Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il raffreddamento dopo l’arresto cardiaco non offre migliori possibilità di sopravvivenzaبقاء

Dal 2005, è diventata la norma per i medici di tutto il mondo raffreddare i pazienti con arresto cardiaco incoscienti a 33°C.

Ma non ha alcun effetto sulle possibilità di sopravvivenza dei pazienti rispetto a forme di trattamento più lievi, I ricercatori concludono in uno studio Nel New England Journal of Medicine.

I pazienti con arresto cardiaco hanno le stesse possibilità di sopravvivenza se i medici mirano solo a una temperatura inferiore a 37,8 gradi, un livello perfettamente normale.

I ricercatori dietro il nuovo studio, e un certo numero di altri professionisti, credono che dovremmo cambiare le linee guida per il trattamento.

È uno studio che riflette i cambiamenti di paradigma nei trattamenti di emergenza, afferma Han Christensen, direttore medico nelle divisioni di neurologia del Bisebberg Hospital e del Fredericksburg Hospital, che non è stato coinvolto nel nuovo studio.

Indipendentemente dalle condizioni dei pazienti, dovrebbero essere trattati sulla base di una buona evidenza. Con questo studio, abbiamo una guida adeguata su come trattare i pazienti con arresto cardiaco inconscio, aggiunge il presidente mentre fa ricerche sul tromboembolismo ed è professore clinico presso il Dipartimento di Medicina Clinica dell’Università di Copenhagen.

ipotermia

Il raffreddamento di diversi tipi di pazienti è un trattamento diffuso tra i medici ed è noto anche come ipotermia.

L’ipotermia viene utilizzata nei pazienti che hanno avuto un arresto cardiaco e che hanno perso conoscenza al momento del ricovero.

L’ipotermia inibisce tutti i processi biologici. Quindi l’ipotesi era che i pazienti in questa condizione non fossero molto sensibili alla riduzione dell’apporto di ossigeno e sostanze nutritive al cervello.

Quindi saranno in grado di sopravvivere fino a quando il coagulo di sangue non si dissolve e il sangue scorre di nuovo normalmente attraverso l’area.

Uno dei ricercatori dietro lo studio, Janus Christian Jacobsen dell’Unità sperimentale di Copenaghen, che era il principale responsabile della metodologia, ritiene che lo studio avrà un impatto significativo.

– Penso che avrà un impatto molto grande sul trattamento dei pazienti con arresto cardiaco in tutto il mondo in un tempo relativamente breve. È importante che i pazienti ricevano un trattamento appropriato e questo studio è stato condotto nel modo migliore che conosciamo. Sfortunatamente, molte persone hanno un arresto cardiaco, quindi l’esperienza è importante, dice.

READ  Foster News Home | Hai spazio per altro? Solveig vuole assumere persone che parlano più importanti

Le linee guida sono costruite su prove discutibili

Il fatto che i medici di tutto il mondo abbiano raffreddato i pazienti a 33 gradi per circa 20 anni è dovuto a un’interpretazione eccessiva di due studi (lei ha e lei ha), che è stato pubblicato anche nel New England Journal of Medicine nel 2002, affermano diverse fonti.

Gli studi e le prove sono sempre stati controversi, osserva Han Christensen.

– Ci sono stati alcuni piccoli studi critici che sono stati interrotti in precedenza. Christian Hassager, MD, professore di malattie critiche, aggiunge, se lo guardi oggi, non cambierai le linee guida basate su tali studi.

Il trattamento è noto come ipotermia.

Il mondo intero stava aspettando che si facesse qualcosa contro l’arresto cardiaco. Quindi tutti si sono lanciati, spiega Hassager, che è affiliato al dipartimento di cardiologia del Rigschpetalt.

Questo è quello che hanno fatto i ricercatori

Il nuovo studio si basa su quello che viene chiamato uno studio clinico randomizzato ed è uno dei migliori tipi di studi che si possono fare in medicina.

I ricercatori hanno studiato 1.900 pazienti adulti incoscienti con arresto cardiaco provenienti da 61 ospedali in tutto il mondo.

Un set è stato raffreddato a 33° per 28 ore secondo le linee guida attuali.

Nel secondo gruppo, è stata monitorata la temperatura corporea del paziente e i pazienti che hanno sviluppato febbre (circa la metà del gruppo) sono stati trattati poiché mantenuti alla normale temperatura corporea, ovvero 37,8 gradi.

Sei mesi dopo che i pazienti sono andati in arresto cardiaco, sono morti in totale 465 dei 925 partecipanti al gruppo refrigerato, il che equivale a circa il 50 percento.

Nel gruppo non refrigerato sono morti 446 su 925, il che equivale al 48 per cento.

Quindi non c’è stato alcun effetto di raffreddamento al di sotto dei 37,8 gradi.

READ  Stordalen fa saltare il budget a Sommerro

Fonte: Ipotermia contro nordermia dopo arresto cardiaco extraospedaliero (NEJM, 2021)

Espande la finestra di elaborazione

Successivamente, tuttavia, numerosi studi hanno messo in discussione le linee guida ei risultati dei due studi. Recentemente nel 2013 un ampio studio ha mostrato Hissager ha contribuito a garantire che il raffreddamento a 33 gradi avesse lo stesso effetto del raffreddamento a 36 gradi.

“Nel nostro reparto, ci raffreddiamo a 36 gradi, che è la temperatura di quasi tutti i pazienti con arresto cardiaco quando cadono e vengono ricoverati in ospedale, a causa della cattiva circolazione”, spiega.

Hassager aggiunge che il nuovo studio non mostra che il raffreddamento non ha alcun effetto, ma allarga la finestra su come i medici trattano questo tipo di paziente.

Lo studio ha dimostrato che il raffreddamento dei pazienti a una temperatura compresa tra 33 e 37,8 gradi sembra essere altrettanto efficace. Quindi dovremmo mantenere la temperatura corporea dei pazienti al di sotto dei 38 gradi per le prime 24 ore, sottolinea Hasajer.

Meglio stare attenti

Molti reparti raffreddano ancora i pazienti in arresto cardiaco incoscienti a 33 gradi, ma questa non è una necessità e la cautela può essere praticata al meglio.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno riscontrato un aumento del rischio di problemi di circolazione nel gruppo raffreddato a 33 gradi. Ci possono essere meno di questi effetti collaterali.

Allo stesso tempo, richiede meno lavoro:

Usiamo molte risorse per raffreddare le persone. Christian Hassager spiega che se stiamo più attenti, possiamo continuare a concentrarci su altre cose nei pazienti.

È un compito che sta scomparendo e gli ospedali stanno evitando le spese per le apparecchiature di raffreddamento che possono costare tra le 6000 e le 8000 corone per paziente, aggiunge il professor Hans Kierkegaard, capo della ricerca presso il Centro per la ricerca acuta dell’Università di Aarhus.

Potrebbe esserci ancora un effetto

Kierkegaard, uno dei ricercatori dietro il nuovo studio, è rimasto sorpreso dai risultati.

– Mi aspettavo che ci fosse qualche differenza nei gruppi. Non lo era, e dovremmo notare, dice, ma sottolinea che non è convinto che l’ipotermia abbia alcun effetto sui pazienti.

READ  Incontro fisico con introduzione alla Rosluca School

Usiamo l’ipotermia in molti contesti. Kierkegaard sottolinea che quando eseguiamo un intervento chirurgico su pazienti cardiaci complessi, ci raffreddiamo a 18 gradi e l’abbassamento della temperatura corporea ha un effetto molto critico.

Finora, numerosi studi sugli animali hanno dimostrato che il raffreddamento a 33 gradi ha un certo effetto.

– Continuo a pensare che sia un tipo malato che può trarne beneficio. Ma non so per certo il tipo di paziente, dice Kierkegaard.

– Si può immaginare che coloro che non sono così gravemente feriti da morire, ma che non hanno un decorso molto mite, possano beneficiare dell’ipotermia. Ma al momento c’è più fede che scienza.

Si apre per la ricerca tanto attesa

Il nuovo studio apre anche nuove questioni scientifiche.

La grande domanda è sempre stata se il raffreddamento abbia un effetto, osserva Christian Hassager.

Ma dice che è stato molto difficile ottenere supporto per tali studi perché c’è ancora un ampio consenso sul fatto che il raffreddamento funzioni.

Pertanto, i medici non credevano che fosse eticamente giustificato condurre uno studio con un gruppo di controllo non refrigerato. Hasajer crede che questo sia ora aperto.

Janus Christian Jacobsen afferma che il gruppo di ricerca sta già progettando una nuova sperimentazione in cui i medici non utilizzano il raffreddamento nel gruppo di controllo.

– Faremo domanda per i soldi e scriveremo un protocollo dettagliato. Quindi probabilmente ci vorranno alcuni anni prima di ottenere risultati su di esso. Ma pensiamo che ce la faremo, dice.

Riferimento:

Josef Dankiewicz MFL: ipotermia contro normotermia dopo arresto cardiaco extraospedaliero. NEJM, 2021. (Astratto) DOI: 10.1056 / NEJMoa2100591

© Videnskab.dk. Tradotto da Lars Nygaard per forskning.no. Leggi lo stato originale su videnskab.dk qui.

Ci piacerebbe sentirti!

Si prega di contattare qui
Hai commenti, domande, lodi o critiche? O consigli su qualcosa di cui scrivere?