Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il sindaco ha perso sua madre nella grande alluvione

Dominik Gieler si trova dove un tempo si trovava la sua casa d’infanzia. Non resta che un mucchio di terra.

Può ancora immaginare com’era prima:

Le case qui erano vicine l’una all’altra. C’erano strade strette tra le case, e in cima c’era la piazza, dove si tenevano feste e incontri sociali.

Appena sotto, il fiume Ahr scorre pacificamente.

Ecco come appare a Feather due mesi dopo l’alluvione. Foto: Hilde Gran/TV 2

In una fatidica notte di luglio, il fiume si trasformò in un’onda di marea di otto metri che spazzò casa dopo casa.

Più di 180 persone sono morte nell’alluvione mortale. Uno di loro era la madre di Geller, Angie.

– Non può essere salvato

Poco prima della mezzanotte del 14 luglio, il 35enne ha ricevuto l’ultimo messaggio da sua madre. Poi le masse d’acqua hanno fatto a pezzi le case vicine. Lei era spaventata.

Il sindaco è nel mezzo del suo stesso dramma: – Non hai tempo per addolorarti

– Ha scritto che aveva una brutta sensazione, che le case vicine fossero scomparse. Geller dice che ha una brutta sensazione.

Che non potesse salvarla, anche se era a soli cinque minuti di distanza, gli faceva male pensare a lui.

– Sono rimasto intrappolato in casa mia. Avevo un metro d’acqua al piano terra e la strada davanti a casa mia si è trasformata in un fiume che scorre. I miei figli erano lì e io non potevo andare.

I blocchi d’acqua non solo presero la casa della madre, ma inghiottirono anche tutto il terreno su cui sorgeva la casa.

Il suo corpo è stato trovato a 15 chilometri di distanza diversi giorni dopo.

Ancora una zona disastrata

In precedenza, la bellissima Valle dell’Ahr era famosa come la regione vinicola più piccola e settentrionale d’Europa. Il vino rosso ottenuto da uve spätburgunder è la specialità della valle.

Fotografia: Soroush Sadat / TV 2

Ora la valle è associata al disastro.

A più di due mesi dal Diluvio Universale, i lavori di pulizia sono ancora in pieno svolgimento. Villaggio dopo villaggio giace in rovina.

Ecco come appariva a Urdalen nel corso di due mesi dopo il diluvio universale.

Ecco come appariva a Urdalen nel corso di due mesi dopo il diluvio universale. Fotografia: Soroush Sadat / TV 2

Il binario ferroviario nel villaggio di Denau nella valle dell'Ahar.

Il binario ferroviario nel villaggio di Denau nella valle dell’Ahar. Fotografia: Soroush Sadat / TV 2

I lavori di demolizione e ricostruzione sono ancora in pieno svolgimento.

I lavori di demolizione e ricostruzione sono ancora in pieno svolgimento. Fotografia: Soroush Sadat / TV 2

Un uomo lava le strade del villaggio di Dinau.

Un uomo lava le strade del villaggio di Dinau. Fotografia: Soroush Sadat / TV 2

Geller afferma che anche Ordalene è stata colpita da inondazioni in passato, ma non così spesso come quest’estate.

– Sì, siamo abituati alle inondazioni qui. Nel 2016 abbiamo avuto quella che allora consideravamo un’alluvione abbastanza grande. Poi il livello dell’acqua è salito di 3,6 metri. Ma quest’estate l’acqua è salita di 10,3 metri.

Ad agosto, il gruppo di ricerca internazionale World Weather Attribution (WWA) ha pubblicato un Rapporto Ciò indicava che il riscaldamento globale aveva esacerbato le piogge che hanno colpito Germania e Belgio a luglio.

Questa foto è stata scattata a luglio, subito dopo l'alluvione.

Questa foto è stata scattata a luglio, subito dopo l’alluvione. Foto: Bernd Lotter

“So che ci sono opinioni divise su questo, ma la mia opinione personale è che ciò che è successo qui fosse legato al cambiamento climatico”, afferma Geller.

– Quello che vediamo è che le inondazioni stanno peggiorando. Il 1910 era più grande del 1804. Il 2016 era peggio del 1910. È così che va.

Elezioni nella zona del disastro

Mentre i residenti di Ordalen stanno costruendo la loro vita dopo l’alluvione, voteranno anche alle elezioni federali del 26 settembre.

Il clima è un argomento che preoccupa la maggior parte dei tedeschi prima delle elezioni. Nel sondaggio nazionale 47 percento Il clima e l’ambiente sono i più importanti per loro in queste elezioni.

Molti di coloro che si sono incontrati a TV Two a Urdalen affermano che la grande alluvione di luglio è stata una prova tangibile dell’esistenza del cambiamento climatico, ma sono piuttosto preoccupati che i politici non se ne dimentichino quando la campagna elettorale sarà finita.

– Speriamo che non dimenticheremo e che i politici continueranno a sostenerci e ad aiutarci a ricostruire Ahrdalen, afferma Willi Josten.

La coppia Justin ha perso tutto ciò che possedeva nell'alluvione.  Ora sperano che i politici aiutino anche la gente di Ordelen dopo le elezioni del 26 settembre.

La coppia Justin ha perso tutto ciò che possedeva nell’alluvione. Ora sperano che i politici aiutino anche la gente di Ordelen dopo le elezioni del 26 settembre. Fotografia: Soroush Sadat / TV 2

Lui e sua moglie si siedono su una panchina e mangiano un pasto caldo che hanno ricevuto dai volontari quando li incontra TV 2. Hanno perso la casa nell’alluvione.

Sua moglie, Crystal, annuì mentre suo marito diceva:

– Vogliamo solo aiutare. La nostra casa è stata rasa al suolo e non avevamo più niente. Ma noi vogliamo restare qui. Vogliamo che i politici ci aiutino a ricostruire.

I volontari distribuiscono cibo alle vittime delle inondazioni e ai soccorritori a Rish.

I volontari distribuiscono cibo alle vittime delle inondazioni e ai soccorritori a Rish. Fotografia: Soroush Sadat / TV 2

Poiché molte scuole e comuni sono stati distrutti dalle inondazioni, le autorità hanno istituito un “autobus elettorale” separato che si è spostato nei vari villaggi e ha allestito seggi elettorali temporanei all’aperto o in tende.

Nel villaggio di Denau è stato istituito un seggio elettorale temporaneo.

Nel villaggio di Denau è stato istituito un seggio elettorale temporaneo. Foto: Hilde Gran/TV 2

Oggi l’autobus elettorale è arrivato nel villaggio di Denau, a cinque minuti da Riche.

Qui TV 2 incontra Hedwig Walbröl. Per lei questa scelta è pensare in modo nuovo e sostenibile.

– Certo. La cosa più importante che facciamo è pensare al futuro. Il futuro dei nostri figli e nipoti.

– È così che dovremmo pensare anche quando stiamo ricostruendo. Walbrol dice: dobbiamo ritrovare l’equilibrio tra l’uomo e la natura.

Fotografia: Soroush Sadat / TV 2

Il sindaco Geller è determinato che la morte di sua madre e tutta la distruzione porteranno a cambiamenti in futuro e che il villaggio sarà costruito in un modo più verde e sostenibile.

Non possiamo ricostruire come prima, dobbiamo pensare in un modo nuovo, dice Geller.

È più importante che mai e dobbiamo iniziare ora. Non tra un anno, o due, o tre, o cinque anni. Adesso bisogna gettare le basi.

READ  A Johnson verrà iniettato il virus in Live TV - VG