Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il mondo sta arrivando a un riscaldamento di 2,7 gradi – VG

Ingrandimento: questa immagine mostra il buco dell’ozono sopra l’Antartide e mostra che è diventato più grande del 75% dal 1979. Tuttavia, l’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) aveva precedentemente stimato che lo strato di ozono tornerà alla normalità intorno al 2050.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres avverte che se le emissioni climatiche non diminuiscono, il mondo si sta dirigendo verso un aumento della temperatura di 2,7 gradi.

Inserito:

In tal caso, sarebbe disastroso, dice Guterres in uno di loro affermazione Venerdì.

Tra poche settimane si terrà il Summit delle Nazioni Unite sul clima COP26 Tenuto a Glasgow, in Scozia.

Guterres indica un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sulle emissioni nei 191 paesi membri dell’Accordo di Parigi. Il rapporto avverte che i paesi non raggiungeranno gli obiettivi di riduzione delle emissioni stabiliti nell’accordo di Parigi, che impedirebbero al riscaldamento globale di superare 1,5 gradi.

Dice anche che è ora di smettere di ignorare la scienza e che ora dobbiamo ascoltare le richieste delle persone in tutto il mondo.

È tempo che i leader si alzino e finiscano, altrimenti le persone di tutti i paesi pagheranno un tragico prezzo.

Nell’Accordo di Parigi firmato nel 2015, la comunità internazionale ha deciso di limitare il riscaldamento globale a un massimo di due gradi, rispetto ai tempi preindustriali, Ma con un obiettivo finale è quello di riscaldarsi a 1,5 gradi.

READ  Colpisci il suolo stasera: questi luoghi si distinguono
Preoccupazione: il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres è profondamente preoccupato per gli sviluppi.

All’inizio di quest’anno, quando è stata pubblicata la prima parte del sesto rapporto sul clima della Commissione per il clima, Guterres ha affermato che ora “codice rosso” per l’umanità.

Anche oggi l’attività umana ha portato ad un aumento di circa 1,1 gradi, non decrescente. Il Comitato delle Nazioni Unite per il clima ha concluso che potremmo già vedere 1,5 gradi nel 2030.

READ  Il 5 luglio, la Norvegia deve adattarsi alla mappa Corona dell'UE. Allora ci possono essere molti paesi verdi in cui viaggiare.

Le emissioni sono in aumento

Secondo la dichiarazione, la ricerca suggerisce che dobbiamo tagliare il 45% delle emissioni entro il 2030 per raggiungere la neutralità in termini di CO2 entro la metà del secolo. Tuttavia, il nuovo rapporto delle Nazioni Unite ne stima uno aumento delle emissioni 16% nel 2030 rispetto al livello di emissioni nel 2010.

– Questo va contro la promessa fatta sei anni fa di perseguire l’obiettivo di 1,5 gradi. Guterres ha affermato nella dichiarazione che il mancato raggiungimento di questo obiettivo sarà misurato nella pesante perdita di vite umane e mezzi di sussistenza.

– Non è troppo tardi

sottolinea Guterres Paesi del G20 Rappresenta oggi l’80% delle emissioni globali.

Perché anche se arriva con un nuovo e oscuro avvertimento, c’è speranza, come conferma l’ultimo rapporto della Commissione per il clima.

Ho anche chiarito che non è troppo tardi per raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi dell’accordo di Parigi. Abbiamo gli strumenti per raggiungere questo obiettivo. Ma il tempo sta finendo in fretta.

Ecco perché il Segretario generale chiede la leadership dei paesi del G-20 che operano come le economie più importanti del mondo.

Le decisioni che prenderanno ora determineranno se la promessa fatta a Parigi sarà mantenuta o infranta.

Ai paesi ricchi viene chiesto di mantenere la promessa di denaro

Aggiunge che “tutte le nazioni” dovrebbero fare nuove e più ambiziose promesse sul clima all’interno della COP26, che si svolgerà all’inizio di ottobre e novembre, per mettere il mondo sulla buona strada per l’obiettivo di 1,5 gradi.

Inoltre, Guterres invita i paesi ricchi a mantenere finalmente la promessa fatta dieci anni fa di aiutare i paesi in via di sviluppo per un importo di 100 miliardi di dollari, equivalenti a circa 870 miliardi di corone norvegesi.

READ  Pescatori francesi e navi della marina britannica lasciano Jersey - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Anche questo obiettivo non è stato raggiunto, secondo il Climate Finance Report Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico Così come venerdì.