venerdì, Luglio 19, 2024

Indy (8 mesi) è morta.

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Nel fine settimana, il trattamento di allungamento della vita per Indie Gregory, di otto mesi, è stato interrotto. Ora è morta.

Lo ha confermato lunedì l’avvocato della famiglia, secondo quanto da lei riferito Notizie dal cielo.

Domenica la bambina è stata trasferita dal Queen’s Medical Center di Nottingham in una casa di cura, dove le cure sono state completate.

La vita di Indy è finita all’01:45. Claire e io siamo arrabbiati e assolutamente devastati. Non solo il servizio sanitario nazionale e i tribunali le hanno negato la possibilità di vivere una vita più lunga, ma le hanno anche negato l’opportunità di lasciare la Terra con la sua famiglia nella nostra casa. Sono riusciti a prendere il corpo e la dignità di Indy, ma non riusciranno mai a prendere la sua anima», si legge in un comunicato dei genitori.

Allo stesso tempo hanno riferito che Indi è morta tra le braccia di sua madre.

Era gravemente malato

Indi Gregory ha avuto un inizio di vita insolitamente difficile. Dalla sua nascita, avvenuta il 24 febbraio di quest’anno, è stata gravemente malata ed è stata ricoverata in ospedale.

Inizialmente la bambina aveva ricevuto cure che le prolungavano la vita, ma a metà ottobre un giudice dell’Alta Corte britannica ha deciso che l’ospedale in cui era ricoverata Indy aveva il diritto di ridurre le cure della bambina.

– Si è rotto


Il 3 novembre è stato inoltre deciso che ai genitori, Dean Gregory e Claire Staniforths di Ilkeston in Inghilterra, non sarebbe stato permesso di continuare il trattamento di prolungamento della vita della figlia al di fuori del Regno Unito.

READ  Stati Uniti, Donald Trump | Donald Trump è una pessima notizia per la corona

Indy soffriva di una forma di malattia mitocondriale, una malattia metabolica ereditaria che colpisce la produzione di energia nelle cellule. Di conseguenza Servizio sanitario britannico (NHS).) Non esiste alcun trattamento.

È stato fornito aiuto

Nel settembre di quest’anno si sono stabiliti i genitori Campagna di raccolta fondi GoFundMeQuando si è saputo che l’ospedale dove era ricoverata sua figlia, il Queen’s Medical Center di Nottingham, avrebbe interrotto le cure.

Tra le braccia di mio padre: il generale di brigata Gregory e sua figlia in ospedale.  Foto: GoFundMe

Tra le braccia di mio padre: il generale di brigata Gregory e sua figlia in ospedale. Foto: GoFundMe
Mostra di più

I genitori hanno poi ricevuto un’offerta dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma che Indi poteva essere trasferita lì, così da poter ricevere ulteriori cure di prolungamento della vita, secondo il Centro Legale Cristiano, che rappresenta la famiglia nel caso.

In una decisione scritta su richiesta dei genitori, il giudice della Corte Superiore Robert Bell ha concluso che non sarebbe stato nel migliore interesse di Indy.

Nazionalità italiana

Le autorità italiane hanno quindi deciso di concedere la cittadinanza italiana alla bambina.

Il mio cuore è pieno di gioia perché gli italiani hanno restituito a Claire e a me la speranza e la fiducia nell’umanità. “Gli italiani ci hanno mostrato attenzione e sostegno e spero che le autorità britanniche facciano lo stesso”. Notizie dal cielo.

- Paura che tutti i bambini muoiano

– Paura che tutti i bambini muoiano


Ma la concessione della cittadinanza complicò le cose, poiché la famiglia ottenne nuovi diritti in Italia. Allo stesso tempo, sono state sollevate domande sugli impegni diplomatici e internazionali della Gran Bretagna.

Combatti fino alla fine

Secondo la BBC, i medici hanno deciso che Indy stava morendo e che il trattamento aggiuntivo era troppo doloroso per lei e non avrebbe funzionato.

Nonostante la richiesta dei medici, i genitori hanno lottato per la vita della figlia e avevano quindi bisogno di aiuto finanziario per pagare la degenza ospedaliera e le spese processuali.

I genitori hanno anche cercato di convincere la Corte europea dei diritti dell’uomo a ribaltare la decisione della Corte suprema del 13 ottobre, ma il ricorso è stato respinto.

More articles

Latest article