Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Jacob Ingbrigtsen pensava che suo fratello Philip avesse finito il ruolo di corridore

La presenza di Philip Ingebrigtsen a Tokyo non è normale. La stagione di quest’anno è stata un incubo senza speranza per molto tempo.

– Ho provato di tutto senza risposta o miglioramento.

Il punto più basso ha raggiunto il suo picco in primavera nella Sierra Nevada. Dopo una sessione, era semplicemente sdraiato a letto. Il corpo non si riprenderà. Poi ha avuto una conversazione seria con il suo fratellino.

Jacob potrebbe aver detto direttamente che la mia carriera è finita, dice Philip.

Giacobbe afferma di aver giudicato suo fratello senza pietà.

Sì, non volevo che tu fossi contro di lui. Ma nella nostra famiglia chiami le cose col loro pane, e se le cose vanno, beh, in un certo posto, devi solo essere onesto e dire che non sta andando come dovrebbe, dice Jacob.

Star Brothers: Jacob e Philip Ingebrigitsen durante una conferenza stampa a Tokyo. Foto: Stian Lisberg Solom

Tuttavia, Philip Ingbrigtsen si rifiutò di arrendersi. Tornato a casa dalla Spagna, ha cercato lentamente ma inesorabilmente di puntare ai 3.000 e 5.000 metri. senza dare risposte adeguate.

Capovolto durante la notte

Ma come per miracolo, tutto si è rivelato durante la notte. Padre Geert parla del momento speciale.

– Di solito tutti i nostri giorni sono uguali. Che sia sabato o domenica, facciamo praticamente la stessa cosa. Ma questo è un giorno e un momento da ricordare.

Durante un allenamento in un rally in quota in Svizzera, quattro giorni prima dei Bislet Games, è stato come se una spina si fosse staccata in un corpo dove nulla aveva funzionato.

Improvvisamente il corpo inizia a funzionare. Lì hanno sbattuto la testa contro il muro per molto, molto tempo. Poi improvvisamente vedi quel momento, dice Gert.

Dice che è stata una giornata emozionante.

È stato un “batti cinque”, che significa molto per Philip, per me e per tutti quelli che erano lì, dice Gert.

Diventa emozionante, perché vuoi davvero che funzioni. Come corridore, cerchi i giorni in cui le cose scorrono e ti senti come se il corpo giocasse in una squadra. Quando ciò accade, crea una sorta di dipendenza, afferma Philip Ingbrigtsen.

Lacrime per Bislet

Quando Filip Ingebrigtsen ha fatto il suo debutto stagionale al Bislet appena quattro giorni dopo l’inizio della speciale, ha stabilito il suo record personale di 7,34.

Allora era quasi troppo per Gjert. Doveva prendersi un po’ di tempo per se stesso sugli spalti. Lacrime premute. Nell’intervista con TV 2, era vuoto nei suoi occhi.

– Significa molto. È stato un grande momento.

Ha dimostrato che c’è ancora un contendente per l’uomo che ha vinto il bronzo ai Mondiali 2017.

– Non ho fatto nulla in allenamento che suggerisca di correre 7.34 quel giorno a Bislet. Quindi forse corro più veloce in gara di quanto imponga l’allenamento, afferma Philip Ingbrigtsen.

The Miracle: Improvvisamente le cose andarono in pezzi per Philip Ingebrigtsen durante i Bislet Games.

The Miracle: Improvvisamente le cose andarono in pezzi per Philip Ingebrigtsen durante i Bislet Games. Foto: Annika Birdy

Né Philip né Geert Ingbrigtsen sanno con certezza quale fosse il problema quando non ha sopportato l’allenamento quest’inverno. Innumerevoli appuntamenti medici, consultazioni ed esami del sangue. Il corpo era addormentato. La squadra ha deciso che avrebbe aspettato fino alla fine della stagione prima di dare un’occhiata più da vicino.

Ben allenato

Alla conferenza stampa al Villaggio Olimpico, TV2 ha chiesto come si è allenato il corpo nelle ultime settimane che hanno preceduto le Olimpiadi. Esita un po’ dietro un bocchino, e dice che è soddisfacente.

Quando vai a una sessione di allenamento, hai sempre delle aspettative su come funzionerà il corpo, quindi la realtà non sempre si allinea con quella. Quindi fai le modifiche necessarie. Dice: mi sono allenato bene, ho fatto quasi come previsto.

La sfida è se riuscirà a recuperare abbastanza velocemente tra playoff, semifinali e finali.

Questa primavera, il recupero è stata una sfida per me, ma mi sembra che ultimamente si sia allenato. Quindi speriamo che stia bene anche qui.

READ  Matthijs de Ligt sarà portato in Premier League