Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il momento che ha cambiato il mondo

C’è molta attesa nella guerra. Una volta, in uno dei tanti aeroporti e basi militari usati dagli Stati Uniti in Iraq e dintorni, un uomo anziano mi si avvicinò. Si chiamava John e ha detto che aveva un libro che voleva che avessi io. Era un libro illustrato dettagliato sugli attacchi terroristici dell’11 settembre e su ciò che hanno fatto a New York.

John voleva aiutare, contribuire e fare qualcosa per il suo Paese dopo l’attacco terroristico, e lo ha fatto come tanti altri: arruolarsi nell’esercito. O quando gli Stati Uniti sono entrati in Afghanistan nel 2001, o quando il paese ha invaso l’Iraq nel 2003.

Gli Stati Uniti erano sotto attacco. Volevano mettersi in fila. John è stato mandato in Iraq.

Ma cosa c’entra l’Iraq con l’attacco terroristico del 2001, ho chiesto, ma non ho ottenuto una risposta adeguata.

guerra al terrore

Molti di coloro che erano a New York e Washington, DC il giorno in cui gli aerei si sono schiantati contro il World Trade Center, il Pentagono descrivono il cielo come eccezionalmente chiaro e azzurro.

Ha anche un significato mobile.

Nessuno era preparato perché accadesse qualcosa del genere, e nessuno era preparato perché gli Stati Uniti fossero colpiti in questo modo. Il danno è stato enorme.

Questo è ancora il peggior attacco terroristico della storia. Shock e reazioni dopo. Di giorno in giorno, il potente apparato statale degli Stati Uniti si è trasformato in un nuovo nemico. La guerra all’islamismo e al terrorismo era in corso.

Il mondo di ieri

Vale la pena ricordare com’era il mondo il 10 settembre 2001. George W. Bush è presidente degli Stati Uniti da poco più di sei mesi, dopo una controversa elezione presidenziale conclusasi con l’eliminazione.

READ  Molte marche di auto leggendarie potrebbero scomparire

Gli Stati Uniti erano di gran lunga il paese più potente del mondo e senza rivali. Il Paese ha vinto la Guerra Fredda. La Russia era allo sbando e aveva appena avuto un nuovo leader, Vladimir Putin. L’economia cinese era leggermente più grande di quella italiana.

Per coloro che volevano vedere, c’erano dei segni. L’ambasciata degli Stati Uniti a Nairobi è stata colpita da un attacco terroristico nel 1998 e il World Trade Center è stato bombardato in un parcheggio all’inizio del 1993.

Ma il terrorismo islamico era solo una parte del quadro più ampio della minaccia, non il nemico principale in sé, come divenne il giorno successivo.

invasioni

Divenne presto chiaro che l’organizzazione terroristica Al-Qaeda era dietro l’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 e che aveva sede nella nazione dell’Asia centrale dell’Afghanistan. Finora il Paese ha ricevuto attenzione soprattutto a causa delle violazioni dei diritti umani commesse dai talebani, che all’epoca controllavano l’Afghanistan.

Gli Stati Uniti hanno mobilitato una coalizione internazionale e la guerra è andata bene. I talebani sono stati estromessi dal potere e al-Qaeda ei suoi combattenti stranieri sono stati uccisi o costretti a nascondersi. L’interruzione del successo sul campo di battaglia fu che la mente dell’attacco, il saudita Osama bin Laden, riuscì a fuggire.

Non dovrebbe fermarsi qui. Quanto al presidente Bush, aveva raccolto intorno a sé una cerchia di consiglieri che avevano progetti molto più grandi. Volevano trasformare il mondo intero in un’immagine americana. Erano chiamati neoconservatori e volevano usare l’esercito per il cambio di regime anche in altre parti del Medio Oriente. L’attacco terroristico ha dato loro spazio di manovra e l’Iraq, allora sotto il controllo di Saddam Hussein, è diventato un nuovo obiettivo.

READ  Ecco le star che quest'estate potrebbero cambiare club

Con affermazioni – poi rivelatesi false – che l’Iraq avesse prodotto armi di distruzione di massa e che l’Iraq fosse strettamente legato ad al-Qaeda, gli Stati Uniti tornarono in guerra, due anni dopo l’attacco terroristico. Questa volta sono entrati senza una decisione delle Nazioni Unite e solo con una manciata di alleati, inclusa la Gran Bretagna.

Anche qui la guerra inizialmente andò bene. Le forze americane e i loro alleati catturarono la capitale, Baghdad, dopo una guerra tempestosa, e pochi mesi dopo fu catturato Saddam Hussein.

I problemi

Poi ha iniziato a diventare più difficile, e quando la guerra si è complicata, ho incontrato John con il fotolibro. Gli Stati Uniti hanno dovuto costruire un nuovo stato in Iraq, ma ha costantemente guadagnato più nemici ed è stato attaccato dalle milizie da tutte le parti. Gli americani hanno perso molti soldati ogni giorno.

La base morale e legale per la guerra in Iraq è stata controversa fin dall’inizio, ma con il passare dei mesi e degli anni senza alcuna prova che l’Iraq stesse producendo armi di distruzione di massa, anche i più ardenti sostenitori dell’invasione sono diventati pericolosi.

John era in realtà un dentista e aveva paura di morire in guerra. L’ho incontrato in una base in Kuwait. Ha detto che non era del tutto sicuro di cosa avesse a che fare l’Iraq con gli attacchi terroristici dell’11 settembre, ma ha parlato molto di Saddam Hussein e dei suoi figli, e di quanto fossero duri. Confrontali con Caligola, il pazzo imperatore romano. Date le fondamenta traballanti dell’invasione, non c’era da meravigliarsi che John non potesse rispondere adeguatamente.

la fine

Gli Stati Uniti si sono ritirati dall’Iraq dopo alcuni anni sotto il presidente Barack Obama, ma sono tornati nel 2014 per cacciare lo Stato Islamico, un gruppo terroristico che ha minacciato di impadronirsi dell’intero Paese e ha compiuto grandi attentati terroristici in Europa. Il nucleo di questo gruppo è stato stabilito in una prigione americana dopo l’invasione dell’Iraq.

READ  "Non pensava a Ronaldo" - Sporten.com

E ora, alla fine dell’estate del 2021, si sono ritirati dall’Afghanistan e hanno consegnato il paese ai talebani. Durante l’evacuazione, un attentatore suicida ha attaccato nel caos che circonda l’aeroporto di Kabul, uccidendo più di cento afgani e tredici soldati americani.

Il ministro degli interni del nuovo governo talebano presentato martedì è Sirajuddin Haqqani, un uomo che si ritiene abbia stretti legami con al-Qaeda e al quale l’FBI ha promesso una ricompensa di 5 milioni di dollari.

nessun successo

È difficile vedere il successo della guerra al terrore. Il fatto che il mondo non abbia visto un attacco così massiccio negli ultimi vent’anni come quello avvenuto l’11 settembre 2001 è probabilmente legato tanto alla sicurezza e alla sorveglianza quanto alle azioni militari.

Più di 3.000 persone sono state uccise nell’attacco terroristico. Decine di migliaia di persone hanno perso la vita nelle guerre e nei tumulti che sono seguiti, e per tutti noi il mondo è diventato un luogo ancora più brutale dopo questo giorno di settembre di 20 anni fa.

Non so se John è sopravvissuto alla guerra in Iraq. Il libro che mi ha dato, l’ho tenuto.

Non riesco a liberarmene, forse perché gran parte del nostro mondo è ancora definito da eventi tragici, ma anche perché il libro simboleggia molto di quello che è successo dopo.