Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il telescopio spaziale James Webb lanciato nello spazio poco prima di Natale, può vedere oltre 13 miliardi di anni – NRK Trøndelag

La vigilia di Natale sarà un giorno molto speciale per il capo del dipartimento del Centro spaziale norvegese. Poi c’è Pål Brekke alla base di lancio missilistico europea nella Guyana francese.

È stato invitato sulla costa orientale del Sud America per guardare il film “James Webb” mentre lasciava il mondo. Ha già i biglietti.

Questo è qualcosa che io e migliaia di altri ricercatori abbiamo atteso con impazienza per molti anni. Finalmente, il telescopio può essere lanciato, Pål Brekke dice a NRK.

Progettato all’età di un uomo: Pål Brekke ha aspettato molto tempo per ottenere il super telescopio.

Foto: romsenter.no

Tanta strada per lo scatto iniziale

Un enorme razzo Ariane 5 trasporterà il telescopio da 6,5 ​​tonnellate nello spazio. Il binocolo gigante prende il nome da James E. Webb, amministratore delegato della NASA negli anni ’60.

La tecnologia norvegese non può essere trovata nel telescopio stesso. Ma Pål Brekke afferma che Nammo e Kongsberg Gruppen hanno fornito componenti critici per il razzo che lancerà “James Webb” nello spazio.

missile Ariane 5.

Alto 50 metri: il missile Ariane 5 non è un bambino piccolo.

Foto: Stefan Korvaja / Agenzia spaziale europea

Ho iniziato a progettare e costruire James Webb 25 anni fa. Secondo i piani originali, il telescopio doveva essere lanciato già nel 2007.

Successivamente, il volo nello spazio è stato rinviato più volte. I lanci previsti nel 2011, 2013, 2015, 2018 e 2020 sono andati tutti in malora.

Ma ora sembra finalmente che un nuovo super telescopio potrebbe diventare una realtà. Il telescopio è completato e si trova presso il Centro Spaziale nella Guyana francese. Come previsto ora, “James Webb” inizia il suo viaggio nel cielo alle 13.20 ora norvegese, mercoledì 22 dicembre.

Ma tutti i ritardi hanno un prezzo.

Telescopio spaziale James Webb

18 esagoni d’oro: lo specchio principale pieghevole del telescopio ha un diametro di 6,5 metri.

Foto: Chris Gunn/NASA

Svuota il dollaro dalle dimensioni

Nel tempo, le spese sono letteralmente cresciute a proporzioni astronomiche. Nel 1997, il costo del telescopio, del valore di corone odierne, era stimato in 4,5 miliardi di corone norvegesi. Al momento in cui scriviamo, il costo totale per la NASA è salito a 86 miliardi di NOK.

Oltre ai costi sostenuti dai partner ESA, ESA e CSA Agenzia spaziale canadese.

Il lancio del telescopio e dei suoi strumenti costerà all’Agenzia spaziale europea circa 7 miliardi di NOK. I canadesi contribuiscono con strumenti e sensori per un valore di poco più di 1,4 miliardi di NOK.

illustrazione di

Una distanza enorme: quando “James Webb” è nello spazio, può guardare indietro di oltre 13 miliardi di anni.

Illustrazione: Adriana Manrique Gutierrez/NASA GSFC/CIL

Quindi iniziamo ad avvicinarci al prezzo totale di “James Webb” di 100 miliardi di corone. In confronto, l’intero budget della difesa norvegese per il prossimo anno è di circa 70 miliardi di NOK.

L’astrofisico Håkon Dahle dell’Università di Oslo è convinto che il telescopio valga il prezzo di un telescopio se funziona correttamente.

Dahlé dice a NRK che sarà in grado di fornirci la storia dell’evoluzione dell’universo, dalle stelle illuminate fino ad oggi.

Haakon Dahle nella sala di controllo dell'Osservatorio hawaiano

La storia dell’universo: Håkon Dahle ha grandi aspettative da James Webb.

Foto: H.DAHLE / UiO

Håkon Dahle afferma che il motivo di tutti i ritardi e gli slot di costo è che si trattava di un compito molto complicato ed è stato più difficile di quanto pensassero.

E hanno solo una possibilità di farlo sbattere una volta che il missile è in aria.

Congelamento a più di 200 gradi sotto zero

James Webb è il successore del telescopio Hubble, lanciato nel 1990. A differenza del suo predecessore, James Webb cercherà la luce nello spettro infrarosso. La luce infrarossa è anche chiamata radiazione termica.

Se James Webb fosse stato in grado di rilevare le radiazioni infrarosse dalla notte dei tempi, non avrebbe potuto emettere alcun calore da solo.

Per raggiungere una temperatura inferiore a meno 223 gradi, il telescopio deve essere schermato dal sole. Cinque strati di tettoie molto sottili riveleranno quando il telescopio è a posto nello spazio.

ombrello del telescopio spaziale

MANTIENE LA TEMPERATURA: Lo schermo che protegge il telescopio dal sole è costruito in California.

Foto: Chris Gunn/NASA

Anche se il lancio ha successo, c’è ancora molto che può andare storto.

non c’è spazio per errori

Questa volta si chiama i 14 giorni del terrore, il periodo in cui nulla dovrebbe andare storto, dice Pål Brekke.

Quindi verranno avviati circa 50 diversi sistemi. Verranno aperti pannelli solari, antenne, specchietti e alette parasole, alimentati gli impianti elettrici e avviati motori piccoli e grandi. La NASA ha calcolato circa 300 possibili fonti di errore, dove tutto dovrebbe funzionare perfettamente.

Se tutto va bene ci vorranno altri quattro mesi per la regolazione degli specchietti e due mesi per la taratura degli strumenti. Dopo sei mesi, il telescopio inizierà a funzionare.

Poi agli astronomi fu dato uno strumento che non avevano mai visto prima. James Webb diventa ipersensibile.

La NASA ne ha fornito una buona immagine. Se il telescopio fosse sulla Terra, sarebbe teoricamente in grado di rilevare la radiazione infrarossa da un salto sulla luna, afferma Pål Brekke.

Lancio del telescopio spaziale

Molte cose potrebbero andare storte: ci sono lavori più semplici dell’invio di un telescopio nello spazio.

Illustrazione: Dott. Ducros / Agenzia spaziale europea

Guardando indietro alla notte dei tempi

Il telescopio sarà in grado di vedere più di 13 miliardi di anni luce nel passato. I raggi di luce catturati dal telescopio sono stati emessi quando l’universo era giovane. Anche alla velocità della luce, ci sono voluti miliardi di anni prima che i raggi ci raggiungessero.

Da questo momento in poi, solo la luce infrarossa raggiunge la nostra parte dell’universo.

James Webb potrà vedere cosa accadde solo 200 milioni di anni dopo il Big Bang, quando ebbe inizio l’universo.

In questo modo, il telescopio può essere descritto come una sorta di macchina del tempo. Possiamo vedere lungo la strada quando si sono formate stelle e galassie.

Questa è l’ora esatta in cui Håkon Dahle condurrà la ricerca.

È tra i primi a cercare le immagini che il telescopio ha restituito alla Terra. Dahli e i suoi colleghi di diversi paesi cercheranno di scoprire cosa è successo quando le prime stelle sono apparse 10 miliardi di anni fa.

Gli esopianeti ruotano attorno alle stelle.

Pianeti in altri sistemi solari: le sfere che ruotano attorno alle stelle sono chiamate esopianeti.

Illustrazione: ESA

Confidiamo nelle grandi scoperte

Håkon Dahle spera che “James Webb” possa contribuire a una spiegazione esauriente di come le galassie si sono evolute finora. È anche un mistero il motivo per cui l’universo dell’altro miliardo si è espanso più velocemente di prima. Sembra che una forma sconosciuta di energia abbia accelerato.

Spero che James Webb possa far luce su questo mistero in futuro, afferma Hokun Dahley.

Pål Brekke ha grandi aspettative su ciò che il telescopio può scoprire sul potenziale della vita su altri pianeti.

È stimato che 300 milioni di pianeti Nella nostra galassia che ha la possibilità della vita. James Webb può scoprire molti di questi pianeti utilizzando uno degli strumenti a bordo.

Uno spettrofotometro esamina lo spettro della luce emessa dai pianeti. In questo modo è possibile scoprire quali sostanze si trovano in superficie e nell’atmosfera. Lo spettrometro può anche vedere la temperatura del pianeta.

Forse possiamo avvicinarci a rispondere alla vera grande domanda nella ricerca spaziale: “Siamo soli?”». Pål Brekke dice che sarebbe fantastico.

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha creato un’animazione di come hanno immaginato il lancio di James Webb.

READ  Il mare si sta alzando, ma il contributo dello scioglimento dei ghiacci potrebbe dimezzarsi entro il 2100