Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il Comitato del Patrimonio Mondiale accetta di non inserire la Grande Barriera Corallina nella lista “in pericolo”‘

NS la grande Barriera Corallina Non sarà inserito nell’elenco dei siti del patrimonio mondiale “in via di estinzione” dopo una campagna globale dell’Australia contro l’elenco proposto.

Venerdì il Comitato del patrimonio mondiale di 21 paesi ha ignorato la valutazione scientifica dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la scienza e la cultura, UNESCOÈ chiaro che la pietra è minacciata dal cambiamento climatico Dovrebbe essere messo in lista.

Invece, all’UNESCO verrà chiesto di intraprendere una missione di 2.300 chilometri nei prossimi mesi e l’Australia deve presentare un rapporto sui progressi all’agenzia entro febbraio 2022, che è oltre la scadenza di dicembre 2022.

I gruppi ambientalisti hanno affermato che la decisione è stata una vittoria per la famigerata campagna e che l’Australia è ora in fase di test come la più grande azienda al mondo per la conservazione della barriera corallina.

Prima della riunione di venerdì, il governo australiano ha lanciato una vigorosa campagna per bloccare la lista dei rischi. Decine di ambasciatori hanno viaggiato da Canberra a Cairns, nel Queensland Gita di snorkeling sulla roccia.

Il ministro dell’Ambiente australiano Susan Lee è stato inviato in Europa Aerei diplomatici RAAF Visita Budapest, Madrid, Sarajevo, Parigi, l’Oman e le Maldive.

Australia – uno dei principali produttori ed esportatori di carbone e gas – principalmente L’Arabia Saudita e il Bahrain ricchi di petrolio hanno ottenuto il sostegnoOgni membro del comitato deve rinviare qualsiasi decisione sulla lista dei rischi almeno fino al 2023.

Ma dopo una pausa dalla Norvegia, il comitato ha deciso di rivalutare lo stato di salute delle rocce alla riunione del prossimo anno.

Altri membri del gruppo pro-Australia includono Saint Kitts e Nevis, Etiopia, Ungheria, Mali, Nigeria, Arabia Saudita, Oman, Bosnia ed Erzegovina, Russia e Spagna.

Lay ha affermato che supportare il team australiano fornirebbe un’opportunità a “gestori della barriera corallina, scienziati marini e gestori del territorio” per mostrare il loro “lavoro eccezionale”.

La nostra preoccupazione è sempre stata che l’UNESCO abbia tentato di mettere insieme una “lista dei rischi” immediata senza un’adeguata consultazione, senza visite sul campo e senza le informazioni più aggiornate, ed è chiaro che questo processo è di interesse non solo per l’Australia, ma anche ad altri paesi. Lei disse.

Matt Keane, impiegato del Partito Liberale e Ministro dell’Ambiente del NSW; Inserito su Twitter: “La propaganda politica non cambia la scienza”.

Il portavoce federale laburista Terry Butler ha affermato che si tratta di una “ripresa temporanea” per l’Australia e che il governo Morrison dovrebbe “aumentare significativamente il suo gioco” per proteggere le rocce.

L’UNESCO è stato raccomandato per la prima volta di inserire il sito del patrimonio mondiale nella lista “in pericolo”, principalmente a causa degli effetti del riscaldamento globale.

Durante l’incontro di venerdì, l’UNESCO ei suoi consiglieri hanno confermato che i criteri per l’inserimento delle rocce nell’elenco “in via di estinzione” erano stati chiaramente rispettati.

La dottoressa Fanny Dover, capo del programma marino dell’UNESCO, ha affermato che il gruppo ha riconosciuto che le rocce sono vulnerabili ai cambiamenti climatici. I fatti sono fatti e la scienza è scienza.Ha detto che il gruppo ha sostenuto la scienza ma non ha sostenuto l’elenco “in pericolo”.

Imogen Sethovan, consulente del patrimonio mondiale che lavora per l’Australian Maritime Safety Association, ha dichiarato: “Questa non è una vittoria per il governo Morrison. A febbraio del prossimo anno, saranno sotto pressione per riferire su come stanno reagendo ai cambiamenti climatici e i peggiori risultati sulla qualità dell’acqua”.

“L’Australia ha molte meno finestre che mai per migliorare le sue politiche sul cambiamento climatico e gli sforzi per ridurre l’inquinamento idrico”, ha affermato Richard Legge, amministratore delegato australiano del WWF. “Il governo australiano sta conducendo esperimenti”.

David Ritter, amministratore delegato di Greenpeace Australia, ha dichiarato alla World Heritage Conference che “il governo australiano ha promesso al mondo che avrebbe fatto tutto il possibile per proteggere le pietre – e invece ha fatto tutto il possibile per nascondere la verità”.

“Questo è uno dei più famosi tentativi di campagna elettorale nella storia recente. Questo non è un risultato – è un giorno vergognoso per il governo australiano”, ha detto Ritter.

Il portavoce di Green Healthy Ocean, il senatore Peter Wish Wilson, ha affermato che la coalizione “ha messo il suo potere dietro l’indebolimento dell’azione globale per ridurre le emissioni di combustibili fossili, piuttosto che dimostrare una leadership globale”.

Lai in precedenza aveva detto che l’Australia era “cieca” e accusava l’UNESCO di aver permesso che la decisione fosse politicizzata. Il ministro ha sostenuto che l’agenzia avrebbe dovuto andare in montagna prima di fare la raccomandazione.

UNESCO Ha negato le accuse in dichiarazioni pubbliche Durante un incontro faccia a faccia con Lee a Parigi, suggerì “In Peril” Dovrebbe essere visto come un invito all’azione globale alle montagne.

gruppi ambientalisti fortnite in australia Unisciti a un gruppo e sostieni la chiamata “a rischio” Celebrità e celebrità Includono l’attore e attivista britannico Jonah Lumley, l’attore Jason Momova e il principe Alberto di Monaco.

READ  Il politico Tommy Rinus (MDG) vuole legalmente bruciare la casa - NRK Trøndelag - Notizie locali, TV e radio