Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I valori netti sono aumentati a 62,2 miliardi – E24

La compagnia petrolifera Aker BP e la compagnia rinnovabile Aker Horizons contribuiscono maggiormente ai valori del sistema Aker poiché il suo valore è aumentato di 9 miliardi di NOK nei primi tre mesi dell’anno.

Kjell Inge Røkke e il CEO Aker Øyvind Eriksen (background) alla Conferenza di Pareto nell’autunno 2020.

Morten Oglum

Pubblicato:

Venerdì il gruppo industriale Aker quotato a Kjell Inge Røkke ha pubblicato i risultati del primo trimestre.

Ciò accade dopo che un certo numero di società di portafoglio Aker ha rilasciato i propri numeri.

io Conti Il patrimonio netto aggiustato per il valore di Aker (patrimonio netto) sembra essere aumentato di 8,9 miliardi di NOK a 62,2 miliardi di NOK nel primo trimestre, con un aumento del 17%.

Aker Horizons ha contribuito con 5,9 miliardi, mentre Aker BP ha contribuito con 4,2 miliardi. Aker BioMarine, la società krill, ha abbassato i suoi valori di 1,3 miliardi di NOK e nelle altre società ci sono stati cambiamenti minimi.

62,2 miliardi è il secondo patrimonio netto più alto nella storia di Aker. Il registro iniziale era impostato su Terzo trimestre 2018, quando il patrimonio netto era di 63,3 miliardi di NOK.

La cifra di 62,2 miliardi è anche significativamente più alta rispetto al primo trimestre dello scorso anno, quando il patrimonio netto era di 24,1 miliardi, una cifra pesata dal calo del mercato azionario nella fase iniziale della pandemia.

Aker rappresenta il primo trimestre

Il fondo di guerra si è ridotto di 1,4 miliardi

Con il prezzo del petrolio in aumento, la normalizzazione del mercato azionario e Aker che ha reso visibili i suoi investimenti verdi attraverso le sue quotazioni azionarie, il patrimonio netto di Aker ha guadagnato una forte spinta nel corso dell’anno. Aker ha concluso il 2020 con un patrimonio netto di 53,4 miliardi di NOK.

I valori netti sono calcolati sulla base del valore di mercato o dei valori contabili delle varie società nel portafoglio di Aker, più liquidità e indebitamento netto.

Aker afferma di avere riserve liquide (saldo di cassa più credito disponibile) di 2,9 miliardi di NOK alla fine di marzo, di cui 900 milioni di NOK.

Il “fondo di guerra” è sceso dai 6,1 miliardi di un anno fa, che è anche inferiore a quello che era alla fine del 2020 quando era di 4,3 miliardi.

Pertanto, le riserve di liquidità sono diminuite di 1,4 miliardi in tre mesi, mentre il saldo di cassa stesso è diminuito di 400 milioni.

Aker ha raccolto 1,0 miliardi di NOK dalla sua linea di credito, ha ritirato 500 milioni di NOK dal prestito obbligazionario Aker15 e ha ricevuto 480 milioni di NOK in dividendi dalle sue società.

Allo stesso tempo, 1,02 miliardi di NOK sono stati spesi in investimenti azionari, tra gli altri, in Aker Horizons e Seetee, 1,2 miliardi di NOK prestiti per Aker Horizons, tra gli altri, e 163 milioni di NOK in costi e benefici operativi.

Sviluppo misto in borsa

Le nostre due società focalizzate sulla produzione di energia – Aker BP nel petrolio e nel gas, Aker Horizons con un portafoglio in energie rinnovabili – stanno spingendo la nostra crescita nel nuovo anno, afferma il CEO di Aker Øyvind Eriksen nel rapporto trimestrale.

Eriksen osserva che Aker non crede che le due iniziative siano “in conflitto” tra loro e che ciascuna di esse abbia “esigenze sovrapposte” che forniscono opportunità di crescita per il gruppo.

L’aumento della produzione globale di petrolio e gas sostiene la crescita di altre parti del portafoglio di Aker, consentendo di sostenere l’attività, mentre allo stesso tempo naviga nella transizione verso un panorama globale di energia rinnovabile, continua Eriksen.

I calcoli mostrano che le azioni di Aker sono aumentate del 17% da gennaio a fine marzo, mentre l’indice principale della Borsa di Oslo è aumentato del 9% nello stesso periodo.

Se si guarda da vicino allo sviluppo delle varie società in borsa fino ad ora quest’anno, il quadro è misto:

  • Aker è cresciuto del 10,4% (12,4% di dividendo) dal nuovo anno, mentre l’indice di riferimento è aumentato del 10,25%.
  • La compagnia petrolifera Aker BP è aumentata del 12,53% dal nuovo anno (dividendo del 15,21%)
  • La compagnia di navigazione Ocean Yield è aumentata del 15,25% dal nuovo anno (18,92% di dividendo)
  • Lo spedizioniere statunitense è aumentato dell’11,17% dal nuovo anno (dividendo del 14,28%)
  • Philly Sheepyard è aumentato del 14,07%
  • Il gruppo di servizi petroliferi di Aker Solutions è diminuito del 9,2% dal nuovo anno
  • Akastor, la società in portafoglio per i servizi petroliferi, è scesa del 22,6% dal nuovo anno
  • Aker Horizons ha raccolto fondi di 35 NOK per azione in relazione alla quotazione. Il titolo ha subito un buon andamento all’inizio a febbraio, ma poi ha iniziato a diminuire. Giovedì, il titolo è stato scambiato a 26,20 corone norvegesi, in calo del 25% rispetto all’emissione
  • Aker Clean Hydrogen ha raccolto i fondi per 16 NOK ed è stata quotata in borsa l’11 marzo. Giovedì, il titolo è stato scambiato a 8,2 NOK, quasi la metà.
  • Aker BioMarine, la società krill, è scesa del 28,34% dal nuovo anno
  • Solstad Offshore è sceso del 38,54% dal nuovo anno

Leggi anche

Røkke è alla ricerca di talenti per Aize Technology Project: – Siamo pronti a fornire il capitale richiesto

Fornisce gas nella digitalizzazione petrolifera, rinnovabile e industriale

Ci sono stati tempi particolarmente tesi ad Aker dopo lo scoppio della pandemia di Corona all’inizio del 2020. E la situazione non è stata più tranquilla neanche nel 2021.

Oltre ad affrontare la pandemia di Corona e la crisi che ha colpito la compagnia petrolifera Aker BP e il gruppo di servizi petroliferi Aker Solutions in particolare quando il prezzo del petrolio è crollato, Aker ha lanciato una serie di misure strategiche nel 2020.

L’anno scorso è stata fondata la società rinnovabile Aker Horizons. Durante tutto l’anno, Aker Solutions si è divisa, la cattura del carbonio e i venti offshore sono stati separati e collocati in Horizons.

Numerose acquisizioni sono state effettuate anche nel settore delle energie rinnovabili, di cui forse la più significativa è l’acquisizione di Mainstream Renewable Power.

Nel primo trimestre di quest’anno, Aker Horizons è stata quotata come società separata, più o meno nello stesso periodo in cui è stata lanciata Aker Clean Hydrogen e anche quotata in borsa.

Aker riferisce che un totale di 12,1 miliardi di NOK sono stati raccolti attraverso emissioni e prestiti alle società Aker Horizons e Aker Clean Hydrogen nel primo trimestre.

Anche Aker ha contribuito, ma la maggior parte proveniva da investitori esterni.

Oltre a investire pesantemente nel petrolio e nelle energie rinnovabili, Aker ha anche una terza e importantissima area di interesse: la digitalizzazione industriale.

Aker ha investito risorse significative in Cognite e Aize, che stanno entrambi registrando una forte crescita.

Le vendite di cognite hanno raggiunto 139 milioni di NOK nel primo trimestre, rispetto ai 107 milioni di NOK nello stesso periodo dell’anno scorso, mentre le vendite di Aize dovrebbero essere di circa 300 milioni di NOK quest’anno.

Maggiori informazioni sui risultati di diverse società Aker:

Leggi anche

Aker BP riporta una forte crescita degli utili nel primo trimestre

Leggi anche

Aker Solutions ha invertito i suoi guadagni finali del primo trimestre: prevede che le vendite continueranno a diminuire nel 2021

Leggi anche

Aker Offshore Wind non sta ancora facendo soldi

Leggi anche

Il carbonio torbido affumicato viene catturato in rosso

Leggi anche

Ecco come funziona per le aziende verdi di Røkke

Leggi anche

Aker Horizons aumenta la sua linea di prestito a 4 miliardi di NOK

Pubblicato:

READ  La Norvegia meridionale potrebbe ottenere elettricità costosa - E24