Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il contatto Krekar (43) può ancora essere consegnato in Italia

Il 43enne, che è stato arrestato martedì scorso dal servizio di sicurezza della polizia (PST) fuori dalla sua casa a Ostfold, potrebbe essere estradato in Italia, secondo la Corte d’Appello di Borgarting.

Il 19 luglio la Norvegia ha ricevuto dalle autorità italiane un mandato di cattura per l’estradizione dell’uomo in Italia.

La Corte distrettuale di Oslo voleva che l’uomo condannato a nove anni di carcere in Italia fosse rilasciato nel caso del Mullah Krekar, ma la Corte d’Appello di Borgarting ha concluso che i termini dell’estradizione in Italia erano stati rispettati.

Voleva rilasciare un detenuto (43) nel caso Krekar قضية

Così, il 43enne, che secondo la polizia italiana ha avuto un ruolo centrale nella rete terroristica del Mullah Krekar, è trattenuto fino al 9 settembre.

Non ha risposto alle chiamate

L’uomo ha affermato di essere venuto a conoscenza del caso solo dopo che la sentenza è stata emessa in Italia lo scorso anno.

La corte d’appello ritiene che al 43enne sia stata data la possibilità di opporsi durante il procedimento giudiziario italiano senza utilizzare tale accesso.

L’accusa ha presentato la prova che era stato informato dell’ora e del luogo del processo in Italia.

Il ricercato è stato condannato a nove anni di reclusione in Italia, anche se la sentenza non è definitiva. Sembra che la persona finora richiesta non abbia preso abbastanza sul serio l’accusa e la minaccia di punizione, non avendo risposto alla citazione. Inoltre, fino a poco tempo fa non era possibile estradarlo perché cittadino norvegese. La Corte d’appello ha scritto che a seguito delle modifiche all’Arrest Warrant Act nel novembre 2019, potrebbe, a seconda delle circostanze, essere estradato in altri stati anche se era cittadino norvegese.

READ  Amazon acquista MGM per circa 70 miliardi di NOK - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Ordina per ottenere armi

La Corte d’Appello rileva che la punizione secondo la legge norvegese sarebbe stata la reclusione fino a sei anni e osserva che il mandato di arresto stabilisce che deve avere missioni segrete coordinate per ottenere armi da utilizzare negli affari in Europa.

La corte rileva inoltre che la sentenza sul terrorismo dell’Italia afferma che ha ordinato il possesso di armi.

In una conversazione notata dalla polizia italiana nel febbraio 2012, il 43enne avrebbe chiesto armi a un curdo che viveva in Italia:

– Puoi comprarmi due armi e portarmele in Olanda?

Un investigatore antiterrorismo italiano che ha testimoniato durante il processo di Bolzano ha spiegato che le armi sono menzionate specificamente solo nella prima conversazione. Più tardi, “alberi” e “foglie” sono stati usati come riferimenti ad “armi” e “riviste”, dopo che il 43enne ha chiesto:

– Ora ti ho chiesto di prendere le armi. La prossima volta che mi parli, parleremo di alberi e foglie.

– Ha avuto un ruolo importante

Secondo la sentenza di Bolzano, il 43enne ha scontato una pena come vice comandante quando Krekar ha scontato la sua pena nel carcere di Kongsvinger.

Questo è quanto afferma sul 43enne la sentenza di Bolzano, che si basa su un ampio e completo corpus di prove:

  • In qualità di “Direttore dell’istruzione”, è stato il teorico che ha lavorato per radicalizzare i membri della rete. Ha tradotto, pubblicato e diffuso il messaggio di Krekar in Europa e in Kurdistan.
  • Ha coordinato missioni segrete per procurarsi armi da utilizzare nelle operazioni in Europa.
  • Ha usato iniziative di beneficenza come copertura quando ha fatto piani segreti per eseguire tentativi di ricatto in Kurdistan, dove i funzionari del governo erano destinati a cadere in una “trappola del miele”. Secondo una conversazione intercettata nella prigione di Kongsvinger nel settembre 2012, il 43enne si era recato in Iraq con il consenso di Krekar, per allestire una casa per ex prostitute a questo scopo.
  • Aveva l’autorità di trasferire fondi alle attività della rete e alle famiglie dei presunti martiri. Secondo una conversazione intercettata nel carcere di Kongsvinger, il 43enne ha detto a Krekar di aver trasferito i “soldi del martire” alle famiglie di due jihadisti.
  • Per conto di Krekar, ha intrapreso missioni in Nord Africa e Medio Oriente, dove ha stabilito e mantenuto contatti segreti e strategici con altre organizzazioni terroristiche.
READ  Mark & ​​Zodiac spiega il sovrappeso - VG