Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il famoso costruttore di automobili è risorto con questo

Bizzarrini era al suo apice negli anni ’60 e ora è tornato con una nuova versione del modello di 58 anni.

Giotto Bizzarrini potrebbe non essere il più famoso dei costruttori di automobili italiani negli anni ’50 e ’60, ma questo ragazzo appartiene chiaramente allo scaffale delle leggende più alte.

Ha iniziato la sua carriera in Alfa Romeo nei primi anni ’50, ma alla fine è stato rilevato dalla Ferrari, dove ha lavorato come capo ingegnere e artigiano. Perché ha entrambi testato, debuggato e sì, progettato e costruito macchine piuttosto selvagge.

Il risultato è una delle auto più impressionanti della storia, la stessa Ferrari 250 GTO. E sì, non dimentichiamo che uno dei motori più leggendari della storia automobilistica, il motore V12 di Lamborghini, ha fatto il suo debutto sulla Lamborghini 350 GT.

Le ambizioni crebbero così tanto che nel 1964 Pizzarini fondò il proprio marchio e già nello stesso anno apparve un’auto sportiva molto flessibile: la Pizzarini 5300 GT Strada.

Già un anno prima, Pizzarini iniziò a progettarla, che divenne una coupé, una roadster e infine la Corsa, il pilota italiano. Quindi era una versione di un’auto da corsa.

L’obiettivo era quello di togliere il topo dalla Ferrari, poiché lui e diversi ingegneri chiave se ne erano andati in opposizione sia a Enzo Ferrari che al modo in cui era gestito il marchio automobilistico.

Il momento clou fu durante la gara di Le Mans nel 1965. Con i piloti francesi Regis Fraissinet e Jean de Mortemart al volante, la 5300 ha portato la Ferrari al vertice della sua categoria senza metterla al suo posto. L’affascinante stallone ha preso il triplo nella classe libera quell’anno.

READ  Ecco i nominati per il miglior giocatore del 2021

Ma la 5300 con numero di telaio #0222 ha impressionato, mantenendo una velocità media di 169 km/h tra gli altri. Dopo la gara di 24 ore, Giotto salì sull’auto di Pizzarini e tornò a casa nel nord Italia. Potrebbe essere più interessante.

Il piccolo e ambizioso marchio è riuscito a portare altre due vetture, la Bizzarrini Europa e la Bizzarrini P538. Ma nel 1969 il conto era vuoto e Pizzarini fallì.

Da allora, ci sono stati diversi tentativi di rilanciare il marchio automobilistico, ma le cose sono davvero decollate quando Pegasus Automotive, con sede in Kuwait, ha acquisito i diritti nel 2020.

All’inizio di quest’anno, hanno potuto offrire la Pizzarini 5300 GT Corsa Renaissance, la prima di un totale di 24 esemplari da realizzare.

Ora hanno anche consegnato la loro prima auto per i clienti.

‒ Il team è incredibilmente orgoglioso di vedere la prima 5300GT Corsa Renaissance lasciare la fabbrica per il suo nuovo proprietario. Abbiamo rilanciato Bizzarrini all’inizio di quest’anno come l’inizio di una visione a lungo termine e questa prima consegna al cliente è un passo importante verso la realizzazione di questa visione, afferma Simon Busby, Marketing Manager di Bizzarrini.

‒ Mentre continuiamo a produrre il resto della serie, continueremo a costruire sulla passione e sui valori del fondatore con il prossimo passo nell’evoluzione continua della nostra moderna supercar.

Non crederci Solo Una rivisitazione di una vecchia auto, perché non esiste. Ogni auto della gamma Revival è un’autentica interpretazione della 5300 GT Corsa, hanno studiato vecchi progetti, reperito materie prime da fornitori originali e ingaggiato gli stessi vecchi esperti che hanno effettivamente contribuito a costruire l’auto originale.

READ  Bugatti dà - Bolide "Serial produce"

Ma di una cosa devono comunque occuparsi, la nuova versione è conforme ai moderni standard di sicurezza.

Per essere sicuri che l’auto risultasse esattamente come era sulla linea di partenza di Le Mans nel 1965, il team Pizzarini rintracciò le persone responsabili del restauro effettivo del telaio #0222. Il colore rosso originale è stato rasato duramente per rivelare il colore da corsa.

Questa tonalità è stata adattata al Rinascimento per creare il Rosso Corsa Pizzarini 222.

Le auto sono ovviamente costruite a mano e hanno una carrozzeria composita leggera in un unico pezzo su un telaio in acciaio, per un peso totale di circa 1.230 kg.

All’interno, ottiene l’equipaggiamento di sicurezza approvato dalla FIA, mentre le sospensioni posteriori indipendenti e i freni a disco con specifiche Corsa della Giotto sono accoppiati a un V8 da 5.300 centimetri cubi che sviluppa oltre 400 cavalli. Ciò conferisce all’auto classica e leggera un rapporto peso/potenza che è effettivamente paragonabile alle moderne supercar.

Non possiamo fare a meno di capire che il cliente deve essere molto contento, perché quando finalmente Pizzarini torna, lo fa bene.

Controlla tu stesso il risultato:

leggi di più: