Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il tasso di povertà in Italia è raddoppiato in cinque anni

Il tasso di povertà in Italia è raddoppiato in cinque anni

L'altro lato di Roma: un emarginato vive sotto un ponte nel centro della capitale italiana

© marco/gnu/courier

Comunità | Economia – Italia

Il tasso di povertà in Italia è raddoppiato in cinque anni

L'economia si stabilizza, ma la povertà aumenta: il premier italiano Enrico Letta

© Enrico Letta/Il Corriere

La lettera, 7 gennaio 2014 Secondo un recente rapporto ufficiale, la povertà si è diffusa rapidamente in Italia durante la crisi economica. Negli ultimi cinque anni, il numero dei poveri è raddoppiato raggiungendo un totale di cinque milioni di persone in Italia, che è la terza economia più grande della zona euro.

Il rapporto, che si basa sui dati del Ministero del Lavoro italiano e dell'Istituto italiano di statistica (Istat), avverte che fino al 30% della popolazione del Paese è ora a rischio di povertà o emarginazione.

Cinque milioni di italiani vivono già in povertà. I numeri contenuti nel rapporto confermano la grave crisi sociale ed economica che attraversa l’Italia, la peggiore crisi alla quale il Paese è esposto dal secondo dopoguerra.

L’indagine mostra anche variazioni significative tra le regioni del paese. Quasi la metà (2,3 milioni) dei cinque milioni di poveri italiani vive nella parte meridionale meno popolata del Paese, e circa un milione di poveri sono bambini.

Ma la povertà è in aumento anche nel Nord industriale italiano. In alcune regioni settentrionali ricche e tradizionalmente industrializzate, la povertà è triplicata rispetto al 2005 e colpisce ora il 6,4% della popolazione.

Secondo il rapporto, più di 3,2 milioni di famiglie – ovvero il 12,7% – vivono nella cosiddetta “povertà relativa”. Ciò si riferisce alle famiglie il cui reddito mensile era inferiore a 990 euro (circa 8.300 NOK) pro capite nel 2012. La percentuale di famiglie con questa condizione nel 2013 è aumentata di 1,6 punti percentuali rispetto al 2012.

READ  Il Salone del Mobile si sposterà nella Depandance

“Si tratta del numero più alto dal 1997, quando è stato condotto il primo studio di questo tipo”, afferma il rapporto. Secondo lo studio, circa il 15,8% della popolazione totale in Italia vive oggi in povertà relativa.

“Negli ultimi anni le famiglie composte da più componenti, soprattutto quelle con figli minori e quelle residenti nel Sud Italia, sono diventate le più colpite dalla povertà”, si legge nel rapporto. I dati mostrano che una famiglia su tre vive in “povertà relativa”, mentre una su cinque vive in “povertà estrema”.

Lo studio conferma inoltre che il sistema di assistenza sociale italiano è meno efficace nell'affrontare il rischio povertà rispetto ad altri paesi europei. Ciò significa, tra l’altro, che la situazione per i pensionati più anziani e per i giovani è più difficile in Italia che altrove nell’Europa occidentale.

Cinque anni di crisi economica si sono aggiunti a uno stato sociale già debole, e ora la percentuale di poveri in Italia aumenta anno dopo anno. Con una popolazione di 60 milioni di abitanti, l’Italia è, dopo la Grecia, il paese dell’Unione Europea dove la sua popolazione ha oggi maggiori probabilità di finire in povertà.

Il fondo vede molte opportunità
Ma nonostante la situazione negativa, il Fondo monetario internazionale indica nella sua ultima analisi della situazione in Italia che il Paese ha ora prospettive future più luminose.

Il Fondo stima che l'economia italiana si sia contratta dell'1,8% nel 2013. Ma una nuova crescita dovrebbe iniziare già alla fine del 2013, come previsto dal Fondo monetario internazionale, che prevede una crescita modesta dello 0,7% nel 2014. Molte riforme avviate da parte del governo del Primo Ministro Enrico Letta, queste riforme dovrebbero essere realizzate all’inizio di quest’anno.

READ  I "disaster bond" del Credit Suisse potrebbero sopravvivere al crollo della banca e aggiungere altro sale alle ferite dei creditori sfortunati

Ma questi piccoli sviluppi influiscono ancora poco sulle statistiche sociali in Italia. Il tasso di disoccupazione è aumentato notevolmente nel corso del 2013 e, secondo Eurostat, alla fine dell’anno la disoccupazione ha raggiunto il 12,5%. Ma il segnale positivo è stato che la disoccupazione si è stabilizzata e ha smesso di crescere verso la fine dell’anno. D’altro canto, la portata della povertà sembra essere ancora in aumento.