Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il Petroleum Fund sta acquistando una quota di un parco eolico offshore per 13,9 miliardi di NOK-24

Il Petroleum Fund ha acquistato per la prima volta l’infrastruttura rinnovabile ed è entrato come proprietario parziale del secondo parco eolico offshore più grande del mondo.

Pubblicato:

Il Petroleum Fund ha stipulato un accordo con Ørsted, la società danese di sviluppo eolico offshore, e acquisisce una partecipazione del 50% nei parchi eolici offshore Borssele 1 e 2 della società Appare da un messaggio di mercoledì.

Il valore totale della partecipazione nel parco eolico olandese è di 13,9 miliardi di NOK. L’accordo dovrebbe essere completato nel secondo o terzo trimestre del 2021.

Siamo molto orgogliosi di annunciare che abbiamo acquistato il 50 percento del secondo parco eolico operativo più grande al mondo e aggiungiamo:

Pensiamo che questo sia un primo investimento molto interessante.

Direttore del Nikolai Tanjin Petroleum Fund.

Ole Berg-Rusten / NTB

otto mesi

Il direttore degli investimenti immobiliari e infrastrutturali, Mai Holstad del Petroleum Fund, ha affermato che il fondo è in attività da otto mesi per l’acquisto di un parco eolico offshore.

Abbiamo esaminato otto diverse transazioni durante l’anno 2020. Inoltre, abbiamo partecipato a un altro processo di offerta a cui non abbiamo avuto accesso. Ci vuole molto tempo con queste transazioni. Questa è la natura di queste transazioni e stimiamo che siano necessari dai 4 ai 9 mesi per ogni transazione, afferma.

Il fondo sottolinea che vi sono diversi motivi per cui il fondo non ha effettuato acquisti nelle altre operazioni considerate.

C’era qualcosa nel prezzo, qualcosa in altre cose che abbiamo trovato nei nostri sondaggi prima di tali investimenti. Dovrebbe andare tutto bene, dice Holstad.

Ørsted rimane il proprietario e parte operatore del progetto. Il parco eolico offshore ha una capacità di 752 MW e genera energia sufficiente per alimentare quasi 1 milione di case olandesi con un consumo annuo di elettricità. Il parco eolico è stato completato nell’ultimo trimestre del 2020.

La società danese afferma che ciò avrà un impatto contabile positivo di 6,7 miliardi di NOK.

Annuncia una partecipazione rinnovabile

L’ex capo dell’Yngve Slyngstad Oil Fund ha annunciato lo scorso anno che il fondo aveva in programma il suo primo ingresso nelle infrastrutture rinnovabili nel 2020, ma ciò non è accaduto.

L’attuale capo del fondo, Nikolai Tanjin, ha dichiarato a E24 a gennaio che sperava di completare il primo accordo nel 2021.

Il Fondo per il petrolio aveva precedentemente affermato di avere l’ambizione strategica di investire circa 100 miliardi di corone norvegesi in energie rinnovabili nel 2020, 2021 e 2022.

Secondo il piano, il produttore norvegese di fertilizzanti Yara e Orsted utilizzerà parte dell’energia eolica del progetto per l’idrogeno Porcelli nei Paesi Bassi.

Leggi anche

Tangen pensa che l’energia rinnovabile sia troppo costosa: – C’è molto riguardo alle ossa

– Importante

Zero Environmental Foundation è lieta che il Petroleum Fund abbia ora effettuato il suo primo investimento in infrastrutture rinnovabili.

Aumentare gli investimenti nelle energie rinnovabili è fondamentale per accelerare la transizione verso un sistema energetico a emissioni zero. Dagfrid Forberg, Chief Financial Officer di Zero, afferma in un commento che il fatto che il primo investimento del fondo petrolifero arrivi in ​​un progetto sviluppato e gestito da Ørsted, fornirà un’importante esperienza per nuovi investimenti la prossima volta.

Il Petroleum Fund inizialmente ha scelto di investire in infrastrutture rinnovabili nelle economie occidentali, perché si presume che ci sia meno rischio in questi mercati. Zero vuole entrare nel fondo anche nelle economie emergenti.

Il prossimo passo potrebbe essere investire nelle economie emergenti che hanno molta energia da carbone come l’India. Voorberg afferma che l’enorme necessità di sviluppare l’energia rinnovabile nei paesi in via di sviluppo e nei mercati in crescita nei prossimi decenni offre grandi opportunità.

Leggi anche

Volete un fondo rotativo di 25 miliardi: – Questi sono investimenti che stanno dando i loro frutti

– Molta concorrenza

In un’audizione al parlamento norvegese lo scorso anno, Tangen ha indicato che trovare investimenti redditizi nelle energie rinnovabili potrebbe richiedere tempo.

C’è molta concorrenza per questi progetti. C’è molto intorno alla gamba e ce ne sono molti che entrano in quella porta. Non possiamo dire esattamente quando cadranno queste cose, ha detto Tanjin.

Nel 2019, il Parlamento europeo ha aperto il fondo petrolifero per entrare nel suo quarto mondo di investimenti, ovvero investimenti diretti in infrastrutture rinnovabili.

Il fondo ha inizialmente investito solo in titoli a reddito fisso dal 1996. Nel 1998 è stato anche consentito di acquistare azioni e nel 2011 è entrato per la prima volta nel settore immobiliare.

Leggi anche

Abbandona il tuo primo investimento nelle energie rinnovabili: – L’ambizione che realizzeremo quest’anno

Calza estiva

Il Petroleum Fund ha affermato che i progetti eolici e solari offshore sono più rilevanti ora che il fondo entra in questo mondo. Tuttavia, progetti come questo sono infiniti e gli investitori cercano queste risorse.

Le compagnie petrolifere stanno anche cercando progetti di energia eolica offshore. Equinor ha recentemente venduto parti di due progetti negli Stati Uniti per rivaleggiare con BP per quasi 10 miliardi di NOK. Questo è 12 volte più di quanto Equinor avesse originariamente previsto per loro.

A dicembre, Equinor ha anche venduto una partecipazione nel mega progetto eolico offshore del Regno Unito Doggerbank all’Italia Eni per 2,4 miliardi di corone norvegesi.

Lo sviluppatore danese Ørsted ha l’abitudine di vendere come progetti prossimi al completamento. Nel 2018, ad esempio, la società ha venduto metà del progetto Hornsea 1 a Global Infrastructure Partners per 48 miliardi di NOK.

Questionario: cosa vuoi leggere di più sull’E24?

Leggi anche

Il Comitato delle finanze sostiene la proposta di Siv: requisiti di carbone più severi per il Fondo per il petrolio

Leggi anche

Equinor vende la quota di Doggerbank a Eni per 2,4 miliardi di corone norvegesi

Pubblicato:

READ  Strandberg ha rifiutato offerte lucrative per aumentare le possibilità della squadra nazionale