Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– I rischi climatici devono governare – E24

Molti degli investimenti del fondo petrolifero nell’industria automobilistica, tra le altre cose, non sono allineati con gli obiettivi climatici, secondo un’analisi del World Wide Fund for Nature del WWF. Il rischio climatico deve essere integrato nell’intera gestione, afferma un consulente del WWF.

Una nuova analisi di Influencemap mostra che le società che Oljefondet possiede nel settore automobilistico, tra le altre, non hanno ancora piani in linea con l’accordo di Parigi, nonostante la ristrutturazione del settore. L’illustrazione mostra la produzione della Taycan, il primo veicolo elettrico del Gruppo Porsche.

Thomas Kinzel / Agence France-Presse

Pubblicato: Pubblicato:

Fondo petrolifero Autorizzazione Significa ottenere il massimo rendimento possibile con il minor rischio possibile.

Ma molte organizzazioni ambientaliste temono che i soldi del petrolio norvegese siano attualmente investiti in aziende e industrie che sono in conflitto con gli obiettivi sul clima dell’accordo di Parigi. Quindi cambieranno il mandato del fondo.

Stefano Esposito è un consulente di finanza sostenibile presso il World Wide Fund for Nature del WWF.

WWF / Lynn Jensen

Il governo sta attualmente valutando i rischi climatici a cui è esposto il Fondo per il petrolio. Il WWF ritiene che il rischio climatico dovrebbe essere in prima linea nella strategia di investimento del fondo.

Oggi, secondo il WWF, molti investimenti in fondi petroliferi non sono allineati con gli obiettivi climatici.

Hanno incaricato Influencemap di analizzare gli investimenti del Fondo Petrolifero nei settori del petrolio e del gas, dell’auto, del carbone e dell’energia.

L’analisi mostra che le società nel portafoglio dei fondi petroliferi nel complesso hanno una deviazione del 15% da uno scenario allineato con gli obiettivi climatici, afferma Stefano Esposito, consulente finanziario sostenibile del WWF, a E24.

Secondo l’analisi di Influencemap, sono gli investimenti del fondo nelle industrie petrolifere e automobilistiche che si discostano così tanto dagli obiettivi di Parigi.

La figura seguente mostra come i diversi settori siano in linea con l’accordo di Parigi, secondo lo strumento di mappatura di InfluenceMap. L’analisi è stata effettuata dalle società in cui era investito il fondo all’inizio del 2021.

Può influenzare le aziende

Il WWF ritiene che il fondo petrolifero dovrebbe mettere al primo posto le considerazioni sul clima, abbandonando le società che hanno piani non in linea con gli obiettivi di Parigi o aumentando la pressione per convincere le aziende a cambiare i piani.

Esistono varie strategie per cambiare questa contraddizione. Si può, ovviamente, influenzare le aziende ad adattare i loro piani per allinearli all’accordo di Parigi. Puoi anche venderti alle peggiori aziende e acquistare nelle migliori aziende, dice Esposito.

Crede che il problema con il Petroleum Fund sia che non può discostarsi molto dalla sua roadmap, o dal cosiddetto benchmark. Esposito ritiene che l’attuale mandato di investimento non tenga esplicitamente conto dei cambiamenti climatici e dei rischi climatici.

Pertanto, riteniamo che il rischio climatico debba essere integrato nell’intera amministrazione e quindi governare, tra le altre cose, le società in cui il fondo acquisterà, afferma.

La roadmap odierna (benchmark) riflette in gran parte il mercato globale. Tuttavia, il WWF ritiene che il mercato finanziario non abbia valutato adeguatamente il cambiamento climatico e che l’attuale roadmap porterà il fondo a investire in società che contribuiscono a un mondo insostenibile.

WWF Torna a Greening the Financial System Network (NGFS), una rete di 87 banche centrali e autorità di vigilanza, che ospita anche Norges Bank Essere con. Secondo il WWF, l’NGFS afferma che “c’è un forte rischio che i rischi finanziari legati al clima non si riflettano pienamente nelle valutazioni”.

Indaga sui rischi climatici del Fondo

I rischi climatici del Petroleum Fund sono ora allo studio di un gruppo di esperti guidato da Martin Skank. Il WWF ha messo a punto L’entrata Per il campione. A marzo, il ministero ha anche ordinato la Norges Bank Studio del rischio climatico nella scatola.

Il WWF indica che il Fondo per il petrolio ha un margine di manovra limitato per includere i rischi climatici nel suo mandato esistente. Integreranno i rischi climatici nello stato.

L’attuale configurazione significa che la gestione del rischio climatico è il gestore della banca e non il proprietario del fondo. Qui, la politica deve assumersi la responsabilità e lavorare per un cambiamento strutturale nel mandato, dice Esposito.

Il WWF ritiene che il governo dovrebbe considerare se il fondo debba avere un indice di riferimento che non contenga società che danneggiano il clima.

La prima metrica è esaminare gli indicatori di riferimento e se il fondo debba avere nuovi indicatori in linea con l’accordo di Parigi. Quindi devi considerare varie alternative per far sì che l’intero fondo si adatti al clima, come l’aumento degli investimenti diretti in energie rinnovabili o altre classi di attività che non esistono ancora, dice Esposito.

L’uso di indicatori di riferimento è la norma nel settore finanziario. Questi vengono utilizzati per gestire gli investimenti e misurare il successo. Ma ci chiediamo quanto sia saggio misurare il successo rispetto a un mondo che segnala un cambiamento climatico catastrofico, dice.

Che tipo di conseguenze potrebbe comportare la scelta del fondo per le aziende?

Dipende dalla soluzione che stai cercando. Se si volesse scegliere un indice più rigoroso e adattato a Parigi, probabilmente si ridurrebbe il numero di società del fondo. Soprattutto se le società non sono molto brave ad adattarsi agli obiettivi di Parigi. Quindi puoi, ad esempio, compensare aumentando altre classi di attività, dice.

Il fondo vuole entrare in alleanze

Recentemente, molti investitori si sono uniti per influenzare le aziende a cambiare le loro strategie climatiche, in alternativa alla vendita.

– Ci sono molte grandi istituzioni finanziarie che si sono iscritte Net Zero Asset Owners Alliance E iniziative simili. Dice che la maggior parte delle persone non vuole ridurre troppo il mondo degli investimenti e quindi lavorare insieme per influenzare le aziende.

Il Fondo per il petrolio dovrebbe sicuramente partecipare a questo tipo di iniziative, ma deve essere un’aggiunta alla modifica del mandato di investimento. Chiede che un fondo così enorme sia adattato all’accordo di Parigi, quindi devono essere prese diverse misure contemporaneamente. È una scelta da fare, dice Esposito, e non dovrebbe essere lasciata esclusivamente alla Banca di Norvegia.

Utilizza noti strumenti climatici

L’analisi di Influencemap si basa sullo strumento Pacta, sviluppato dalla 2 ° Investing Initiative. È lo stesso strumento utilizzato di recente dal ministero delle Finanze Ha fatto lo spettacolo Finanzieri norvegesi per testare per analizzare i rischi climatici nei loro portafogli.

Il metodo utilizzato dipende dai piani di produzione delle aziende. Ciò si riferisce alla quantità di petrolio e gas che la società intende produrre nei prossimi anni, alla quantità di carbone che la compagnia elettrica utilizzerà e alle dimensioni del veicolo elettrico che la società intende produrre, afferma Esposito.

I calcoli si basano sullo scenario post-due gradi dell’AIE, che fornisce una probabilità del 50% di limitare il riscaldamento globale a 1,75 gradi sopra i livelli preindustriali.

L’obiettivo dell’accordo di Parigi è limitare il riscaldamento a 1,5-2 gradi.

Leggi anche

Migliaia di riunioni aziendali ogni anno: vuoi sapere cosa sta ottenendo il fondo petrolifero

Pubblicato:

Mail
READ  Le azioni Tek hanno invertito la contrazione a Wall Street - E24