Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

In una società aperta alla filosofia, deve esserci spazio sia per i credenti che per i non credenti | Ingrid Rosendorf Guise

Il compito del settore pubblico è rendere più facile per i cittadini di un paese esprimere le proprie opinioni sulla vita, scrive Ingrid Rosendorf Joyce. La foto mostra il sergente Cecilia Valdovinus nell’esercito degli Stati Uniti. Ha presentato una denuncia quando il manager le ha chiesto di rimuovere il suo hijab.
Foto: Fondazione militare per la libertà religiosa

Le forze armate devono tenere a mente che la religione e la visione della vita sono importanti per molti, ha scritto Ingrid Rosendorf Joyce in questo commento al tenente Stian Hosby.




348Coinvolto

Ultimi messaggi di Ingrid Rosendorf Joyce (mostra tutto)

“La religione è un affare personale, ed è tempo che sia anche nelle forze armate”. Il tenente Stian Hosby scrive tutto d’un fiato Cronaca In NRK Ytring. Questo può servire come una dichiarazione normativa. Hosby è ovviamente libero di credere che la religione dovrebbe essere relegata alla sfera privata. Tuttavia, non regge come affermazione descrittiva.

società aperta

Hosby si sbaglia se pensa di avere sostegno nella legislazione norvegese per la sua opinione che le istituzioni pubbliche dovrebbero essere aree libere da religione e filosofia. Se legge i resoconti pubblici che costituiscono la base della legislazione nel campo della fede e della filosofia, scoprirà presto che l’oggetto non è affatto un campo neutrale o filosofico, ma una società aperta alla filosofia.

Quindi qual è la differenza tra una comunità filosofica neutrale e una comunità filosofica aperta? Hasbi sembrerebbe volere una società neutrale alla filosofia, dove religione e filosofia non compaiono nella sfera pubblica, dove le istituzioni pubbliche non sono legate alla religione e alla filosofia nella progettazione delle loro offerte, e dove si preferirebbe non mettere in imbarazzo i concittadini esprimendo esplicitamente la loro appartenenza religiosa o filosofica.

Una società aperta è qualcosa di completamente diverso. Qui, l’obiettivo è che i cittadini del paese vivano le loro opinioni sulla vita, dalla culla alla tomba. Il compito del settore pubblico è renderlo possibile.

Cito dall’elenco dei principi nei Public Reports norvegesi, NOU 2013: 1.

“Tutte le pratiche religiose e filosofiche dei cittadini sono attivamente agevolate”.

Dichiara inoltre: “Tutti devono acconsentire all’esposizione alle pratiche religiose e filosofiche degli altri nella sfera pubblica”.

Anche la parità di trattamento delle religioni e delle opinioni sulla vita è un principio importante in una società aperta:

«Lo Stato non sottoporrà una persona a discriminazioni irragionevoli o sproporzionate a causa delle sue pratiche religiose o filosofiche”.

Le istituzioni pubbliche dovrebbero tener conto

Confrontare i soldati norvegesi con la scelta tra tirare lo sciacquone o andare in chiesa non sembra essere un buon esempio di parità di trattamento e non discriminazione, a dir poco. Non è così che dovrebbe essere in una società di mentalità aperta.

In una società aperta alla filosofia, le forze armate, come altre istituzioni pubbliche, devono tenere conto che la religione e la filosofia sono una parte importante della vita di molti norvegesi.

Tuttavia, non dovrebbe essere il caso che le persone religiose che prestano servizio nell’esercito debbano nascondere la loro fede e rinunciare alla loro pratica, purché siano in uniforme. In una società aperta alla filosofia, le forze armate, come altre istituzioni pubbliche, devono tenere conto che la religione e la filosofia sono una parte importante della vita di molti norvegesi.

Non fare pressioni per rinunciare alla religione

Il fatto che i Field Priests abbiano unito le forze con Field Priests e Field Humanitarians è un buon esempio di come la difesa stia facendo questo, considerando questo. È vero che la Norvegia non ha più una chiesa di stato. Ciò non significa che non abbiamo più cristiani, sikh, ebrei, buddisti, indù, bahai, musulmani, ecc.

È importante che i soldati che condividono la percezione di Hosby della religione come qualcosa di completamente privato non siano spinti a partecipare ai servizi di culto. Allo stesso modo, speriamo che tratti i suoi compagni di fede in modo che non siano spinti a rinunciare alla loro identità religiosa mentre indossano le vesti di un re.

Le pubblicazioni dei nostri lettori sono espressioni di opinione che esprimono la posizione di chi scrive. vedo lei ha Per ulteriori informazioni su come pubblicare sulle nostre pagine di discussione.

READ  Trova persone che vogliono rimanere su "Marte"