta: è un viaggio nella storia culturale.

“Ogni regno raffigurato sulle monete rappresenta qualcosa di molto importante per la comunità: potrebbe essere un dio o una dea, un animale, un sovrano o un simbolo astratto”, afferma.

READ  Battaglia di Mariupol - Dentro Azovstal:

“È molto più di un semplice mezzo di scambio. È una dimostrazione di cultura locale, storia, potere e propaganda governativa, tutto allo stesso tempo.”

Questa tradizione rimane relativamente invariata. La maggior parte delle monete canadesi hanno un ritratto della defunta regina Elisabetta II su un lato – e per le monete, i quarti e i nichel, rispettivamente un lunatico, un caribù e un castoro sull’altro lato.

Sebbene ROMkomma sia un progetto enorme che alla fine richiederà anni per essere completato, Akrig afferma che sarà sempre entusiasta di vedere le monete in prima persona.

“Le monete sono prodotte in serie, ma poiché sono fatte a mano, ognuna è unica”, afferma. “Non esistono due monete esattamente uguali. Sono piccole opere d’arte uniche.”

/Liberazione generale. Questo materiale dell’organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica ed è modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage News non assume posizioni aziendali o partiti e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle dell’autore/i. Visualizzale integralmente qui.