Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Jamie Oliver, celebrità | Lo chef stellato Jamie Oliver entra in azione dopo il vocabolario “razzista” – Ha cambiato molte ricette

Lo Chef è affiliato con molte delle più grandi catene alimentari del Regno Unito.

Jamie Oliver, 46 anni, ha adottato misure per evitare che venga visto come razzista dai suoi fan e clienti.

Il frutto delle spezie Citrux Hystrix è comune in molte ricette di chef famosi ed è popolarmente conosciuto come lime kaffir. Le foglie degli agrumi sono spesso usate in cucina, ma il soprannome di Kaffir lime non è così fortunato.

Sono i rapporti indipendente, che ha scritto che il termine “infedele” è spesso usato come insulto ai neri africani in Sud Africa.

Leggi anche: Mads Hansen attira l’attenzione internazionale dopo l’acrobazia di Pride contro un ministro ungherese

E ‘stato utilizzato particolarmente ampiamente durante l’apartheid, ed è indicato oggi come la “parola K”, simile alla “parola N”.

sostituire il nome

D’ora in poi, lo chef smetterà di usare la parola “foglie di lime kaffir” in riferimento al sapore.

Invece, d’ora in poi Oliver userà solo la parola “foglia di limone”.

Leggi anche: Billie Eilish si dimette dopo le accuse di razzismo

Questo vale sia per i libri di cucina che durante le apparizioni televisive e, secondo The Independent, il team di Jamie Oliver sta già lavorando alla modifica di contenuti e ricette sul proprio sito web.

La scelta dello chef di rinunciare alla parola arriva dopo che diverse grandi catene di vendita al dettaglio del Regno Unito hanno deciso di fare lo stesso.

La catena di alimentari Waitrose ha fatto il suo debutto e ha annunciato la scorsa settimana di aver cambiato alcuni nomi di prodotti per evitare di offendere nessuno. Da allora, la società rivale Tesco ha seguito l’esempio.

READ  Johnny Depp: - - È stato assolutamente ridicolo

accusato di appropriazione culturale

Jamie Oliver potrebbe aver imparato dalle esperienze passate e ora sta attento a evitare di criticare il suo vocabolario.

Nel 2017, è stato accusato di appropriazione culturale quando ha lanciato il produttore Punchy Jerk Rice, secondo according BBC.

All’epoca, la decisione di utilizzare la parola “jerk” fu criticata, poiché il prodotto dello chef non conteneva nessuno degli ingredienti spesso utilizzati in una marinata giamaicana.

Leggi anche: Adele è oggetto di dure critiche: – Molto problematica

Lo stesso Oliver ha detto all’epoca in una dichiarazione che voleva condividere la fonte di ispirazione attraverso il nome:

Ho lavorato con sapori e spezie provenienti da tutto il mondo durante la mia carriera, imparando e trovando ispirazione da diversi paesi e culture per dare una nuova svolta al cibo che mangiamo ogni giorno.

– La mia intenzione era quella di condividere da dove provenisse l’ispirazione, come disse all’epoca il famoso chef.