Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il buco nero della Via Lattea: – Promette una scoperta “pioneristica” della galassia

Il 28 aprile è uscito un po’ misterioso annuncio a partire dal Osservatorio Europeo Meridionale (ESO) e il progetto Event Horizon Telescope (EHT). Si impegna a presentare le scoperte “pioniere” della Via Lattea giovedì prossimo presso la sede dell’ESO a Monaco.

Che cosa è espressamente una rivelazione, la pubblicità fornisce pochi dettagli a riguardo.

Ma guardando le organizzazioni partecipanti, ci sono previsioni che avrà qualcosa a che fare con il buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia.

Alla ricerca di buchi neri

ESO È un’organizzazione internazionale composta da più di una dozzina di paesi membri e ha tre grandi osservatori in Cile, dove il cielo stellato è uno dei più scuri e limpidi della Terra.

ESO: Osservatorio ALMA sull’altopiano di Chajnantor, a 5.000 metri sul livello del mare nelle Ande cilene. Foto: Clem & Adri Bacri-Normier / Wings for Science / ESO
Mostra di più

telescopio dell’orizzonte degli eventiIl progetto consiste in una rete globale di radiotelescopi che lavorano insieme per studiare i buchi neri. Questi sono essenzialmente i buchi neri supermassicci al centro della lontana galassia Messier 87 e nella nostra Via Lattea.

I buchi neri sono una designazione per regioni dello spazio in cui le forze gravitazionali sono così forti che nulla, nemmeno la luce, sembra essere in grado di sfuggirvi. grande enciclopedia norvegese.

Un buco nero è costituito da un oggetto, come una grande stella, che collassa in un collasso in modo che praticamente tutta la massa si raccolga in un unico punto.

La prima immagine di un buco nero

In passato, i buchi neri erano illustrati solo da disegni di come la NASA pensava che fossero. Ma nel 2019, i ricercatori sono stati in grado di trovare una soluzione La prima immagine di un buco nerograzie a Event Horizon.

Buco nero: nel 2019 è stata presentata la prima immagine reale di un fenomeno spaziale del buco nero.  Foto: Fondazione Nazionale della Scienza

Buco nero: nel 2019 è stata presentata la prima immagine reale di un fenomeno spaziale del buco nero. Foto: Fondazione Nazionale della Scienza
Mostra di più

Questa è la prova più forte che abbiamo dell’esistenza dei buchi neri. Di tutte le grandi scoperte, questo è solo l’inizio, ha affermato Shepherd Doelman, Event Horizon Telescope Director. CNN.

L’immagine presentata nel 2019, che mostra l’enorme buco al centro della galassia M87, non è un’immagine del buco stesso. Ciò che appare è gas incandescente attorno al cratere.

Conferma la teoria di Einstein

Jessica Dempsey, una delle ricercatrici dietro l’hack, ha affermato di ritenere che l’anello luminoso ricordi l’occhio di Sauron dei film “Il Signore degli Anelli”.

– Lo stavamo cercando da molto tempo. Ci stiamo avvicinando sempre di più a una tecnologia migliore, ha affermato Dempsey, affiliato all’Osservatorio dell’Asia orientale alle Hawaii.

Scoperte fatte: Per più di 20 anni, scienziati e astronomi hanno seguito un buco nero chiamato Sagittario A, situato nel mezzo della Via Lattea. Foto: Nasa
Mostra di più

L’ombra circolare del buco nero ha anche fornito un’ulteriore conferma della teoria della relatività generale di Einstein, che prevede un’ombra circolare.

La conferenza stampa di giovedì sarà trasmessa in diretta sul sito web dell’ESO e sul canale YouTube.

READ  Rockstar ora si scusa per il fallimento del lancio e ha promesso di riportare le vecchie versioni