Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il Museo Munch consente ai bambini di esplorare il mistero e la tristezza nella “Stanza di Sophie” – Fartland

Il Museo Munch consente ai bambini di esplorare il mistero e la tristezza nella “Stanza di Sophie” – Fartland

I bambini che percorrono le strette scale mobili del Museo Munch fino in cima entreranno nell'opera d'arte questa primavera La stanza di Sophie. All'interno possono raccogliere forme nere in nuove immagini, ascoltare musica spettrale e contemplare un liquido scuro e lucente.

-Una delle cose che riteniamo più stimolante e interessante dell'arte di Edvard Munch è il modo in cui descrive l'ansia con cui noi esseri umani dobbiamo affrontare. Quindi abbiamo iniziato a cercare come parlare apertamente di questi sentimenti con i bambini. Questo è stato il punto di partenza, dice l'artista Ronak Mushtaqi.

Ce l'ha fatta La stanza di Sophie Con la coreografa e sorella Rosa Mushtaqi. Il progetto è il terzo della serie per bambini del museo “Kom denk med oss!”, e quindi non rifugge dagli aspetti cupi e sconosciuti della vita. Abbastanza in linea con lo stesso Munch.

“Vogliamo essere aperti riguardo a questa parte dell'arte di Munch e far emergere diversi aspetti del nostro rapporto con l'ansia”, afferma Ronak.

Sophie era anche il nome della sorella di Edvard Munch, morta di tubercolosi all'età di 15 anni.

Il ciclo di cui facciamo parte

Nonostante la tavolozza desolante: il tragico e il triste non sono necessariamente il tema principale della mostra, secondo le sorelle. Il liquido sopra menzionato, che per pura coincidenza sgorga dalla fontana al centro della stanza, potrebbe ad esempio somigliare all'olio.

Il petrolio è qualcosa che possiamo vedere e toccare, ma è anche cultura e qualcosa che riguarda l'ambiente che ci circonda. Rosa e Ronak Mushtaqi la considerano un'immagine dell'eredità che abbiamo ricevuto dal passato e che stiamo trasmettendo al futuro. La verità è che il petrolio è costituito da animali e piante morti che hanno assunto un'altra forma.

READ  Romania: Roma, il cioccolato che va avanti allo stesso tempo

La morte non diventa semplicemente uno spazio vuoto, vero?

– No, la vita non nasce dal nulla e non finisce con la morte. Nasciamo con debiti e un’eredità sulle spalle, e ne trasmettiamo una versione quando moriamo.

La stanza di Sophie

  • Un'installazione artistica interattiva per bambini al 10° piano del Museo Munch. Dura fino al 18 agosto.
  • Gli artisti dietro questo sono Rosa Mushtaqi e Ronak Mushtaqi
  • La terza parte della serie di mostre “Come Dink Made Us!”. Per bambini

La stanza di Sophie Dà ai bambini “uno spazio per immaginare”, dice Rosa.

– Chiunque entri nella stanza vivrà un'esperienza diversa. Apprezziamo molto questa apertura e siamo rimasti colpiti dalle risposte che i bambini hanno dato nelle interviste dopo aver visitato la mostra.

Il liquido nero è stato chiamato in tutti i modi, dalla Coca-Cola alla cioccolata fino agli incubi, dice.

Dall'inizio alla fine

I bambini sono il pubblico prioritario del Munch Museum, afferma Christine von Tomte, una delle due curatrici della mostra. Sta pensando La stanza di Sophie Aiuta ad espandere l'esperienza artistica dei bambini.

– Attraverso la serie “Kom Tenk med oss!”, vogliamo esplorare l'arte che prende sul serio i bambini come pubblico, in collaborazione con artisti e bambini stessi. La stanza di Sophie Presenta una tavolozza di colori in bianco e nero e una storia più oscura associata a fantasia e misteri.

– Era importante coinvolgere attivamente i bambini nell'arte?

– Assolutamente. Consideriamo questi progetti coinvolgenti e che ci consentono di dialogare con i bambini in un modo diverso.

READ  Perché la Settimana del Dubbio è più importante che mai

Fonn Tømte afferma che la ricerca condotta su “Vieni a pensare con noi!” Ciò dimostra quanto sia importante per i bambini l’esperienza museale complessiva. Ricordano il museo nel suo insieme, non necessariamente le singole mostre che visitano. Al Museo Munch, ad esempio, le scale mobili lunghe e strette si incastrerebbero rapidamente.

Storicamente, i musei non hanno offerto le migliori esperienze ai bambini, dice.

Storicamente, i musei non hanno offerto le migliori esperienze ai bambini

Christine von Tomte, curatrice della mostra

Il Museo Munch offre allestimenti speciali per bambini in molte delle sue mostre, ma questa serie si distingue per il fatto che l'intero spazio espositivo è progettato pensando ai bambini, afferma von Tomte.

Prendi sul serio i bambini

Quando si ha a che fare con i bambini, secondo Rosa, i metodi appresi nell'educazione artistica non possono essere utilizzati.

– È stato un po' spaventoso, perché il contratto a cui ero abituato con il pubblico dell'arte non era più valido. Puoi immaginare quanto vuoi con il tuo cervello adulto, ma queste giovani menti incontrano l'arte senza filtri. Devi semplicemente imparare di nuovo ed essere più onesto con te stesso e il tuo lavoro. Hai meno posti in cui nasconderti.

– Qual è la cosa più importante che hai sottolineato?

– C'era una cosa che pensavamo fosse molto importante, ovvero che dovremmo lavorare seriamente per i bambini, risponde Ronak.

– Volevamo prenderli sul serio e dare loro la sensazione che fosse serio da parte nostra, concorda Rosa.

Ci deve essere spazio per incomprensioni, incomprensioni o noia

Ronak Mushtaqi

La stanza di Sophie Non vuole essere un progetto didattico, né dovrebbe essere “eccessivo-stimolante”, dicono le suore. La parte principale del lavoro sono le pareti bianche e spoglie, progettate in modo che i bambini possano raccogliere le proprie foto e cambiare così la stanza, da soli o con altri.

READ  Ecco perché dovresti bere vino, non birra

– Ci deve essere spazio per incomprensioni, incomprensioni o noia.

La stanza di Sophie Monk

Patrimonio e memoria

Incontriamo una persona di nome Sophie T La stanza di Sophie? Sophie è un personaggio del film d'animazione all'ingresso della sala espositiva. Potrebbe essere una qualsiasi bambina in visita al museo, secondo i due artisti. Il personaggio quindi non è direttamente correlato a Sophie Monk, la sorella di Monk menzionata sopra. Ma se conosci la storia, il nome dà una dimensione in più.

Sophie Munch è spesso citata come fonte d'ispirazione per le grandi opere di Munch Bambino malato (1886). Il ricordo dell'artista di Sophie diventa anche il nostro ricordo. Rosa Mushtaqi crede che la vedremo sempre come una bambina.

Sophie è molto presente con Monk, ed è un momento importante nel suo percorso artistico. Inizia a disegnare sua sorella per non dimenticare che aspetto ha.