sabato, Giugno 22, 2024

Incendi dopo la rivelazione di steroidi segreti

Must read

Graziella Allesi
Graziella Allesi
"Pioniere della cultura pop impenitente. Piantagrane freelance. Guru del cibo. Fanatico dell'alcol. Giocatore. Esploratore. Pensatore."

Anche il mondo dello sport non era a conoscenza del caso scottante.

È arrivato al pubblico solo ieri:

Successivamente il canale televisivo tedesco ARD, in collaborazione con il New York Times, ha trasmesso un documentario sui risultati positivi del test antidoping della gara di nuoto in Cina nel gennaio 2021.

Ha provocato una reazione negativa a soli tre mesi dalle Olimpiadi di Parigi: per l'Agenzia mondiale antidoping (WADA) – in cui il CIO gioca un ruolo molto centrale – Poesia Era a conoscenza dei campioni positivi.

Tuttavia, 13 dei 23 nuotatori cinesi si qualificarono per i Giochi Olimpici di Tokyo pochi mesi dopo. Tre di loro hanno meno di 18 anni.

La Cina ha vinto sei medaglie nel nuoto alle Olimpiadi di tre anni fa, comprese tre medaglie d'oro.

In base alla tua affermazione: secondo me, queste sono scoperte scioccanti. Se fosse vero, si tratterebbe di un insabbiamento ai massimi livelli da parte dell'Agenzia mondiale antidoping, afferma nel documentario il cacciatore di doping americano Travis Tygart.

READ  Hevder Solbakken è d'accordo con il big italiano

Dirige l'Agenzia antidoping degli Stati Uniti (USADA), l'equivalente norvegese dell'antidoping, ed è conosciuto come l'uomo che uccise Lance Armstrong più di dieci anni fa.

Tutti i 23 atleti cinesi sono risultati positivi alla sostanza vietata trimetazidina nel 2021.

Oro olimpico: Zhang Yufei è uno dei tre vincitori di medaglie d'oro alle Olimpiadi di Tokyo risultati positivi anche nel gennaio 2021. Fotografia: MANAN VATSYAYANA / AFP / NTB

La questione è stata opportunamente segnalata all'Agenzia mondiale antidoping due mesi dopo. Ma secondo l'ARD, un'indagine interna condotta da un ente governativo cinese ha concluso che gli atleti devono aver ingerito la sostanza attraverso la contaminazione nell'hotel dove alloggiavano.

Secondo il rapporto cinese, tracce di trimetazidina sono state trovate nella cucina di un hotel nella città da un milione di dollari di Shijiazhuang.

La trimetazidina è la stessa sostanza a cui è risultata positiva la pattinatrice russa Kamila Valigeva, 15 anni, durante le Olimpiadi di Pechino del 2022. È stata condannata a quattro anni di squalifica da tutti gli sport.

Ma i 23 atleti cinesi sono stati rilasciati.

Il mondo non ha ancora sentito parlare del caso.

Questo perché, secondo la WADA, l’agenzia non ha motivo di dubitare della spiegazione fornita dalla Cina. L’organizzazione stessa non ha avuto l’opportunità di condurre un’indagine in Cina nel 2021, a causa delle rigide regole di ingresso durante la pandemia di Corona.

– Ero sorpreso. Non ne ero affatto consapevole. Non attraverso i media, la WADA o chiunque altro faccia parte del movimento antidoping. La mia prima reazione è stata di sorpresa. La cosa successiva è stata l’ansia, dice David Homan all’ARD.

È l'ex direttore generale dell'Agenzia mondiale antidoping, ma oggi guida la campagna antidoping nell'atletica internazionale.

La WADA ha reagito violentemente alle rivelazioni delle ultime 24 ore: l'organizzazione ritiene che siano state avanzate affermazioni potenzialmente diffamatorie e minaccia “azioni legali”.

READ  Halland rivela un metodo sconosciuto - decidere il futuro su un sistema a punti - NRK Sport - notizie sportive, risultati e programma di trasmissione

Capo dell'USADA: Travis Tegart è stato duro nelle sue critiche e sta ricevendo una risposta dall'Agenzia mondiale antidoping. Fotografia: Jose Luis Magaña/AP/NTB

L'organizzazione ha anche rilasciato un comunicato stampa separato contro Travis Tygart domenica pomeriggio. L'americano ha avuto la meglio sulla squadra:

L'Agenzia mondiale antidoping (WADA) è scioccata dai commenti scandalosi, falsi e diffamatori fatti dal direttore dell'USADA Travis Tygart. Nel comunicato stampa si legge che egli ha mosso accuse molto gravi contro l'Agenzia mondiale antidoping in relazione al caso dei 23 nuotatori cinesi, riportato oggi dai media.

E il:

– Le accuse di Tygart sono politicamente motivate e mirano a minare il lavoro della WADA per lo sport pulito in tutto il mondo.

Successivamente, la WADA ha emesso uno o due ulteriori comunicati stampa su questa questione scottante.

L'organizzazione afferma di essere stata informata che il generale antidoping della città cinese ha accettato la spiegazione secondo cui i test antidoping positivi erano dovuti a contaminazione alimentare nel giugno 2021.

Questo accadeva appena un mese prima delle Olimpiadi di Tokyo.

Secondo l'Agenzia mondiale antidoping, la decisione è stata esaminata e tutto il materiale di supporto è stato richiesto.

– La WADA ha anche ottenuto informazioni di ricerca non pubblicate sulla trimetazidina e ha consultato ricercatori indipendenti per testare la teoria della contaminazione e se dosi più basse di trimetazidina potrebbero essere un vantaggio per gli atleti nelle gare di nuoto, ha scritto la WADA.

Hanno confermato che l'indagine è continuata per diverse settimane.

– L'Agenzia mondiale antidoping ha infine concluso che non era possibile confutare la possibilità che la contaminazione fosse la causa.

CRITICA DI FAIRSPORT: L'organizzazione inizialmente aiutata da Johann Olaf Kos solleva una serie di domande importanti su quanto accaduto. Foto: Liz Aserud/NTB

Non tutti sono contenti della spiegazione:

In una dichiarazione congiunta, le organizzazioni Global Athlete e Fairsports hanno posto otto domande cruciali alla WADA. Due di loro leggono:

  • Perché i 23 atleti non hanno ricevuto sospensioni temporanee nel corso delle indagini?
  • L'Agenzia mondiale antidoping afferma di accettare che gli atleti non abbiano alcuna colpa in questi casi. Perché questa decisione non è nota pubblicamente?

L’“Atleta Mondiale” è guidato dall’ex presidente della WADA Rob Kohler, mentre il norvegese Johan Olav Kos svolge un ruolo centrale nello Sport Fiera.

READ  L'agente crede nel trasferimento del Manchester United

Successivamente anche il ministro degli Interni tedesco Nancy Weiser annunciò la sua resa. Richiede un’indagine approfondita su quanto accaduto:

– A pochi mesi dai Giochi Olimpici, il sospetto che la questione sia stata ignorata o insabbiata dovrebbe essere indagato al più presto possibile. Secondo lei, se ai nuotatori cinesi fosse confermato il permesso di partecipare alle Olimpiadi di Tokyo nonostante le prove di doping, sarebbe un disastro per lo sport in tutto il mondo.

L'Agenzia mondiale antidoping ha annunciato che lunedì si terrà una conferenza stampa internazionale sull'argomento.

More articles

Latest article