Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Infortunato al raduno della nazionale: mandato a casa – VG

Coronavirus infetto: Martin Løwstrøm Nyenget è isolato da lunedì in una stanza d’albergo in Italia. Qui in una piscina a Lillehammer a giugno.

Martin Lustrom-Ningett, 29 anni, potrebbe aver “salvato” i suoi compagni di squadra dal contrarre il coronavirus.

Inserito:

Lunedì l’incoronazione positiva di Ab Ninjit.

– Sono un po’ annoiato. È seduto nella stanza, dice Espen Biervig, direttore di corsa.

Leggi anche

Klæbo mette in guardia contro gli scherni olimpici: – Non sto cogliendo opportunità inutili

Bjervig crede che uno dei motivi per cui il team non ha diffuso il coronavirus è che Nyenget ha smesso immediatamente quando ha notato il minimo accenno di sintomi del coronavirus.

– Abbiamo imparato che questo può succedere a chiunque, perché Martin è molto felice. È molto onesto e attento. Se hai un accenno di sintomi, dovresti segnalarlo. Martino era simpatico. Quindi, l’abbiamo preso in fretta. Non possiamo abbassare la guardia ora. Bjervig dice che ci saranno anti-allergia e distanza.

È importante divertirsi e divertirsi durante il raduno. Helen Marie Vossholm è brava:

Leggi anche

La paura manca alla Norvegia prima delle Olimpiadi: solo Johaug ha iniziato la ricerca per risollevarsi

Le squadre nazionali si riuniscono in tutto il paese in Italia. Domenica si trasferiscono a Lavazé. Nyenget non può partecipare, anche se deve essere licenziato.

Ha sintomi lievi ma non ha intenzione di continuare. Ora si riprenderà e non si allenerà a quota 1800 metri. Ha bisogno di cure. È un requisito per me, il medico della squadra e gli allenatori, afferma Bierwig.

Un test corona positivo ha portato all’isolamento di molti dei suoi compagni di squadra. Ma si stanno allenando, altrimenti sono nella stanza.

READ  Gary Martin: - Espulso dopo la nudità

– Il test positivo ha portato all’incertezza e i concorrenti sono stati stressati. Ci siamo chiesti se ci fossero più test positivi, dice Bjervig.

Leggi anche

Klæbo proverà qualcosa di nuovo alle Olimpiadi: fai come Bjørgen e Northug

Ecco come ha reagito Thérèse Juhaug quando ha chiesto a Ida Vladen chi amava più dei suoi compagni di squadra:

Ma finora nessun altro è stato contagiato. Bjervig non vuole dire quali corridori sono in quarantena, ma ci sono atleti di entrambe le squadre nazionali e di gara che sono stati in stretto contatto dopo il drive-thru e il giro in macchina.

Tutti i fondisti sono stati nuovamente incoronati giovedì durante il rally.

– A partire da mercoledì di questa settimana, non ci sono nuovi casi. Siamo in contatto con le autorità sanitarie italiane e seguiamo un regime di test completo con test rapidi e test PCR, dice Ove Feragen a NTB.

I corridori della squadra nazionale tornano a casa dall’Highland Rally il 13 settembre.