Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il rapporto tra i ministri è meraviglioso

È contrario a diversi insediamenti e vuole salvare la soluzione dei due stati. Così la sinistra di Israele si è unita a un governo di destra.

Issawi Freij appartiene al partito di sinistra Meretz. Partecipa a un governo in cui il primo ministro è fuori portata a destra.

Il rapporto tra i ministri è meraviglioso. Ha sorpreso anche me, ma questa è la realtà.

Questo è ciò che dice Al-Issawi Freij. È il ministro israeliano della cooperazione regionale e ha appena visitato la Norvegia. Negli ultimi cinque mesi è stato in un governo di composizione molto speciale. Otto partiti riempiono l’intero spettro politico.

Frej e il suo gruppo Meretz sono ben a sinistra. Il suo primo ministro, il primo ministro Naftali Bennett del partito Yamina, è di estrema destra.

C’è una circonferenza tra queste estremità. È come se il Partito Rosso e il Partito Progressista siedessero insieme al governo in Norvegia, afferma la professoressa Hilda Henriksen Wag del Dipartimento di Archeologia, Conservazione e Storia dell’Università di Oslo.

– Una volta ogni cento anni

Issawi Fray è il secondo musulmano arabo-israeliano a entrare a far parte di un governo israeliano. Frigg sa bene di essere coinvolto in un governo alquanto insolito.

– È il tipo di governo che potresti avere una volta nella vita, una volta ogni 100 anni, dice in un’intervista esclusiva con Aftenposten.

– È un governo in cui trovi i partiti di destra e di sinistra insieme. Per la prima volta un partito arabo si è unito al governo. Questo è un punto cruciale della storia.

READ  La medicina norvegese può essere efficace contro una grave malattia coronarica - VG
Il nuovo governo è stato formato il 13 giugno. Qui, i leader di partito degli otto partiti di governo si sono riuniti per colloqui quel giorno.

L’improbabile formazione del governo aveva due obiettivi immediati. Uno è il licenziamento di Benjamin Netanyahu dopo quasi 12 anni consecutivi da primo ministro.

Netanyahu non può concentrarsi completamente sull’essere il leader dell’opposizione. Un caso di corruzione durato anni si è infiltrato nel sistema giudiziario.

In secondo luogo, è importante evitare di avere un’altra elezione perché qualcuno ha avuto quattro elezioni in due anni.

Devono mentire i problemi più scottanti

Frigg ammette che far parte di un simile governo ha un prezzo. Ma è vero che gli aspetti positivi superano gli aspetti negativi.

– Meretz è fuori dal governo israeliano da 21 anni. Crede che tornare al governo sia un lavoro in sé.

Offre anche un piccolo menu di cui essere orgogliosi.

  • Non c’è stata l’annessione delle terre palestinesi, che Netanyahu voleva.
  • Il governo spenderà decine di miliardi di corone nei prossimi cinque anni per sviluppare la società arabo-israeliana.
  • Dopo dieci anni di assenza di contatti, cinque ministri israeliani si sono incontrati con i leader palestinesi.
  • Per la prima volta in 3,5 anni è stato adottato il bilancio statale. Il che fa sorridere Frey, alza le mani vittoriosamente.
Al-Issawi Freij ritiene che gli aspetti positivi superino gli aspetti negativi di far parte di un governo molto complesso.

Può anche aiutare l’umore del governo ad accettare di allontanarsi dalle questioni più difficili.

READ  Hanno chiesto la libertà: in primo luogo, Raymond (32) ha perso l'occhio

Per Meretz è importante che Israele sia d’accordo con i palestinesi sulla cosiddetta soluzione dei due Stati: una Palestina indipendente al fianco di Israele. Questo è qualcosa che il Primo Ministro Naftali Bennett non affronterà mai.

Per tenere unito il governo, devono concentrarsi su ciò su cui sono d’accordo. Ma Frej crede che dovrebbero essere in grado di bloccare le politiche che sono dannose per la soluzione dei due stati in futuro.

Se il governo continua per due anni, il ministro degli Esteri Yair Lapid assumerà la carica di primo ministro.

– Sarà più facile per noi quando Lapid diventerà primo ministro. Frej dice di credere anche in una soluzione a due stati.

Gli insediamenti dovrebbero essere più grandi?

E Meretz ha chiesto di congelare il numero di insediamenti in Cisgiordania. Ma il ministro dell’edilizia abitativa del governo ha presentato un piano per espandere gli insediamenti esistenti con tremila case. Il piano è stato pesantemente criticato dal governo norvegese.

Frigg dice all’Aftenposten che questo è contro il suo programma. Ma mostra anche che il suo partito può aprirsi a quella che chiamano “crescita naturale”.

Tutti i partiti al governo comprendono la loro responsabilità di tenere insieme questo governo. Tutti sanno dove va la linea rossa degli altri partiti. Dice che stiamo cercando di essere flessibili, ma non possiamo uccidere le nostre anime.

Gli insediamenti israeliani in Cisgiordania sono uno dei tanti problemi nel conflitto tra Israele ei palestinesi.

Ma se lui e il partito volessero lasciare il governo se ci fosse una delle 3.000 nuove case, non risponderebbe in modo specifico.

READ  Jason, 49 anni, è morto 14 mesi dopo aver contratto il virus Corona

Hilda Henriksen Wag crede che Meretz si scuserà perché non si tratta di nuovi insediamenti, ma di espandere quelli esistenti.

– Ma per i palestinesi che vivono in Cisgiordania, non importa molto se si tratta di nuovi insediamenti o se si tratta di espandere gli insediamenti esistenti delle dimensioni delle città norvegesi, ha detto.

Stanchezza del donatore

Il governo cercherà di raccogliere più fondi per l’Autorità Palestinese che governa la Cisgiordania.

– C’era stress da parte dei donatori. Nel 2011, il sostegno della comunità dei donatori è stato di 1,3 miliardi di dollari. L’anno scorso è stato di 400 milioni di dollari. Freij dice che l’Autorità Palestinese non può permetterselo.

Ritiene che sia nell’interesse di Israele che l’autorità autonoma abbia un’economia migliore. Ora spera che il “buon umore” durante l’incontro con il gruppo dei donatori a Oslo porterà a più soldi.

Issawi Frej ha incontrato la scorsa settimana a Oslo il ministro degli Esteri Anken Heitfeldt (Lavoro). La Norvegia ha ospitato l’incontro, che mira a raccogliere fondi per l’Autorità Palestinese.

Molti ostacoli devono essere superati. Il Congresso degli Stati Uniti ha approvato una legge che blocca i finanziamenti statunitensi all’Autorità palestinese. Criticano la fornitura di fondi dell’Autorità Palestinese alle famiglie palestinesi nelle carceri israeliane dopo aver attaccato i civili.

Spera di aumentare il sostegno finanziario dei paesi arabi per i palestinesi. E che più paesi arabi entreranno nei cosiddetti accordi di Abramo con Israele.

Gli stati arabi avevano precedentemente specificato come prerequisito per il contatto ufficiale con Israele che le difficoltà incontrate dai palestinesi dovevano essere risolte. Con gli Accordi di Abramo, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Marocco e Sudan hanno normalizzato le relazioni con Israele senza che Israele debba stipulare alcun accordo con i palestinesi.

– Spero che sempre più paesi arabi e islamici stipulino accordi con Israele, compresi i palestinesi.

Paragona quello che chiama il “nuovo Medio Oriente” a un mosaico.

– Dobbiamo riempire l’intero quadro. Ci vuole tempo, ma penso che saremo tutti d’accordo.

Stanno anche cercando di coinvolgere i palestinesi.

– Puoi ottenere giustizia in paradiso. Qui devi essere intelligente e cogliere le opportunità che si presentano, dice Frigg.