Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Il boia di Jacob non è stato ferito – VG

SOCCORSO COVID: Henrik Ingebrigtsen era in carica come allenatore generale di Jakob Ingebrigtsen durante la Coppa del Mondo di luglio, poco dopo che si era infortunato – che viveva nella stessa stanza con il suo fratellino – durante la corsa al torneo.

Henrik Ingebrigtsen, 31 anni, rivela di aver contratto il covid-19 mentre condivideva una stanza con Jakob Ingebrigtsen durante il training camp poco prima del WC – e crede che ciò abbia rovinato le sue possibilità di qualificarsi per la Commissione Europea poche settimane dopo.

Inserito:

– Non voglio sembrare amareggiato. Questo, non lo sono. Ma sono frustrato e deluso. La macchina che avrebbe dovuto prendersi cura di me ha fallito. Pertanto, non mi fiderò di lui in futuro, dice Henrik Ingebrigtsen, riferendosi alla Federazione norvegese di atletica leggera.

– Ma ovviamente sono felice prima di tutto che Jacob non si sia infettato, come conferma.

Leggi anche

Racconta le paure dei Mondiali: – Pensando “Ora morirò”

ZÜRICH (VG) Jakob Ingebrigtsen (21 anni) rivela che tutto il tempo dopo aver contratto il virus lo scorso inverno, aveva paura di …

Il direttore sportivo della Norwegian Athletics Federation, Erlind Slovic, afferma di poter capire la frustrazione di Henrik Ingbrigtsen. Dice anche che due settimane fa l’associazione ha fatto una valutazione approfondita con tutti i membri del sistema di supporto del bagno. Ieri ce l’ha fatta con tutti nell’apparato di supporto della Commissione Europea.

– Posso prometterti che abbiamo rivisto tutto ciò che abbiamo fatto. Si potrebbe dire che avremmo potuto essere più duri. Ma allo stesso tempo dovevamo allenarci e prepararci. Questo è di per sé rischioso, dice Slokvik di fronte alle osservazioni di Henrik Ingebrigtsen.

READ  - C'è sempre spazio per il miglioramento.

È stata l’Associazione di atletica leggera che ha organizzato il cosiddetto PRISMP a Berkeley, in California, prima dei campionati di atletica leggera Eugene 15-24. Luglio dove Jacob Ingbrigtsen ha vinto l’argento nei 1500m e l’oro nei 5000m.

A detta di tutti, questo successo è stato appeso a un filo sottile con le informazioni e l’esperienza di Henrik Ingebrigtsen su ciò che è accaduto durante la preparazione del torneo.

Leggi anche

Jacob Ingbrigtsen: Lascia che la banca si occupi dei milioni

ZÜRICH (VG) Jakob Ingebrigtsen (21) ha già brillato nella finale della Diamond League a corto di soldi giovedì…

È noto che quattro persone del servizio di supporto norvegese sono risultate positive al covid-19 a Berkeley e Heda Hen, speranzosa di 800 milioni, lo ha fatto.

Henrik Ingebrigtsen è stato uno dei quattro feriti nell’apparato di supporto. Qui parla della traiettoria del suo test positivo di sabato 9 luglio, così come di quello che è successo dopo, come se ne è reso conto.

Jacob ed io siamo venuti da Flagstaff (una residenza nelle Highlands) a Berkeley il 4 luglio, gli altri un giorno o due dopo. Un infortunio alla band è stato rivelato venerdì (8 luglio). Ho avuto un test negativo quel giorno, ma è stato positivo la mattina dopo, dice.

Fino ad allora, lui e Jacob Ingbrigtsen vivevano nella stessa stanza. Erlend Slokvik dichiarò che era stata loro assegnata un’ulteriore grande stanza, con camere da letto e bagni separati, perché in origine Filip Ingebrigtsen doveva essere ospitato con loro.

Philip si è qualificato per la Coppa del Mondo dei 1500 metri ma si è ritirato dal torneo a causa di problemi al garretto.

READ  Keyserløkka ragazzo che è diventato un professore di tempo e vento

– A questo proposito, potremmo essere stati fortunati. Quando Henrik è risultato positivo, Jacob è stato isolato e ha preso la questione con molta calma. L’ho spinto ad allenarsi e non ho sentito che ci fosse alcuna pressione associata a quello che è successo, dice Erlind Slovic.

Riferendosi al medico della squadra nazionale IAAF Ove Talsnes, ha affermato che è difficile determinare quando e dove ha avuto origine l’infezione. Nota anche che c’è stato “molto” contagio per quanto riguarda i playoff e i campionati in California e Oregon, tra le altre cose con gli svedesi.

Alla domanda su come ha reagito Jakob Ingbrigtsen – risultato positivo a marzo – quando gli è stato detto che suo fratello maggiore era risultato positivo, Henrik Ingbrigtsen ha risposto “sarcasticamente”.

Leggi anche

Jakob Ingbrigtsen: – Andrà al triplo oro nel girone europeo

Jacob Ingbrigtsen (21) avrebbe voluto correre per vincere tre medaglie d’oro agli Europei di Monaco.

– Ha detto “È il Karma!” Dato che sono stato via per due anni e mezzo, sono stato libero da infezioni e sono stato vaccinato tre volte. Poi sono arrivato all’alloggio dove tutto doveva essere sistemato per evitare il contagio, ed è lì che è successo, dice.

Henrik Ingebrigtsen aggiunge che stava progettando di correre i 5.000 m in un evento a Los Angeles venerdì 15 luglio – sei giorni dopo il risultato del suo test a Berkeley – per soddisfare i requisiti di qualificazione per la distanza ai Campionati Europei di atletica leggera di Monaco 15-21 . Agosto.

Dopo aver avuto successo, si stava dirigendo a St. Moritz per allenarsi in quota prima del torneo in Germania.

READ  parlare, opinioni | Forza per creare e spazio per crescere

Quella possibilità e il piano fallirono quando si ammalò.

Jakob Ingebrigtsen e Henrik Ingebrigtsen sono isolati in stanze separate.

– Io e Jacob ci siamo messi alla prova due volte al giorno. Henrik Ingebrigtsen dice che non esco dalla stanza da circa una settimana.

Jacob Ingbrigtsen si imbarcò sull’aereo a nord per Eugene, e Henrik Ingbrigtsen venne – con sorpresa di molti – pochi giorni dopo a lavorare come tuttofare di Jacob attraverso il bagno. Soprattutto in un’auto a noleggio a Berkeley, perché dopo essere risultato negativo secondo le normative statunitensi sul controllo delle infezioni, non è stato in grado di salire a bordo dell’aereo.

Accesso ai beni immobili: Henrik Ingebrigtsen andò da Eugene e suo fratello Jakob invece di St. Moritz quando un virus covid ha rovinato i suoi piani atletici e si è guadagnato l’accreditamento per il WC.

Il viaggio in macchina è durato nove ore, dice Henrik Ingebrigtsen, che è stato notevolmente ridotto a causa della malattia. Non si è ancora completamente ripreso e afferma che ha “gravi conseguenze” per lo sport.

In Eugene si è verificata una situazione che Henrik Ingbrigtsen descrive come una contraddizione. A Berkeley, come qualcuno con il virus, è stato descritto come qualcuno nel sistema di supporto. Alla domanda se ci fosse “disinformazione” da parte dell’associazione, Erlind Slovik ha risposto che Henrik Ingebrijtsen “in realtà lo era”. Era un compagno di allenamento di Jakob Ingebrigtsen, ma non tra quelli che sono andati in WC. Inizialmente sarebbe tornato in Europa.

– Non abbiamo voluto rivelare i nomi dei (feriti). Se avessimo detto che uno di loro era un atleta che non andava in bagno, i media avrebbero scoperto abbastanza rapidamente chi era, spiega.

A Eugene, la Federazione norvegese di atletica leggera non ha potuto adottare Henrik Ingebrigtsen come parte della propria squadra WC. Doveva, nelle sue parole, aggiustarlo da solo.

Il direttore sportivo della Federazione svedese di atletica leggera, Erlind Slovic, afferma ora, come ha fatto ai Mondiali, che la federazione Non hai più crediti A disposizione. Hanno usato tutto quello che gli era stato dato dal regolatore.