Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Kew Mirren, Tyne |  La proposta del governo ha ricevuto un voto negativo: – Molto drammatico

Kew Mirren, Tyne | La proposta del governo ha ricevuto un voto negativo: – Molto drammatico

il governo Rimuoverà il supporto alla distribuzione ai caseifici più piccoli che competono con Tine. La mossa è un enorme vantaggio per Tine, a scapito di Q-Meieriene e Synnøve Finden.

Lo stesso governo lo definisce un nuovo regolamento per le misure volte a rafforzare la concorrenza nel settore lattiero-caseario, in linea con il cosiddetto Piattaforma dell’ostacolo.

– Il grafico di equalizzazione del prezzo del latte è importante per noi per avere un’agricoltura attiva in tutto il paese. Manterremo lo schema, ma rimuoveremo gradualmente le misure per promuovere la concorrenza dallo schema, ha affermato il ministro dell’agricoltura e dell’alimentazione Sandra Burch (Sp) allo stand Hurdal. NRK prima di Pasqua.

Il regime di perequazione del prezzo del latte assicura che i produttori provinciali di latte possano vendere il loro latte allo stesso prezzo, anche se non hanno accesso a grandi aree di mercato.

Leggi anche

Il ministro dell’Agricoltura Sandra Burch sta distruggendo la concorrenza sui prezzi per il cibo

opposto

La presidente di Q-Meierene Christine Achim temeva un gancio alla porta tre settimane fa se lo schema fosse stato adottato. Ora dice che potrebbe diventare una realtà.

– E’ molto drammatico. Il governo prende una decisione politica che contraddice direttamente i consigli professionali. La direzione dell’agricoltura ha scritto un rapporto di 200 pagine sostenendo la necessità di misure per promuovere la concorrenza. L’autorità norvegese per la concorrenza sostiene che si tratta di un mercato regolamentato e richiede una regolamentazione affinché la concorrenza sia possibile.

Gli svantaggi strutturali devono essere compensati se si vuole fare concorrenza, dice Achim a Netavisen.

READ  È strano che i bambini si comportino? - Il quotidiano

Leggi anche

Il giornalista svedese ha avuto uno shock sui prezzi in Norvegia: – Non la pensavo così

grande deficit

Quindi Q-Meierene si batterà contro la proposta. Non è ancora stato adottato, sottolinea Aasheim, ma per Q Dairies potrebbe avere gravi conseguenze finanziarie se il ministro dell’Agricoltura riuscisse a farsi strada.

– Abbiamo perso l’anno scorso e ora il governo vuole prenderci 50-60 milioni di NOK come misure per permetterci di competere. Achim afferma che sarebbe impossibile adattarsi ai difetti strutturali senza misure.

– Per questo schema stiamo già pagando 80 milioni in più di tasse rispetto a quanto riceviamo. Il presidente afferma che il mito secondo cui riceviamo sovvenzioni è completamente falso e sarebbe difficile se non fossimo compensati per le spese extra.

Aasheim crede che il governo abbia promesso qualcosa sulla piattaforma di Hurdal prima che ottenesse valutazioni professionali sufficienti. Dice che il piano di distribuzione ha contribuito ad aumentare la concorrenza nel mercato, le basi per una migliore produzione agricola e l’innovazione per prodotti più attraenti per i clienti.

Combatte da 25 anni

– Credevamo fermamente nelle promesse di condizioni quadro prevedibili che costituivano il fondamento della nostra attività. Abbiamo investito in un nuovo caseificio e ora il governo sta facendo una proposta che riguarda in particolare Q Dairies, che ha i propri allevatori.

– Ma combatteremo. Achim dice: Abbiamo combattuto per 25 anni.

Sofie Oraug-Rygh, direttrice delle comunicazioni, della comunicazione del governo e della sostenibilità di Synnøve Finden, ha scritto in un messaggio SMS a Nettavisen che il governo ha scelto di mantenere e in qualche modo aumentare i sussidi pubblici. Mostra la prontezza per un po’ di concorrenza.

READ  La transizione verde è inutile

Ma Synnøve Finden ritiene che questo avrebbe dovuto essere aumentato in modo significativo. Non è possibile limitare questo schema come viene ora proposto. Ciò può significare che non c’è spazio per una maggiore concorrenza. Oraugh-Rygh scrive che ora devono leggere attentamente le proposte.

Leggi anche

Sp-Sandra Consumer Council: – Non distruggere la concorrenza

soffocare la concorrenza

La deputata Tory Lynn Westgaard-Halle è molto più critica.

Ciò che il governo sta facendo in pratica adesso è strangolare i concorrenti di Tyne. Dice che il governo non sembra capire che la sua proposta potrebbe significare un gancio nella porta per i caseifici Røros, Synnøve Finden e Q.

Westgaard-Halle afferma di essere molto turbata da parte dei consumatori. Fino al 15 percento del carrello è costituito da prodotti lattiero-caseari.

Ciò significa che una debole concorrenza in questo settore può portare a cibo più costoso e meno scelta. Il governo sembra essere più interessato all’ideologia che a garantire il buon funzionamento della catena del valore dei generi alimentari. Il partito conservatore è preoccupato che la rimozione delle misure che forniscono concorrenza significhi cibo più costoso e meno scelte per la gente comune.

Il più grande partito di opposizione del paese ritiene che sia necessaria un’indagine approfondita sul piano di perequazione del prezzo del latte. Il Partito conservatore vuole qualcosa che possa garantire una concorrenza a lungo termine e prevedibile nel settore lattiero-caseario.

– Ecco perché proponiamo che questa materia diventi prerogativa del Parlamento, afferma Westgaard-Halle.

Questa è la radice

Il professore di diritto Erling Hjelmeng dell’Università di Oslo ha recentemente affermato in un seminario sulla situazione competitiva nel settore lattiero-caseario che si tratta di un grosso problema. Tra gli altri, ha individuato Tines integrazione verticale nel settore lattiero-caseario. L’integrazione verticale significa che Tine possiede diverse fasi nella produzione e vendita di prodotti lattiero-caseari.

READ  Nuovi fossili rivelano strani Neanderthal nella scienza israeliana

Leggi anche

Grande aumento dei prezzi dei prodotti alimentari in Svezia

– L’integrazione verticale dei denti manca di misure organizzative. Questo, ha affermato Helming, è alla radice delle sfide competitive del settore lattiero-caseario.

Tine si è costruita per gestire il latte (Tine Raw Material) e l’ulteriore lavorazione del latte (Tine Industry). Il professor Helming è decisivo.

Durante il seminario ha affermato che non esiste una reale differenza tra le materie prime Tine e l’industria Tine. Pertanto, il professore ha chiesto una revisione dei margini – redditività – nel settore lattiero-caseario.

Fino al 1995, i caseifici di Tyn avevano il monopolio statale su tutti gli yogurt in Norvegia. Ma per 20 anni caseifici più piccoli come Q-dairies, Synnøve Finden e Rørosmeieriet hanno ricevuto supporto per poter competere con il gigante, che detiene il 74% della quota di mercato del latte.

Tine possiede il 69% di tutta la produzione di formaggio e il 60% del mercato dello yogurt. Al contrario, i Q-Daries rappresentano il 24% del latte alimentare totale, il 14% della produzione di formaggio e il 24% del mercato dello yogurt.