Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Inflazione più debole del previsto negli Stati Uniti

L’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti era dell’8,5% a luglio su base annua. In anticipo, era previsto l’8,7%, dopo un aumento del prezzo del 9,1% nel mese precedente, secondo Trading Economics. Pertanto, l’inflazione è stata inferiore alle attese ed è scesa dal livello più alto degli ultimi 40 anni a giugno.

Il contributo del forte aumento dei prezzi delle materie prime e dei fattori di produzione, compresa l’energia, è stato un importante motore alla base dell’aumento dell’inflazione sia negli Stati Uniti che in altre parti del mondo nell’ultimo anno circa. DNB Markets ha scritto nel suo rapporto mattutino di mercoledì che durante l’estate molti di questi prezzi sono regrediti bene, indicando che l’inflazione potrebbe scendere da livelli molto alti.

L’inflazione core a luglio è stata del 5,9%, rispetto al 5,9% di giugno. Qui ci si aspettava un anticipo del 6,1%. Pertanto, i dati odierni mostrano il tasso di inflazione core più basso degli ultimi sei mesi nell’economia statunitense.

Il calo dei prezzi della benzina è stato del 7,7% a luglio, contribuendo a compensare la crescita dei costi alimentari e abitativi. I prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 10,9%, la crescita più alta dal 1979.

Questo potrebbe aiutare ad alleviare parte della pressione sulla Federal Reserve per continuare a salire bruschi dei tassi, scrive Bloomberg.

Secondo DNB Markets, l’inflazione core elevata potrebbe essere ancora in serbo. Nuovi dati di martedì hanno mostrato che la produttività nell’economia statunitense è scesa del 2,5% su base annua nel secondo trimestre. Secondo la casa di intermediazione, questo è il calo più grande mai registrato nelle statistiche risalenti al 1947.

READ  Equinore inferiore Oslo Bors - E24

La combinazione di maggiore crescita salariale e minore produttività significa che le aziende devono aumentare costantemente i prezzi al dettaglio per proteggere i margini.

Il dollaro sta crollando

Dopo i numeri, il dollaro è sceso nei confronti dell’euro, dello yen e della corona norvegese, e il mercato ora sta scontando una probabilità inferiore di un aumento del tasso di 75 punti base il mese prossimo.

I Treasury statunitensi a dieci anni sono scesi di 8 punti base dopo i numeri.

Sebbene ora possa sembrare che l’inflazione abbia ormai superato il suo picco, la Fed ha informato che desidera che la tendenza continui per diversi mesi. L’inflazione core sarà un focus speciale, secondo Bloomberg.

La banca centrale statunitense ha un altro round di inflazione e numeri sul mercato del lavoro in vista del prossimo incontro sui tassi di interesse il 20 settembre.