Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Imbarazzo religioso

La sinistra norvegese dovrebbe usare la fede, non rifiutarla.

La cattedrale di Oslo è visitata regolarmente da giovani socialmente impegnati che partecipano all’agenda dell’Accademia. Sono nell’accademia per conoscere la società norvegese e nella cattedrale perché la religione è una parte importante della società.

La sinistra politica ha sempre avuto un rapporto imbarazzante, contraddittorio o negativo con la religione e la chiesa

Partiamo dal balcone. Le “armi” dovrebbero essere lasciate lì – nella Chiesa non dobbiamo portare nulla che possa essere usato contro gli altri, non armi, non aule, non contro il prestigio. All’interno della porta si parla del motivo per utilizzare il fonte battesimale, pulpito e altare. Guardiamo l’arte: prima che emergessero le gallerie, questa era la galleria d’arte di Village and City. Da allora, la chiesa è diventata anche una sala da concerto. In una stanza adiacente, abbiamo conversazioni interessanti sul ruolo della chiesa e delle religioni nella società norvegese e su ciò che è accaduto dentro e intorno alla cattedrale il 22 luglio 2011.

La sinistra politica ha sempre avuto un rapporto imbarazzante, contraddittorio o negativo con la religione e la chiesa. C’era spesso tensione tra comandanti e pedoni: i leader erano ideologicamente e negativamente motivati, mentre i membri e gli elettori venivano battezzati, affermati, consacrati e sepolti dentro e fuori dalla chiesa.

Un recente sondaggio sul potere ha mostrato che l’élite ecclesiastica era l’élite più estrema del paese

La chiesa ha una lunga storia con vescovi e leader organizzativi che uniscono le forze con i partiti di destra, mentre le persone dei seggi spesso hanno votato per la sinistra politica. In una riunione della chiesa nazionale nel 1969, un sondaggio ha mostrato che il 97% degli intervistati ha votato un civile – il 57% ha votato per Kr.F. L’ultima percentuale è andata al vescovo di Hummer, che ha votato per il partito laburista. Ma oggi è diverso. Non c’è dubbio che i partecipanti alla riunione della chiesa odierna presenteranno un quadro più radicale. Un recente sondaggio delle autorità ha mostrato che l’élite della chiesa era l’élite più estrema del paese, in particolare sulle questioni relative alla distribuzione, alla giustizia internazionale, al clima e agli armamenti.

READ  Aurora Borealis Search - Space Hurricane Detection

Ha anche qualcosa a che fare con il punto di vista della sinistra e il rapporto con la Chiesa e la Norvegia cristiana.

L’atteggiamento ambivalente dei laburisti verso la Chiesa si è da tempo dimostrato valido sotto due aspetti. I leader hanno a lungo difeso un forte ateismo combinato con la critica della chiesa. Altri volevano preservare la chiesa di stato per controllarla. Sono sempre stati riluttanti a sviluppare la democrazia ecclesiastica. Entrambe le parti credono che la fede e la religione siano un affare privato.

Alcuni credono nella dignità umana, altri credono in Dio e nella dignità umana

Abbiamo tutti fede. Nessuno è neutrale. Associamo la fede solo a volumi diversi. Di fronte al fascismo, Nordal Gregg ha scritto: “Se costruiamo la dignità umana, costruiamo la pace”. Alcuni credono nella dignità umana, altri credono in Dio e nella dignità umana. Né Dio né la dignità umana possono essere scientificamente provati, ma tutto ciò per cui la sinistra si sforza si basa sulla fede nella dignità umana.

Per l’individuo, la fede può essere una questione privata, ma è meglio chiamarla una questione personale, perché in tutte le società la fede è anche una questione pubblica. A questo punto la politica francese è persa, quando afferma che l’idea di “secolarismo” – “mondanità” è la stessa idea di neutralità nella sfera pubblica. Si basa su una concezione ideologica della religione, che non è stata in grado di affrontare le vecchie o nuove sfide della società francese.

Religione e filosofia di vita sono edifici ecclesiastici e moschee, ma anche sussidi pubblici e quote associative

Edifici religiosi e filosofici, chiese e moschee. Ci sono cerimonie di denominazione, affermazioni, matrimoni e funerali. Alcuni sono registrati pubblicamente, altri sono aperti alla partecipazione pubblica e tutto significa che ci sono più partecipanti. Questi sono imam, rabbini e sacerdoti. Ci sono cimiteri e frutteti funerari. Ci sono tribunali della Sharia, tribunali rabbinici e tribunali cattolici. Ci sono sovvenzioni statali, quote associative e sovvenzioni per nobili cause. È un patrimonio culturale immateriale costituito da arte, musica, inni e letteratura – in cui si intrecciano patrimonio nazionale, mondiale e religioso. Ciò deve essere affrontato dai politici e dalle parti interessate politiche.

READ  Tricheco: - Tricheco, che ha dirottato una barca

Allo stesso tempo, la critica religiosa è sempre necessaria – per ogni religione e ogni visione della vita. Questo vale per i profeti e le persone sincere e per Dio o per l’ateismo. La critica alla religione è un’importante eredità umana e religiosa. La Bibbia e il Corano contengono molte critiche religiose. Mira a pratiche che consentono alla pietà religiosa o al fondamentalismo letterale di sostituire la giustizia. La critica alla religione non dovrebbe mai essere usata per reprimere.

Molti enti municipali esitano e ignorano la comunità religiosa e filosofica di Oslo

Il Rapporto sulla futura politica religiosa e filosofica a Oslo (“Che ci crediate o no”) è stato implementato in linea con la “Società filosofica” dell’Unità nazionale per l’ozono dal 2013. Il Consiglio comunale e il programma politico del Consiglio comunale hanno dichiarato che Oslo dovrebbe essere una città filosoficamente aperta. Il rapporto descrive il numero di enti municipali che sono titubanti e / o ignoranti nel loro rapporto con la comunità religiosa e filosofica della città:

Il servizio di assistenza all’infanzia è controverso perché non tiene conto dell’appartenenza religiosa dei bambini se vengono affidati a una famiglia affidataria. Le amministrazioni distrettuali rifiutano le richieste di sostegno al lavoro giovanile perché è religioso. Le scuole non consentono agli studenti di prendere in prestito una stanza durante la pausa per la preghiera o il raduno devozionale. I servizi di emergenza collaborano solo con la Chiesa di Norvegia. L’amministrazione del municipio non consente ai sikh di avere un “turban day” nella piazza del municipio, mentre l’Associazione di etica umana ha i nomi dei giorni o delle affermazioni in municipio.

Tuttavia, c’è anche molta cooperazione costruttiva tra il comune ei vari gruppi religiosi e filosofici. Oslo dovrebbe essere applaudita perché ha deciso che la città dovrebbe essere aperta alla filosofia, trattare tutte le religioni e le filosofie allo stesso modo e che queste potrebbero contribuire a rendere questa città buona per la crescita, la vita, il lavoro e l’invecchiamento. Il rapporto mostra che c’è anche spazio per miglioramenti e che la religione gioca un ruolo in molti settori della società.

È imperativo per la sinistra nella politica norvegese rafforzare la propria competenza nella fede e nella visione della vita

La religione e la visione della vita dovrebbero avere buone condizioni per la crescita e il sostegno pubblico quando contribuiscono a costruire buone società. Come quando le associazioni religiose e filosofiche riuniscono i giovani, stimolano la responsabilità sociale e li allontanano dalle strade di notte. Il comune e lo stato dovrebbero contribuire quando le conversazioni e la cooperazione tra comunità religiose e filosofiche contribuiscono a rafforzare l’integrazione e la cooperazione. Le riunioni di migranti che diventano il primo luogo di sbarco per gli immigrati dovrebbero ricevere l’incoraggiamento del comune e il sostegno pratico. In generale, i comuni e lo Stato dovrebbero avere un rapporto stabile e ordinato con le comunità religiose e filosofiche. La sinistra politica deve far sì che ciò accada.

READ  Ai giovani: abbandona il ruggito del clima! - Dagsavisen

In “La religione nella morsa dei media”, il ricercatore dei media Knut Lundby ha mostrato che i media presentano la religione come polarizzante e priva di significato. La società non è servita da nessuna delle parti. Siamo serviti al meglio da tutti coloro che hanno il proprio profilo chiaro, ma che si incontrano in collaborazione e conversazione critica. Il crescente gruppo di coloro che non appartengono a una comunità religiosa o filosofica organizzata non sono neutrali, ma sono impegnati nella stessa conversazione su come costruire una buona società. Per questi motivi, è anche imperativo che la sinistra nella politica norvegese rafforzi la sua competenza nella fede e nella filosofia. Contribuisce a politiche migliori – e forse a più elettori.