Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Israele, Palestina |  La Norvegia è tra i 120 paesi alle Nazioni Unite che chiedono un cessate il fuoco a Gaza

Israele, Palestina | La Norvegia è tra i 120 paesi alle Nazioni Unite che chiedono un cessate il fuoco a Gaza

Il testo chiede “un cessate il fuoco immediato, permanente e sostenibile per motivi umanitari che porti alla fine delle ostilità”. 14 paesi hanno votato contro la risoluzione e 45 paesi si sono astenuti dal voto.

La Giordania ha redatto la risoluzione, che ha dovuto essere sostenuta da due terzi dei membri delle Nazioni Unite presenti in sala.

La Norvegia è tra i 120 paesi che hanno votato a favore della decisione giordana.

Siamo lieti di aver votato a favore di questa risoluzione insieme alla maggior parte degli Stati membri delle Nazioni Unite e a molti paesi a noi vicini. La comunità internazionale è d’accordo su diverse questioni centrali, tra cui l’importanza di proteggere i civili e affrontare la crisi umanitaria a Gaza, ha detto a NTB il ministro degli Esteri Espen Barth Eide (AFP).

Prima della votazione è stato discusso un progetto di emendamento al testo della risoluzione presentato dal Canada. Questo progetto non ha ricevuto voti sufficienti per l’adozione. 88 paesi hanno votato a favore della risoluzione, inclusa la Norvegia. 55 paesi hanno votato contro la risoluzione e 23 paesi si sono astenuti dal voto.

Non menzionava Hamas

Il Canada ha presentato una proposta di modifica del testo perché la bozza giordana non menzionava il nome di Hamas. La formula giordana così adottata non menziona Hamas.

Israele ha respinto il testo della risoluzione perché non menzionava Hamas. L’ambasciatore di Israele presso le Nazioni Unite, Gilad Erdan, ha affermato giovedì che “l’unico posto in cui appartiene questa risoluzione è nella pattumiera della storia”.

Nella mozione complementare alla risoluzione del Canada si afferma che il Canada “respinge e condanna unilateralmente l’attacco terroristico lanciato da Hamas” e la presa di ostaggi del 7 ottobre da parte del gruppo islamico. La proposta del Canada prevede anche il rilascio immediato e incondizionato dei prigionieri.

READ  La modalità è relativamente ripida - E24

Ampio supporto

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite si è riunita in una sessione di emergenza iniziata giovedì. Da allora, un gran numero di paesi hanno presentato domande. C’è ancora un gran numero di paesi nell’elenco dei relatori, inclusa la Norvegia.

I post sono stati interrotti a causa della votazione di venerdì sera, ora norvegese. Ciò è accaduto dopo che Jordan ha affermato che si trattava di una questione urgente.

La risoluzione chiede la cessazione immediata delle ostilità. Ciò è importante, tra le altre cose, per garantire che gli aiuti umanitari possano entrare a Gaza. I negoziati sul testo della risoluzione sono stati caratterizzati da opinioni divergenti tra gli Stati membri delle Nazioni Unite. Ciò non sorprende in un conflitto così polarizzante. Il ministro degli Esteri afferma che la Norvegia ha partecipato a questi lavori per giungere ad una decisione che goda di un ampio sostegno nella comunità internazionale.

Intensi attacchi aerei

Mentre l’Assemblea generale delle Nazioni Unite discuteva della situazione, venerdì sera i servizi Internet e le linee telefoniche sono stati interrotti in gran parte della Striscia di Gaza. Le riprese in diretta trasmesse dall’agenzia di stampa francese hanno mostrato venerdì sera intensi attacchi aerei israeliani sul nord della Striscia di Gaza. Secondo Al Jazeera, gli attacchi aerei in corso non hanno precedenti.

Israele ha schierato centinaia di migliaia di soldati lungo il confine con la Striscia di Gaza in previsione di un’operazione di terra annunciata da tempo volta a sconfiggere Hamas dopo l’attacco a Israele del 7 ottobre.

Hamas ha riferito in serata di aver lanciato diversi razzi contro Israele.

READ  Condivide dettagli poco conosciuti sulla morte della regina Elisabetta