Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

In risposta alla campagna di Zalando contro il greenwashing – E24

Anja Bakken Rise from the Future in Our Hands crede che la catena di abbigliamento porti responsabilità verso i consumatori.

Anja Bakken Riise è una leader di Framtiden i våre hedel e ha scritto un libro su ciò che serve per poter vivere in modo più sostenibile.
Inserito:

Martedì scorso, la giornalista e influencer Gisele A. Aglidal ha pubblicato un annuncio per il gigante dell’abbigliamento Zalando intitolato “Come individuare il bucato verde”.

Nel post, Agledahl scrive che attraverso Zalando apprende come i consumatori possono aiutare a creare un’industria dell’abbigliamento sostenibile. Incoraggia le persone a cercare produttori di abbigliamento, cercare etichette ambientali e porre domande sulle catene di abbigliamento.

La campagna fa reagire Anja Bakken Rise dell’organizzazione ambientalista Framtiden.

– Zalando affida la responsabilità a noi consumatori con questa campagna. È molto difficile dire nella giungla di lavanderie verdi, elenchi di fornitori nascosti, cattive condizioni di lavoro e cosa le strategie di sostenibilità delle grandi aziende di abbigliamento già le obbligano a fare, dice a E24.

Nel 2020 Zalando viene catturato Marketing illegale sul clima di Forbrukertilsynet, che ritiene che la catena abbia indotto i consumatori a credere che i capi siano rispettosi del clima e dell’ambiente.

Inviti a campagne vincolanti

Zalando cresce vigorosamente. Nel 2021, il colosso online tedesco ha aumentato le sue entrate del 29,7%, da circa 80 miliardi di NOK nel 2020 a 103 miliardi di NOK nel 2021.

Ben 48 milioni di clienti attivi hanno fatto acquisti presso il gigante dell’abbigliamento nel 2021 e la catena prevede di espandere le vendite, anche negli Stati Uniti.

READ  Investe milioni in Kjos e vuole entrare in norvegese - E24

Zalando è stato una forza trainante per l’aumento delle vendite di abbigliamento per corrispondenza, afferma Bakken Riise, che reagisce anche al fatto che metà dei vestiti venduti da Zalando viene inviata in cambio.

Nel febbraio di quest’anno ha rivelato TV2 Come vengono spediti gli abiti dell’azienda in tutta Europa. Questo non è privo di emissioni di gas serra.

Bakken Riise ritiene che l’industria dell’abbigliamento non possa diventare sostenibile finché non affronta il problema fondamentale: la sovrapproduzione di abbigliamento e la gestione dei rifiuti tessili.

Incoraggio Zalando a lanciare una campagna in cui si impegnano a ridurre il numero di vestiti che vendono e si concentrano invece sul modello “prendersi cura”. Allo stesso tempo, stiamo sfidando Zalando a essere completamente trasparente sulla provenienza di tutti i vestiti che vendono e in quali condizioni commerciali vengono prodotti, in linea con la nuova legge sulla trasparenza, afferma.

E24 ha fornito critiche da Bakken Riise a Zalando e ha inviato una serie di domande, ma la catena non ha risposto all’inchiesta.

Richiede trasparenza al settore

L’industria dell’abbigliamento rappresenta dall’8 al 10 percento delle emissioni totali di gas serra del mondo.

Secondo uno esaminare Da Framtiden nelle nostre mani i norvegesi acquistano più del doppio dei vestiti rispetto a 15 anni fa. Allo stesso tempo, i prezzi dell’abbigliamento si sono quasi dimezzati dal 1995.

Ad aprile, l’organizzazione ha ottenuto l’approvazione affinché la Norvegia consideri uno schema di responsabilità del produttore per i tessili, in cui le catene di abbigliamento devono assumersi maggiori responsabilità per ciò che accade ai loro vestiti, dalla produzione all’eventuale smaltimento.

Stiamo lavorando per un accordo del genere per richiedere all’industria dell’abbigliamento di essere aperta su quanti vestiti vengono restituiti o non vendere e di lavorare sistematicamente per ridurre il volume in eccesso ogni anno, afferma Bakken Riise.

READ  Apple ha raggiunto 1111 miliardi di NOK di vendite nel trimestre precedente - E24

Inoltre, ritiene che dovrebbero esserci requisiti per le catene di abbigliamento per quanto riguarda la riparazione, il noleggio e il riutilizzo.

Leggi anche

Da venerdì entrerà in vigore la nuova legge. Da domani hai il diritto di sapere come vengono prodotti i tuoi capi.

Sperando di avere un effetto a catena nel settore

Gisle A. Agledahl, spinta da Zalando a condividere la campagna, concorda con Anja Bakken Riise sul fatto che è difficile navigare nella giungla delle informazioni sulla sostenibilità.

– So che tutte le frecce puntano nella direzione sbagliata nell’industria dell’abbigliamento e allo stesso tempo continuiamo a comprare vestiti. Cosa si può fare e che aspetto ha un’industria più sostenibile? Penso che dipendiamo totalmente dai ragazzi più grandi per rimboccarsi le maniche e aprire la strada, che è quello che mi è stato detto che fa Zalando. Spero che questo sia vero, perché avrà effetti a catena significativi, afferma Agledahl per E24.

Geisel A. Aglidal è noto, tra l’altro, dalla serie NRK “Jævla Homo”, di cui è stato presentatore.

Dice di essere stato a lungo interessato alla sostenibilità nel settore dell’abbigliamento e che all’inizio non era sicuro se fosse appropriato collaborare con il gigante dell’abbigliamento.

– Ho letto la Strategia di sostenibilità di Zalando e ho avuto incontri con il loro team, dove ho anche affrontato un dilemma che avevo. Ho l’impressione che stiano cambiando il corso dell’azienda verso un modello più sostenibile, afferma Aglidal, mentre allo stesso tempo fanno richieste elevate ai subappaltatori e al resto della catena del valore.

Capisci che alcune persone reagiscono

Alla domanda sull’opinione di Aglidal sulla campagna, ha risposto che mostra come i consumatori possono fare scelte a beneficio del pianeta in primo luogo, in un modo facile da capire.

READ  Ho una bolletta Tesla molto alta: - Non pagherai

– Io stesso imparo molto dalla cooperazione e divento un consumatore più consapevole. Spero che si diffonda a più persone, dice.

– Ho pensato che fosse positivo contribuire a questo tipo di contenuti. Allo stesso tempo, capisco le reazioni in quanto questa non è stata nemmeno una collaborazione ovvia per me. Restituirò le domande di Bakken Riise al team di sostenibilità, afferma Agledahl.

Leggi anche

Noleggio abbigliamento green per l’industria dell’abbigliamento: imporrà requisiti più severi

Leggi anche

Prima, Malene comprava vestiti nuovi invece di stirare quelli vecchi