Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Do Itli Like Pro ABC News

Questo articolo è stato originariamente pubblicato Financevision Premium.

– Cibo italiano insomma? Alcuni degli ingredienti della migliore qualità, trattati al meglio, i fratelli Luca e David Jannini, la sorellina Alice e altri italiani di Mamma Pizza sono la definizione standard del ristorante italiano più autentico di Oslo.

Luca e David sono venuti in Norvegia sette o otto anni fa per aprire un ristorante, non per l’amore che spesso corre in queste situazioni, ma perché volevano cucinare cibo italiano in un paese straniero. Dato che avevano così tanti amici norvegesi, sembrava naturale per loro andare in Norvegia come nessun altro.

Arti Antiche: Fare i tortellini è un’arte. Puoi ruotarli con i mignoli, motivo per cui Alice (al centro) e Agnes hanno una mano significativamente migliore di David. Foto: Evind Ykeshet / Financevision

Dal 1973 il libro di cucina della “suora” Tina e minacciando di fare pizza italiana norvegese e altro cibo da strada, hanno aperto Mamma Pizza al Troningans Gate, a due passi dal centro di Oslo.

– Ci sono due ragioni per questo, dice David.

Uno è più economico da affittare qui rispetto ad altri posti, e l’altro, situato presso la stazione ferroviaria di Nona Tina a Bologna, ci piacerebbe averla. Dopo la seconda guerra mondiale Tina ha aperto il bar e si è scambiata caffè e panini e poi pizza, dove ha conosciuto il nonno, che era un nonno. Si chiamava Ivo Perrini, ma era soprannominato “Leo” per il suo coraggio, e Luca lo chiamò come uno dei suoi figli.

Il libro di cucina della nonna: Il libro di cucina della nonna è stato portato con loro da Bologna quando il fidanzato Luca e David hanno aperto il ristorante Mamma Pizza a Oslo. Foto: Evind Ykeshet / Financevision

Il fratello maggiore Luca e il bambino di due anni David sono cresciuti con il cibo di Tina al Bar Pianco nella città italiana di Bologna, famosa per la sua mortadella, il rastrello e altro ancora. Qui correvano e assaggiavano il cibo, imparavano il mestiere e amavano i piaceri della tavola, come spesso accade in Italia.

Hanno il libro di cucina della nonna, Le Rickett regionale italiano di Anna Cossetti della Salta, Ingrid Esplit Hovic Checker ricettario per italiani una raccolta di consigli di cucina per i norvegesi. Un libro di cucina ben utilizzato con suggerimenti e consigli di Nona Tina, il Santo Graal di Mamma Pizza e un amuleto portafortuna allo stesso tempo.

READ  Calcio, National Top League | La Juventus ha salvato un biglietto per la Champions League con Ronaldo in panchina

Mentre i fratelli conoscono bene il cibo della regione Emilia Romagna, il ristorante serve cibo da altre parti d’Italia, non solo in Sicilia e Palermo, ma anche dallo chef Alessandro.

Cibo di strada siciliano: Aronsin.  Vedi la ricetta qui sotto per saperne di più in questo numero.  Foto: Evind Ykeshet / Financevision

Cibo di strada siciliano: Aronsin. Vedi la ricetta qui sotto per saperne di più in questo numero. Foto: Evind Ykeshet / Financevision

Per far sognare ai lettori dei finanzieri di andare in Italia attraverso il palato, la mafia di Mamma Pizza insegna un menu di tre portate che è alla portata della maggior parte degli chef di tutti i giorni, ma un chiaro prerequisito per gli ingredienti migliori. Se la mozzarella è scadente, avrà un cattivo sapore, quindi fai attenzione quando acquisti gli ingredienti di cui hai bisogno.

Due piatti sono siciliani, e uno è bolognese, ma come dice Luca Jannini:

– Oggi sacrificheremo un po’ di onore alle Polonie.

Dai un’occhiata ai suggerimenti per le ricette qui:

Ricetta: Arancine al ragù (10 pezzi)

L’arancin è uno street food siciliano, farcito sotto forma di arancini di riso fritti, passati nel pangrattato. Ci sono molte varietà, e le due più comuni sono Al Raque e Al Burro, entrambe presenti nel menu di Mamma Pizza.

cose richieste

Per la promozione:

  • 1 kg di riso (tipo Corneroli o Violin Nano)
  • 100 g di burro
  • Un pizzico di zafferano
  • Sale e pepe a piacere e quanto basta

Riempire:

  • Ragù alla bolognese (non esitate a prepararlo)
  • Mozzarella

Al banner:

  • 6-8 cucchiai di farina 00 (magari un po’ di più, dipende da quanto assorbe l’arsenico)
  • Acqua quanto basta
  • Fette di pane

Atteggiamento:

Per prima cosa fate bollire il riso in 2,2 litri di brodo vegetale. Prendere una padella con burro e zafferano e unirvi un composto completo di riso cremoso e sciolto. Trasferire il riso in un piatto a raffreddare. Aggiungere al riso il ragù alla bolognese e la mozzarella tritata, immergere le mani in acqua fredda e formare delle palline.

Mettete la farina e qualche cucchiaio d’acqua in una ciotola dai bordi alti e formate un impasto denso e appiccicoso ma non troppo liquido. Mettere a bagno la farina d’avena e assicurarsi che sia completamente ricoperta di farina. Passatela poi nel pangrattato e ricoprite tutta la pallina.

READ  Enel X & Fincantieri promette trasferimento di energia per i porti italiani

Friggetene due, massimo tre, in abbondante olio di arachidi contemporaneamente all’aranzina. Una volta raggiunta la temperatura di 175 gradi metteteli nell’olio. Il modo migliore per stimare la giusta temperatura è immergere un dentifricio nell’olio. Se è coperto di bolle, è pronto. L’aronsin ha bisogno di circa due minuti per cuocere. Quando saranno ben dorati, adagiateli su un foglio di carta che assorbirà l’olio rimasto.

Ricetta: Tortellini in Proto

Pasta: Tortellini in Proto.  Foto: Evind Ykeshet

Pasta: Tortellini in brodo. Foto: Evind Ykeshet

I tortellini in proto (pagnotte ripiene con ripieno di carne, in effetti) sono la migliore versione delle origini e della collocazione dei prodotti alimentari dell’Emilia-Romagna, in particolare delle vicine città di Bologna e Modena. Sono necessarie dita piccole per costruire piccoli anelli.

cose richieste

Per la pasta:

Riempire:

  • 250 g Mortadella
  • 200 g di prosciutto crudo
  • 250 g di parmigiano macinato
  • 1 uovo
  • Moscato
  • Sale
  • Pepe

Inoltre:

  • Servire brodo di carne

Atteggiamento:

Iniziate con il ripieno: tritate la mortadella e il prosciutto e mescolate bene. Aggiungere le uova, il parmigiano e la noce moscata macinata e amalgamare il tutto. Conservare in frigo per un po’: più tempo ci vuole, migliore è il gusto. Aggiungere sale e pepe a piacere.

Preparate l’impasto per la pasta e formate una palla. Lasciare riposare il sacchetto per alimenti per un’ora a temperatura ambiente prima di arrotolare in una “sfoglia” sottile. Con un piccolo tagliapizza crei dei quadrati approssimativi. 3 – 3,5 cm e un pizzico di ripieno al centro. Ripiegare la parte superiore in diagonale sul ripieno mentre si ottiene un triangolo e premere delicatamente l’impasto per rilasciare tutta l’aria e coprire ogni pezzo. Avvolgere i due angoli inferiori intorno alla punta del mignolo e impastare leggermente l’impasto in un anello. Spolverare le tortillas su un piatto con la farina e coprire con carta da forno in modo che non si attacchino alla superficie.

Lessare le tortillas nel brodo e saltarle con un mestolo mentre sono al dente (circa due minuti). Servito in brodo caldo.

Ricetta: Connolly (16 pezzi)

Opzioni: Connolly.  Foto: Evind Ykeshet / Financevision

DELIKATESSE: Connolly. Foto: Evind Ykeshet / Financevision

Una colza (plurale cannoli) è un sapore siciliano che può essere farcito con crema di ricotta dolce di tubo e farina fritta, ad esempio, da gustare con cioccolato, pistacchio, acqua di rose, vaniglia e altri ingredienti.

READ  Media italiani: la Juventus mette "a fuoco" Ronaldo

cose richieste

A Connoloscallet:

  • 250 g di farina 00 + per mettere un po’ di polvere
  • 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere
  • 50 grammi di zucchero
  • 30 g di strutto (in alternativa burro ammorbidito)
  • 1 tuorlo d’uovo strapazzato (salvare l’albume per chiudere la cannula)
  • 50 ml di marsala
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco
  • Vaniglia (1 bustina o 1 cucchiaino di succo)
  • 3 g di sale
  • Olio per friggere

Riempire:

  • 800 g di zucchine opportunamente filtrate
  • 250 grammi di zucchero

Inoltre:

  • 100 g cioccolato fondente (tritato)
  • 1 manciata di pistacchi (in polvere)
  • Scorza d’arancia leggermente caramellata

Atteggiamento:

Trasferite la ricotta secca in una ciotola, aggiungete lo zucchero e mescolate bene, facendo passare il composto al setaccio per eliminare i cristalli di zucchero. Ripetere tre volte per una consistenza cremosa e vellutata.

Impastare gli ingredienti per la farina in un mixer o a mano fino ad ottenere un composto liscio. Se la farina risultasse troppo asciutta potete aggiungere un po’ d’acqua. Coprite con pellicola e mettete in frigo per almeno due ore. Quindi prendere l’impasto e lavorarlo con il mattarello o con la macchina per la pasta, facendo degli strati molto sottili (0,5 mm). Tagliare con una rotella per pizza in quadrati di 10 x 10 cm. Al centro di ogni quadrato, posiziona un cilindro di acciaio (disponibile in un negozio di cucine, ma può essere realizzato anche con alluminio leggermente più spesso) in diagonale in modo che vada da un angolo all’altro. Premi bene un lembo di farina nel cilindro, spennella l’altra piega con l’albume che hai messo da parte e piega intorno al cilindro. È importante lasciare raffreddare completamente l’impasto prima di infornare per ottenere le classiche bollicine.

Scaldare l’olio a 175 gradi e friggere una colza alla volta. Ci vuole solo un minuto, immergerlo nell’olio un paio di volte. Sollevalo sulla carta assorbente e rimuovi immediatamente il cilindro di acciaio. Quando si saranno raffreddati, farcire la colza con la crema di ricotta, un’estremità di pistacchio tritato e l’altra immersa nel cioccolato macinato. Guarnire con un pezzetto di crema di ricotta sopra ogni cannula e adagiare un pezzetto di crema candita all’arancia. Cospargete con un po’ di zucchero a velo e sarà bellissima.