Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I risultati della ricerca potenzialmente errati vengono citati al posto di risultati di studi robusti informati

La ricerca di scoperte scientifiche attira più attenzione rispetto a risultati solidi e, secondo gli accademici, l’elenco di pubblicazione potrebbe essere più piccolo per i documenti contenenti risultati grafici.

Gli studi falliscono nelle più importanti riviste scientifiche, psicologiche ed economiche quando altri li ripetono, e sono citati in media più di 100 volte come documenti di follow-up rispetto al lavoro che è una prova del tempo.

La scoperta – che non escludeva la necessità di esperimenti – ha portato gli autori a sospettare che documenti più interessanti fossero facilmente manipolati da critici e editori di riviste, e ha attirato molta attenzione quando sono stati pubblicati.

“Potrebbe essere una perdita di tempo e di risorse”, ha detto la dottoressa Marta Serra Garcia, che studia economia comportamentale e sperimentale presso l’Università della California, San Diego. “Ma non possiamo concludere che qualcosa sia corretto o basato su studio e copia.” È un modo semplice per verificare cosa è necessario, quanto spesso gli studi sono stati ripetuti e se i risultati originali sono stati confermati, ha detto.

Lo studio in Progresso scientifico Un altro da evidenziare ‘Krise replica’ I risultati, spesso nelle scienze sociali e in medicina, non vengono preservati quando altri ricercatori tentano di replicare gli esperimenti. Dopo un toccante articolo nel 2005 Perché la maggior parte dei risultati delle ricerche pubblicate sono sbagliatiTre grandi progetti hanno riscontrato bassi tassi di copia 39% in riviste di psicologiaE il 61% nelle riviste finanziarie, E il 62% nella ricerca in scienze sociali Pubblicato su Nature and Science, una delle riviste più preziose al mondo.

Sierra Garcia, che ha lavorato con Yuri Knissi, professore di economia comportamentale presso l’Università della California, ha esaminato il numero di studi nei tre principali progetti fittizi citati in articoli di ricerca successivi. Gli studi che non sono riusciti a copiare, in media, 153 citazioni sono state esaminate per un periodo di tempo. Per gli studi di scienze sociali pubblicati su Science and Nature, coloro che non sono riusciti a trascrivere hanno ricevuto 300 citazioni. Solo il 12% delle offerte ha riconosciuto che i risultati duplicati non hanno confermato i risultati pertinenti.

READ  Ci deve essere spazio per camminare a modo tuo

Il sistema educativo incoraggia giornalisti e ricercatori a pubblicare scoperte entusiasmanti e le citazioni vengono prese in considerazione per la promozione e la durata. Ma la storia va avanti all’infinito I risultati sono entusiasmanti, Il Quasi a partire dal Essere errati. Il dottor Serra Garcia ha affermato che pubblicare il nome dell’autore diretto nei documenti di stampa contribuirebbe a migliorare la situazione.

Il professor Gary King, professore di scienze politiche all’Università di Harvard, ha detto che gli ultimi risultati potrebbero essere una buona notizia. Vuole che i ricercatori concentrino i loro sforzi sulle accuse in questione, in modo che possano raccogliere più dati e trovare la verità. “Per alcuni aspetti, dovremmo considerare i risultati di questo interessante articolo come la migliore notizia per la salute delle persone istruite”, ha detto.

Brian Nozick, un professore presso l’Università della Virginia che conduce una collaborazione scientifica aperta per valutare la riproduzione nella ricerca psicologica, ha ammonito. Consideriamo la scienza un’auto-correzione. Con questo intendiamo che gli errori non passano inosservati, ma nella costante conversazione tra ricercatori che eliminano ed eliminano questi errori, ricercano, riportano e citano gli uni dagli altri. Se è improbabile che citi di più risultati riflessivi, potrebbe indicare che la scienza non ha mancato di auto-correggersi; potrebbe andare nella direzione sbagliata “.

“Le prove non sono sufficienti per prendere una tale decisione, ma dovrebbero catturare la nostra attenzione e stimolare uno sguardo ravvicinato su come i sistemi delle scienze sociali promuovono l’auto-correzione e come possono essere migliorati”, ha detto.