Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il più grande campo di concentramento in Cina può contenere 10.000 persone

In lunghe file, gli uiguri siedono nella posizione del loto, con le gambe incrociate e la schiena dritta. Sono contrassegnati e numerati, tutti fissano uno schermo televisivo che mostra foto in bianco e nero della storia del Partito Comunista Cinese.

Cancello del centro di detenzione n. 3 a Dabancheng nella regione autonoma uigura della Cina occidentale. Foto: AP/NTB

Questa è una delle circa 240 celle in una delle sezioni del campo di concentramento n. 3 di Dabancheng. I giornalisti dell’Associated Press hanno avuto accesso alla struttura durante un viaggio organizzato dallo stato nella regione dell’estremo ovest della Cina dello Xinjiang.

L’Associated Press è la prima casa di media occidentali ad entrare in questo centro di detenzione.

Il campo è il più grande del paese, e forse anche del mondo, ed è un complesso che si estende su 880 acri, il doppio del Vaticano. Un cartello all’ingresso dice che è “Kanchoso”, un campo per persone che non sono ancora state assicurate alla giustizia.

Guardie di sicurezza all’ingresso dei visitatori del Campo n. 3 nella provincia occidentale dello Xinjiang, Cina. Foto: AP/NTB

Il numero non è chiaro

I funzionari cinesi non hanno detto quanti detenuti ci sono nel campo, a parte il fatto che varia. L’Associated Press stima che il campo possa contenere 10.000 persone, sulla base delle immagini satellitari, delle celle e delle panchine osservate durante la visita.

Il campo osserva che la Cina tiene in custodia un gran numero di uiguri e altre minoranze prevalentemente musulmane e che intendono farlo per molto tempo. Le immagini satellitari mostrano che alla fine del 2019 sono stati aggiunti nuovi edifici che si estendono per più di un chilometro sotto il campo di Dabancheng.

La sua detenzione di oltre un milione di membri di minoranza negli ultimi quattro anni è stata descritta dalle autorità cinesi come una guerra contro il terrorismo. L’offensiva statale è stata innescata da una serie di accoltellamenti e bombardamenti da parte di estremisti uiguri.

READ  Jason, 49 anni, è morto 14 mesi dopo aver contratto il virus Corona
Una guardia di sicurezza spiega le regole del Campo n. 3 a Dabancheng, nella Cina occidentale. Foto: AP/NTB

riqualificazione

Tra gli aspetti più controversi di questa pratica di detenzione ci sono i cosiddetti centri di riqualificazione, che gli ex detenuti hanno descritto come centri di detenzione brutali.

Dopo pesanti critiche internazionali, le autorità cinesi hanno affermato nel 2019 che tutti i detenuti avevano “superato il test e sostenuto l’esame”. Le visite dell’APS al campo, gli studi di immagini satellitari e le conversazioni con esperti ed ex detenuti indicano che molti centri di formazione sono stati chiusi, ma solo molti sono stati convertiti in normali carceri dove le persone sono rinchiuse in attesa di cure dalla magistratura.

Sono state costruite diverse nuove strutture, inclusa una nuova struttura di 340 acri appena fuori Dabancheng Camp. In primo piano dalle immagini satellitari del 2019.

Alte mura e torri di guardia intorno al campo n. 3 a Dabancheng nella provincia autonoma uigura della Cina occidentale. Foto: AP/NTB

Dal campo alla prigione

Le modifiche alle strutture potrebbero essere un tentativo di trasformare i cosiddetti centri di riqualificazione, che erano formalmente ed effettivamente al di fuori della legislazione, in parte del sistema carcerario e detentivo previsto dalla legge cinese. Alcuni uiguri vengono rilasciati durante il processo, mentre altri sono appena entrati nella rete carceraria.

Tuttavia, affermano i ricercatori, le persone innocenti vengono spesso gettate nei campi per scopi comuni come viaggiare all’estero o partecipare a riunioni religiose.

Darren Byler è un antropologo che studia gli uiguri dalla sua posizione di ricercatore presso l’Università del Colorado. Dice che molti detenuti non hanno commesso reati nel senso comune e che spesso compaiono davanti ai tribunali in casi simili senza un regolare processo.

Centinaia di migliaia sono scomparsi

– La Cina sta passando dall’essere uno stato di polizia a uno che pratica operazioni carcerarie di massa. Centinaia di migliaia di persone sono scomparse. Bailer dice che c’è una criminalizzazione del comportamento normale.

READ  Corona sul Monte Everest: - Paura dell'infezione

Durante la visita della festa, i padroni di casa hanno insistito sul fatto che non c’era alcun collegamento tra i campi di riqualificazione e il campo n. 3 a Dabancheng come chiamano il campo di concentramento.

Ma nonostante le assicurazioni, ci sono chiare indicazioni che Dabancheng Camp sia anche un campo di concentramento. Una foto di Reuters del 2018 mostra che il campo si chiamava Uyghur Training and Retraining. I materiali d’archivio mostrano che il conglomerato cinese Hengfeng Information Technology si è aggiudicato un contratto del valore di 11 milioni di dollari per attrezzare il centro.

lo stesso fango

Un ex imprenditore edile che era al campo nel 2018, ha detto all’Associated Press che era come prima, si chiamava un campo di riaddestramento uiguro, ma è stato convertito in un campo di concentramento nel 2019. L’uomo non ha nominato il nome per paura di provvedimenti contro la famiglia.

L’ampio complesso è circondato da un muro dipinto di blu alto 8 metri, una torre di guardia e rumorose recinzioni elettriche nella parte superiore. Il team dell’APS ha notato scanner facciali e guardie armate in tute mimetiche.

In un angolo del campo, il direttore del campo Chu Hongbin sbirciò fuori dalla finestra del dungeon.

– È completamente indistruttibile, disse sotto la maschera Corona.

Nella sala di controllo, le guardie sedevano di fronte a un muro con schermi che mostravano cosa stava succedendo in ogni cella. Una macchina alimentata da programmi forniti da CCTV, l’emittente di stato cinese. Mostra anche programmi costruttivi che spiegano agli ospiti cosa hanno fatto di sbagliato.

chat room

22 stanze con sedie e computer che permettono agli ospiti di chiacchierare con avvocati e parenti mentre sono seduti. Nel corridoio c’è l’ufficio del procuratore generale regolare, altro segno che il campo è entrato a far parte del regolare servizio carcerario.

READ  Il thriller thriller sull'aborto è ambientato nella Corte Suprema degli Stati Uniti - VG

Un ospite spiega che i detenuti sono trattenuti nel campo da 15 giorni a un anno, a seconda di ciò che sospettano.

Gli uiguri costituiscono circa 8,3 milioni della popolazione di 19 milioni dello Xinjiang. La regione ha tre campi di concentramento e almeno dieci prigioni regolari. argilla n. 3 Non sembra essere completamente occupato durante la visita ad Ap. Una sezione era chiusa e da sei a dieci prigionieri in ogni cella occupavano solo la metà dello spazio a sedere.

Le statistiche ufficiali mostrano che nel 2019 ci sono stati il ​​doppio degli arresti nello Xinjiang rispetto agli anni prima dell’inizio della repressione degli uiguri nel 2017.