Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il libero accesso alla scienza è un diritto umano

Il libero accesso alla scienza è un diritto umano

Sembra troppo bello per essere vero.

Ma molto meno delle Nazioni Unite Elenco dei diritti umani C'è un punto che è stato un po' dimenticato:

“Ogni individuo ha il diritto di partecipare liberamente alla vita culturale della comunità, di godere dell’arte e di partecipare al progresso scientifico”.

Questo punto fa parte dell’articolo 27 della Dichiarazione dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite.

Anche l’Istituto danese per i diritti umani ne sa poco:

– Non fa parte dei diritti umani con cui lavoriamo normalmente, questo è il messaggio che riceviamo.

– Si applica a quasi tutte le scienze

L'articolo è stato scoperto da ricercatori altrove. Il danese Sebastian Borsdam Mann, che lavora all'Università di Oxford in Inghilterra, si è gettato nel testo dimenticato.

È uno dei ricercatori che hanno presentato la loro interpretazione dell'articolo in un articolo sulla famosa rivista PNAS. Nel 1966, una serie di articoli divennero giuridicamente vincolanti attraverso la Convenzione internazionale delle Nazioni Unite sui diritti economici, sociali e culturali.

Il materiale è chiaro, moralmente vincolante e sostenuto da 70 anni di dibattito sui diritti umani. Può essere trasferito direttamente a quasi tutte le scienze importanti per la società, afferma Sebastian Borsdam Mann.

Mann ritiene che ciò significhi che tutta la scienza dovrebbe essere liberamente disponibile a tutti. Ma la maggior parte degli articoli di ricerca oggi sono pubblicati su riviste che richiedono ingenti somme per gli abbonamenti.

Solo alcune eccezioni

Mann ritiene che la ricerca possa essere esentata dal pubblico solo in casi molto particolari.

– Se faccio un medicinale o scrivo un articolo scientifico, oggi è mio. ma con “Il diritto alla conoscenza“Sarà cambiato. Tutti hanno diritto a tutti i benefici della scienza. Ciò può essere evitato solo se si può dire che è nell'interesse della società”, Mann, ricercatore post-dottorato presso il Centro di etica applicata dell'Università di Oxford, ritiene che ciò abbia gravi conseguenze.

È inoltre associato all'Istituto per i media, il riconoscimento e la comunicazione dell'Università di Copenaghen.

Dovremmo avere il diritto a questo

Ecco alcune aree che Sebastian Borsdam Mann ritiene debbano cambiare:

  1. I muri sui pagamenti devono essere rimossi.

È difficile sostenere che sia nell'interesse della società nascondere la nuova scienza, le scoperte e le invenzioni dietro un sistema a pagamento.

(OA) L’accesso aperto – in cui gli studi scientifici sono resi disponibili gratuitamente – è stato annunciato come un’alternativa, ma in realtà non è la soluzione ideale, afferma Mann.

I ricercatori spesso pagano per pubblicare le loro ricerche ad accesso libero e questo può rappresentare un problema per i ricercatori dei paesi poveri. Ostacola la ricerca e quindi non è ottimale. – Dobbiamo avere una comprensione intuitiva dell'accesso aperto. Anche la pubblicazione di articoli dovrebbe essere gratuita.

READ  Discorso del leader | I nostri cervelli si stanno restringendo!

2. I diritti d'autore e i brevetti intellettuali possono essere utilizzati solo in casi eccezionali.

Non esiste alcuna prova di un legame tra maggiore protezione e maggiore innovazione. Immagina che lo strumento di modifica genetica CRISPR fosse nascosto dietro un brevetto. Se la protezione durasse 20 anni, molte conoscenze andrebbero perse, afferma Mann.

L’editing genetico viene utilizzato, tra le altre cose, nel tentativo di rallentare le malattie. Ad esempio, leggi l'articolo CRISPR è usato per rallentare la malattia muscolare nei cuccioli.

3. È dovere dei politici tenere conto delle conoscenze scientifiche nell'adozione delle leggi.

Mann cita come esempi il clima, la droga e le aree sociali in cui le persone oggi hanno una forte conoscenza, ma non agiscono di conseguenza.

4. La scienza dovrebbe essere più che semplicemente accessibile.

Mann ritiene che si potrebbe effettivamente sostenere che la ricerca dovrebbe essere comunicata in un linguaggio comprensibile al pubblico.

Spazio per altro Scienza del cittadino

Mann aggiunge che una maggiore condivisione della conoscenza coinvolge soprattutto i paesi in via di sviluppo. Ma potrebbe portare più persone comuni a contribuire alla scienza, che è conosciuta come… Scienza del cittadino.

– Egli ritiene che se, ad esempio, le scuole riuscissero a facilitare tutto ciò, ciò avrebbe notevoli effetti positivi sulla scienza.

Mann ritiene inoltre che i diritti umani richiedano, tra le altre cose, la libertà accademica (i ricercatori dovrebbero avere piena libertà di espressione e di ricerca) e che dovrebbe esserci un'istruzione adeguata per i ricercatori.

Critico: Si estendono ulteriormente

Tuttavia, Jack Hartmann, ricercatore sui diritti umani all'Università di Dundee in Scozia, è scettico.

-Penso che stiano esagerando. Aggiunge che i trattati sui diritti economici e culturali si riferiscono all'accesso ai materiali scientifici, ma nulla afferma che debbano essere gratuiti.

Hartmann ha conseguito un dottorato in diritto internazionale ed è consulente di autorità e organizzazioni.

Sottolinea che nulla nella Dichiarazione universale del 1948 è giuridicamente vincolante.

quello Accordo successivo Il che lo rende giuridicamente vincolante. Tranne me un report Dal 2012 il rappresentante delle Nazioni Unite nella regione scrive di “accesso aperto” in senso lato e non direttamente di accesso libero e liberamente disponibile alla scienza in senso stretto.

Pertanto, non c'è nulla che obblighi il mondo ad andare nella direzione descritta dal gruppo di ricerca nella rivista PNAS, ritiene Hartmann.

Tuttavia, ha una grande simpatia per le argomentazioni che avanzano.

Se molti altri giuristi o ricercatori saranno convinti della validità di questa interpretazione, la legge potrebbe cambiare. Dopo 20 anni, potremmo pensare che questa sia la spiegazione corretta. Ma oggi non è così, dice Hartman.

Il movimento inizierà

Secondo Sebastian Borsdam Mann e il resto del gruppo di ricerca dietro l’articolo – tra cui diversi importanti ricercatori nel campo – dovrebbe essere letto specificamente come una guida a un nuovo standard nel campo.

READ  Cresce il sostegno al controverso Jair Bolsonaro in vista delle elezioni in Brasile

Dietro a tutto ciò ci sono molti ricercatori

L'elenco degli autori dell'articolo su PNAS comprende, tra gli altri, Matthias Mann, che secondo L'Istituto Max Planck di Biochimica è il ricercatore tedesco più citato.

Hailey Borsdam È professore all’Università di Copenaghen e titolare della cosiddetta Cattedra UNESCO – una sorta di ambasciatore – per la ricerca e i diritti culturali.

Altri contributori sono George Church e Michael Chu. Due eminenti genetisti provengono da Harvard, mentre Yvonne Donders è una rinomata professoressa di diritti umani.

Se accettiamo gli obblighi legali e morali contenuti negli articoli ci può essere movimento. Proprio come nella programmazione, dove il codice open source si è lentamente evoluto in una questione d'onore, quasi di autocomprensione, che ci ha dato Linux e altre cose buone, dice Mann.

Ogni ricercatore ha una grande responsabilità

Sottolinea che ogni ricercatore ha la responsabilità etica di rendere disponibili conoscenze e prove. Iniziare può avvenire attraverso piccole iniziative:

  • Pubblica la bozza dell'articolo scientifico su un sito web in modo che le persone possano trovarlo su Google.
  • Rispondi di sì se le persone in Bangladesh vogliono usare le tue conoscenze o se qualcuno in Tailandia vuole tradurre il tuo libro.

Mann sottolinea che in passato la scienza è stata condivisa con grande successo.

Cita Jonas Salk, che condivise le sue conoscenze mediche sulla poliomielite finché il suo vaccino non eliminò la malattia mortale.

Il copyright è protetto per ragioni arcaiche

L’ovvio argomento contro il rilascio di tutta la scienza è che ciò creerebbe un mercato in cui tutti rubano a tutti e dove nessuno viene ricompensato per il proprio lavoro.

Si potrebbe immaginare, ad esempio, che ciò accada con la ricerca di base.

È tutelato il diritto a beneficiare o a prendersi il merito dell’opera Nella seconda parte dell'articolo 27Che tutela l’idea o il prodotto:

“Ogni individuo ha diritto alla tutela degli interessi spirituali e materiali derivanti da qualsiasi attività scientifica”.

Sebastian Borsdam Mann ritiene che la stesura sia stata scritta con uno spirito completamente diverso da quello praticato oggi.

-L'idea era di motivare le persone a produrre più prodotti, medicinali, ecc. Dal 1948, l’industria ha raggiunto un livello completamente diverso, dove nessuno può più sostenere che il diritto d’autore sia necessario per promuovere l’innovazione.

Esistono altri strumenti più adatti per creare innovazione rispetto ai paywall, afferma Mann.

La trasparenza può essere vantaggiosa per le aziende

Sebastian Borsdammann ritiene che l'apertura e l'accessibilità possano essere vantaggiose sia per le aziende che per la scienza su due fronti:

  1. Le aziende con una forte responsabilità sociale ottengono una buona reputazione, maggiori investimenti e profitti più elevati.
  2. La programmazione open source non ha reso impossibile fare soldi. Consenti ad altri di sviluppare il tuo lavoro, ma mantieni alcuni diritti.

-Puoi ancora proteggere. Ma non dovrebbe essere sempre l’argomento principale, sottolinea Mann.

Lo stesso vale per la ricerca.

– Esistono molti altri modi per sostenere la ricerca oltre a quelli che utilizziamo oggi. Altri ricercatori hanno proposto di creare un fondo che pagherebbe il sostegno ai progressi della medicina in proporzione a quanto migliora la vita delle persone, piuttosto che a quanto gli altri possono pagare per il prodotto, dice.

– Può avviare importanti ricerche in un modo molto più ampio di quello attualmente incoraggiato dal diritto d'autore. In generale, questo ha senso, indipendentemente dal fatto che si parli di economia, politica, etica o diritto, dice Mann.

Il governo sarà il giudice

Ma chi può decidere quale tipo di ricerca si nasconde dietro brevetti, diritti d’autore e paywall?

La risposta è semplice, secondo Mann:

I governi nazionali devono farlo. Si sono impegnati a far rispettare la libertà scientifica nel campo dei diritti umani.

– I critici credono che si possa andare al governo solo se si pensa che ci sia un problema. Il governo può accettare le critiche dell’ONU, ma una questione legata alla scienza aperta non può finire nelle mani della polizia. Il diritto alla conoscenza Mann dice che è perfetto.

La domanda più importante per il futuro

Sebastian Borsdammann aggiunge che questi diritti sono diventati più importanti da quando sono stati adottati nel 1948:

– Questa è la domanda più importante per il futuro. Avrà un impatto enorme sulle differenze di status, aspettativa di vita, godimento della vita e tutto il resto. L’accesso ai dati è assolutamente fondamentale, afferma.

Il gruppo di ricerca dietro di esso la posta In PNAS, esorta gli scienziati di tutto il mondo ad aprire gli occhi sulla verità sulla scienza:

In effetti, il diritto all’istruzione è un diritto umano fondamentale con chiare conseguenze per la dignità, il benessere, la salute e l’istruzione in tutto il mondo. Aggiunge un'importante dimensione giuridica ed etica a temi importanti della scienza e della politica. Facciamo di tutto per renderlo solido e responsabile.

riferimento:

S. Borsdam Mann et al: «Opinione: Sostenere il progresso scientifico come diritto umano», PNAS (2018). https://doi.org/10.1073/pnas.1816320115

© Videnskab.dk. Tradotto da Lars Nygaard per forskning.no.