Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il clima è dominato da uomini forti in stanze piccole

Solo mezzo secolo fa, il delta del Niger era nell’entroterra Nigeria in fertile crescita. Poi è stato trovato il petrolio nella regione e con esso sono comparse società multinazionali come Shell. Ora, dopo decenni di sfruttamento, inquinamento, gas flaring e numerose fuoriuscite di petrolio, la regione è completamente cambiata. Le aree di terra che in precedenza erano fertili sono ricoperte di catrame e cenere. L’industria della pesca è praticamente estinta. L’acqua potabile è oleosa e nell’aria aleggia un fumo denso. I mezzi di sussistenza delle persone sono stati distrutti, l’aspettativa di vita è diminuita. Le comunità intorno al Delta del Niger hanno chiesto alla Shell in diverse occasionimollare ho radicato. Ma invece di agire immediatamente, il gigante petrolifero multimiliardario ha rifiutato di ammettere la responsabilità. Invece, hanno speso milioni andando in tribunale evasione di responsabilità.

Questo è un esempio delle conseguenze di un gigante petrolifero che si stabilisce in una regione: è solo una piccola parte delle conseguenze per l’industria dei combustibili fossili a livello globale. Secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite, i combustibili fossili sono la causa principale del riscaldamento globale. Nel 2018, i combustibili fossili hanno rappresentato l’89% delle emissioni totali di anidride carbonica del mondo. Se vogliamo riuscire a mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi, devono essere sviluppati nuovi giacimenti di petrolio e gas Già interrotto quest’anno. Ma come abbiamo visto nel caso della Shell nel delta del Niger, si tratta di chiudere progetti in cui sono già state investite ingenti somme, e non interessano i leader e gli azionisti dell’industria dei combustibili fossili. Quindi, mentre investi milioni in campagne di greenwashing, cerchi di confondere il pubblico, come con net zeroContinuano a versare miliardi di dollari in petrolio e gas. È vero che stanno anche investendo nelle energie rinnovabili. ma secondo un report Dall’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) Va meno dell’uno per cento degli investimenti annuali delle aziende di combustibili fossili nel sud del mondo in energia pulita.

READ  Il rapporto delle Nazioni Unite: - - Più pericoloso per tutti

Gli interessi economici dei giganti del petrolio e del gas sono in contrasto con la necessità del mondo di affrontare il cambiamento climatico. Tuttavia, più delegati dell’industria dei combustibili fossili partecipano alla COP26 – il vertice globale per affrontare la crisi – rispetto ai delegati di qualsiasi paese. Da Testimone Globale passato Nell’elenco dei partecipanti alla conferenza, hanno scoperto che 503 partecipanti provenivano dal settore petrolifero e del gas. È più del doppio il numero dei delegati in rappresentanza della Gran Bretagna, che ha ospitato la conferenza. Ciò non significa che più delegati delle autorità occidentali come il Regno Unito porteranno a soluzioni migliori. Rappresentano i paesi più potenti, che continuano a beneficiare delle compagnie di combustibili fossili. Sono quelli che beneficiano di più e soffrono di meno delle conseguenze negative delle loro azioni. Sono responsabili delle emissioni di gas serra storicamente elevate che ora colpiscono il sud globale precedentemente colonizzato. Sebbene il mondo intero stia soffrendo per il cambiamento climatico, sono le nazioni ricche dell’Occidente che avranno più da perdere e meno da guadagnare dal prendere sul serio la crisi climatica, almeno a breve termine.

Ad alcuni rappresentanti della società civile, me compreso, è stato concesso lo status di osservatore durante la COP26. Questo ci consentirà di partecipare e monitorare il processo. Ma la mia bandiera gialla non dà accesso ai forum in cui si stanno svolgendo i negoziati. Siamo esclusi dai luoghi in cui si prendono le decisioni. A volte intere aree della conferenza venivano transennate per noi, come se non bastasse terzi Delle organizzazioni della società civile che di solito inviano delegati alla COP a cui è impedito di partecipare alla conferenza già ristretta. Nonostante le ripetute assicurazioni da parte degli organizzatori della conferenza, i partecipanti dai paesi del Sud rifiuto del visto, non hanno potuto accedere al vaccino contro il covid, le restrizioni di viaggio nel Regno Unito sono state rifiutate o non hanno potuto partecipare a causa della mancanza di alloggi a Glasgow.La COP è sempre stata riservata all’élite ed è stata esclusiva, ma la conferenza di quest’anno è unica nella sua emarginazione di coloro che soffrono di più durante la crisi climatica. Quello che ci rimane alla COP26 sono molti uomini forti in piccole stanze. Siamo di fronte a un processo guidato e messo sotto pressione da paesi responsabili di grave inquinamento e industrie che si preoccupano maggiormente dell’impressione di esserlo Foglie in stampa, di centinaia di milioni di persone che soffrono.

READ  Abbiamo trovato storie inaspettate dietro la staccionata bianca

La COP26 ha finito per essere un vertice internazionale sostanzialmente illegittimo in cui le voci di coloro che sono meno responsabili – e più vulnerabili ai cambiamenti climatici – vengono messe a tacere. Dobbiamo cambiare questo modello fallito. Le società fossili e le loro lobby – che occupano il maggior profitto – devono essere tolte dal tavolo delle trattative. I gruppi della società civile che rappresentano centinaia di milioni di persone – la cui più grande preoccupazione è la sopravvivenza – devono essere accolti. Abbiamo bisogno di un COP che si concentri sulle persone che possono porre le questioni critiche della giustizia. Ciò di cui abbiamo bisogno è un COP che possa porre fine immediatamente a tutti i nuovi progetti petroliferi e del gas, piuttosto che il mercato d’élite per i criminali ambientali che costituisce oggi il COP.

L’articolo è stato tradotto e pubblicato per la prima volta in Argomentazioni africane.