Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Il debito dell’Italia è il più grande problema dell’Europa – E24

Le banche italiane e di altre banche europee possiedono una parte significativa dell’enorme debito nazionale italiano. È un problema serio per l’Europa, scrive Bloomberg.

Italia: Vicepresidente del Consiglio e leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio.
pubblicato: pubblicato:

Poche cose possono creare più paura nei leader europei di questa Il debito pubblico italiano è di circa 2.300 miliardi di euro (22310 miliardi di NOK), scrive Bloomberg Sottolinea che è ancora il problema più grande dell’Europa.

I mercati finanziari italiani sono attualmente calmi, nonostante la terza maggiore economia dell’Eurozona sia entrata in recessione nel quarto trimestre.

Il tasso di interesse sul debito nazionale è sceso nuovamente dopo l’una risolvere il pasticcio di budget dell’anno scorso, Ma se l’umore tra gli investitori cambia e porta di nuovo a tassi di interesse governativi più alti, il timore è che l’Italia fallisca per l’enorme debito.

– Un carico di debito così elevato combinato con una crescita anemica e costi di finanziamento elevati potrebbe nel tempo portare l’Italia a finire in una situazione del genere, afferma Christian Lee, chief strategist di Danske Bank.

‘già fragile’

È la struttura proprietaria del debito pubblico italiano che gli consente di creare problemi così grandi sia per l’Italia che per l’Europa.

Le banche italiane possiedono circa il 20 per cento del debito pubblico italiano, ma anche altre banche europee ne detengono una buona quota.

Le banche al di fuori dell’Italia detengono circa 490 miliardi di euro (4.753 miliardi di corone) di debito pubblico italiano e altro debito italiano, Lo dimostra l’analisi di Bloomberg apparso questa settimana.

READ  L'incubo di Bodo/Glimt per la Roma

Le banche estere più esposte sono quelle francesi, che detengono debito italiano per 285,5 miliardi di euro (2.764 miliardi di corone).

La correlazione negativa tra un’economia italiana debole e le banche viene definita “ciclo della morte”.

– Quando il valore dei titoli di Stato diminuisce e i tassi di interesse aumentano, ciò rischia di ridurre la solvibilità delle banche attraverso costi di finanziamento più elevati. Li spiega che questo, a sua volta, potrebbe indebolire la capacità e la volontà delle banche di stimolare l’economia prestando alle imprese e alle famiglie.

Lo scarso accesso ai finanziamenti per le famiglie e le imprese ha spesso un impatto negativo su investimenti, occupazione e consumi privati.

– Ciò potrebbe nuovamente causare un ulteriore calo dei prezzi dei titoli di Stato. E le banche italiane sono già fragili, mi dice, e mi fa notare che un prestito bancario italiano su 10 è in default.

“troppo grande per essere salvato”

Inoltre, secondo Lee, qualsiasi possibile crisi italiana eserciterebbe pressioni sulla Banca centrale europea (ESB) e sull’Unione europea affinché decidano se lasciare che il paese navighi nei propri mari o elaborare un pacchetto di salvataggio.

Il problema è che l’economia italiana è troppo grande per ricevere un simile pacchetto di salvataggio che la Grecia ha ricevuto durante la crisi del debito, dice il capo stratega.

Un’altra sfida in Italia che influenzerà il resto d’Europa è che negli ultimi anni la Banca Centrale Europea è stata un acquirente dominante di titoli di stato italiani, il cosiddetto quantitative easing.

Ciò ha mantenuto bassi i tassi di interesse per il governo italiano.

Gli acquisti di supporto stanno volgendo al termine e la BCE dovrebbe assorbire meno del 15% delle nuove emissioni italiane quest’anno, afferma Lee.

Questo è in calo rispetto a circa il 50% nel 2017 e al 26% lo scorso anno.

Di conseguenza, altri acquirenti devono aumentare i propri investimenti per evitare tassi di interesse governativi più elevati, ma Lee avverte che l’interesse, soprattutto da parte di investitori stranieri, è sensibile alla situazione economica e politica del paese.

– Con una crescita debole, è probabile che il deficit di bilancio sarà maggiore di quello che il governo ha indicato all’Unione Europea come parte della soluzione lo scorso anno, e allo stesso tempo ci sono importanti disaccordi interni al governo che potrebbero creare disordini politici anche quest’anno, spiega Lie.

“vulnerabile”

Il debito pubblico italiano di 2.300 miliardi di euro rappresenta oltre il 130% della creazione di valore del paese, più del doppio del limite massimo raccomandato per la zona euro del 60% del PIL.

Affinché lo Stato italiano sia in grado di gestire il proprio debito nazionale, fa affidamento anche su una forte crescita economica, bassi costi di finanziamento e/o un’inflazione elevata, che riduce il valore reale del debito, sottolinea Lee.

Oggi la crescita del PIL e l’inflazione in Italia sono inferiori all’uno per cento. Anche il Fondo monetario internazionale (FMI) prevede che la crescita del PIL del paese si fermerà allo 0,6% nel 2019.

– Questo rende il governo italiano estremamente vulnerabile agli sbalzi d’umore nel mercato finanziario, dice Lee.

Il chief strategist di Danske Bank sottolinea che, nel breve termine, è positiva sulla situazione in Italia e ritiene che ci sia una possibilità limitata di una crisi del debito nei prossimi due anni.

– Sebbene i rischi di una crisi in Italia non debbano essere sottovalutati, sulla base di finanziamenti statali insostenibili, sensibilità alla debole crescita, aumento dei costi degli interessi e potenziale per ulteriori scontri politici con l’UE, afferma.