Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il nostro lavoro con il Patrimonio Mondiale si basa sugli standard internazionali stabiliti dalle Nazioni Unite

Dibattito: – È importante per noi come attori pubblici contribuire al lavoro di rafforzamento della lingua e della cultura Sami, ha scritto Jean Delors.

Direttore Jean Delors all’Alta Museum.
immagine: Aaron B. rilasciato

Foto

L’Alta Museum non è solo petroglifi

Commento dal Museo Alta

Lo strano Mathis Hætta ha visitato i musei della contea quest’estate e ha riassunto le sue impressioni in tre documenti. Un’altra cronaca che tratta di una visita al Museo Alta. È positivo che Hætta si concentri sui musei in questo modo e contribuisca al dibattito sociale sul ruolo e sui contenuti dei musei.

All’Alta Museum, siamo lieti che Odd Mathis Hætta sia generalmente soddisfatto della nuova mostra principale e commenta che sostiene l’uso attivo del museo, il pensiero critico e l’impegno. La mostra è il risultato di molti anni di lavoro da parte del nostro staff professionale ed è il seguito del masterplan adottato nel 2016. Pertanto, sono ben accetti anche lodi e commenti critici sulla mostra. Prendiamo entrambe le parti molto seriamente e questo ci dà un buon contributo al nostro ulteriore lavoro e al raggiungimento di quella che consideriamo la nostra missione sociale.

La strana Mathis Hætta pensa che non dovremmo avere i sottotitoli di Sami, ma dovremmo attenerci al norvegese e all’inglese per fare spazio ad altre cose nella galleria. Rispettiamo il fatto che ci siano punti di vista diversi su questo argomento. Ma è importante per noi come attori pubblici contribuire all’opera di rafforzamento della lingua e della cultura Sami. Quindi usiamo il linguaggio sami nella galleria e abbiamo temi sami sia nelle mostre primarie che in quelle temporanee. È una priorità su cui continueremo.

Nella cronaca, sono state sollevate domande sul nostro uso del termine “Centro del patrimonio mondiale”, che ci offre l’opportunità di fornire maggiori informazioni sullo sfondo di questo.

L’arte rupestre di Alta è stata iscritta nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1985. È la più grande concentrazione nel nord Europa di arte rupestre realizzata dai pescatori e consiste in incisioni rupestri e pitture rupestri realizzate da 7.000 a 2.000 anni fa. L’UNESCO è l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza, la cultura e la comunicazione e ci sono più di 1.000 voci nell’elenco in tutto il mondo, sulla base di una serie specifica di criteri. In Norvegia, ci sono 8 voci nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO e due di queste si trovano nel Finnmark. Oltre all’arte rupestre Alta, è incluso anche il meridiano di Struve: questo patrimonio mondiale si estende attraverso i comuni di Hammerfest, Alta e Guovdageainnu/Kautokeino in direzione sud verso il Mar Nero.

Nel 2007, il Museo Alta è stato trasformato in una società intercomunale in cui sia il comune di Alta che il comune di contea di Finnmark possiedono ciascuno il 50%. Quindi il nuovo nome ufficiale divenne “The World Heritage Center of Rock Art – IKS Alta Museum”. Ciò è stato fatto per evidenziare che l’opera è un Centro e Museo del Patrimonio Mondiale. Nel 2015, siamo stati incaricati dall’Agenzia norvegese dell’ambiente come Centro visitatori del patrimonio mondiale “Bergkunsten i Alta” e abbiamo concesso nuovamente la licenza per altri 5 anni nel 2020. Stiamo lavorando per avere un centro simile autorizzato per l’arco meridiano di Struve, un sforzo che sosteniamo con tutto il cuore.

Il nostro lavoro con il Patrimonio Mondiale si basa sugli standard internazionali stabiliti dalle Nazioni Unite. Quando comunichiamo sul Patrimonio Mondiale, è in linea con gli accordi che abbiamo con le autorità e gli organismi professionali nazionali, regionali e locali. Informazioni a riguardo sono disponibili nella galleria e sui nostri siti web. Sotto gli auspici dei Monumenti Nazionali, è attualmente in fase di sviluppo una mostra di base sul patrimonio mondiale della Norvegia, che sarà infine allestita in tutti gli otto siti norvegesi del patrimonio mondiale. La mostra si svolgerà presso la nostra sede durante la stagione invernale e fornirà un’introduzione approfondita al patrimonio mondiale dell’UNESCO sia a livello nazionale che internazionale. Diamo il benvenuto a tutti a visitare questa mostra e altri con noi.

Yan S. Dolor, regista

Centro del patrimonio mondiale per l’arte rupestre

Museo Alta

READ  Le acquisizioni per Salmar attiveranno un'offerta su NRS - E24