Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Kim Wigard, Sandra Ling |  Messaggi arrivati ​​dopo l'annuncio della morte: – Quasi

Kim Wigard, Sandra Ling | Messaggi arrivati ​​dopo l'annuncio della morte: – Quasi

La settimana scorsa, il cantante e leader della band Kim Wigard, 36 anni, ha ricevuto una serie di messaggi preoccupati dalla sua famiglia e dai suoi amici più stretti.

Molte persone si sono sentite a disagio quando è apparso il rapporto Se og Hør con una foto del 36enne con il titolo: “Con dolore: il profilo di NRK è morto”.

“Molte persone pensavano che fossi morto prima di leggere il numero, penso che sia scortese e irrispettoso, Sharpen!” Kim Wigard ha scritto in uno Video di Tik Tok.

– Sono rimasto scioccato, dice Wigaard a Nettavisen.

Ho ricevuto molte condoglianze

Mercoledì della scorsa settimana è stato riferito che il membro del Dementia Choir Liv Wold era morto all'età di 69 anni. In quell'occasione Wigaard rese omaggio alla memoria di Wold in un post su Instagram, anche a Nettavisen.

I sopra citati Guarda e ascolta l'articolo Riguardava la morte di Wold, ma poi iniziarono ad arrivare lettere ansiose:

-All'inizio ho ricevuto molti messaggi preoccupanti. Poi ho parlato con uno degli editori di NRK, e lui non era sicuro che sarei venuto perché pensava che fossi morto, dice Wigaard a Nettavisen.

Leggi anche: Kim Wigard addolorata: – Che donna meravigliosa abbiamo perso

Poi ha potuto vedere uno screenshot del post che è finito su Google Discover, e non c'è voluto molto prima che la famiglia e gli amici si preoccupassero per il capotreno:

– Ha invitato i suoceri e i familiari. Si è trattato di una gestione corretta, afferma Wigard, e ritiene che l'annuncio sia stato un esagerazione.

Un'amica che ha ricevuto molte condoglianze nella sua casella di posta è stata Sandra Ling, 36 anni. Non ha nascosto affatto il suo disappunto Video di Tik TokHa detto a Netavicin di aver ricevuto dozzine di messaggi e commenti.

READ  Madonna: Scusa per entrambi i matrimoni

Dato che sono molto amici, si rende conto che questo non può essere vero, ma è ancora scossa dalla notizia:

– Sapevo che Kim non era morto e l'avrei saputo da chi gli era vicino. Ma penso che sia spiacevole e triste che così tante persone abbiano pensato questo, anche solo per pochi secondi”, dice Ling a Netafcen.

Se og Hør: – Non sono sicuro di cosa sia successo

Wigaard ha detto martedì a Nettavisen di essere stato in contatto con Se og Hør, dove ha espresso, tra le altre cose, la sua insoddisfazione per il caso:

– Comprendi lo stato al clic, ma non tutti leggono gli stati. Molte persone leggono solo i titoli dei giornali. Penso che sia stato molto fuorviante e ingannevole. Ma ne ho parlato, dice il capotreno.

Dice anche di aver ricevuto delle scuse dal giornale settimanale e che gli è stato detto che Si Og Hor avrebbe dovuto esaminare la questione più da vicino. Il 36enne crede che questo sia normale:

-Penso che sia molto appropriato. Non ho alcuna responsabilità per questo, a parte il fatto che dovrebbero pensare a ciò che pubblicano. E ho pensato che fosse davvero terribile, a dire il vero.

L'editor digitale di Se og Hør, Jonas Jørstad, ha detto a Nettavisen che la pubblicazione era dovuta a un errore tecnico. Inoltre, gli editori non erano responsabili della visualizzazione dell'articolo su Google Discover:

-Non siamo sicuri di cosa sia successo. Né il nostro giornalista né il nostro ufficio hanno fatto nulla per indicare che dovesse essere il titolo su Google Discover.

Leggi anche: Kim Wigard svela una missione prestigiosa: – Modalità Extra

READ  Jon Øigarden non permette ai bambini di guardare Exit

Jørstad dice anche che attraverso le conversazioni con il direttore di Google e il direttore SEO di Se og Hør, hanno scoperto che in questo caso Google aveva recuperato un articolo e ne aveva abbreviato il titolo.

Quando l'articolo è stato pubblicato su Se og Hør, il titolo era “Kim Wigaard addolorato: muore il profiler della NRK” con una foto di Wigaard. Ma quando l’articolo è apparso su Google, ha acquisito una prospettiva automatizzata, dice Jorstad.

In qualche modo, Google ha accorciato il titolo in modo che apparisse solo con una foto di Kim Wigard e quello che è diventato il titolo in prima pagina su Google. Allora sarebbe del tutto fuorviante come affermato lì.

– Scusa

Ukebladet è stato in contatto con Wigaard e lo ha informato del motivo della sfortunata pubblicazione. Jørstad capisce perfettamente che potrebbe aver turbato il cantante.

– Non incolpiamo nessuno, e colui che ha una parte completamente innocente in questa faccenda è Kim Wigard. Comprendiamo perfettamente che questa è stata un'esperienza spiacevole per lui e ci dispiace che abbia ricevuto la reazione che doveva.

– Poi aggiunge che per noi è scomodo, perché non è bello che sia così.

Leggi anche: Nuove accuse da Martha Louise. Adesso risponde Se og Hør

Kim Wigaard ha detto a Nettavisen di aver preso in considerazione l'idea di denunciare il caso alla PFU, cosa che secondo lui sembra giusta.

– Tutti sono liberi di lamentarsi, ma in questo caso è un peccato lamentarsi di qualcosa che non vedi davvero che avresti potuto fare diversamente, risponde Jørstad.

READ  Wig Wam ble droppet av bookingbyrå ​​​​rett for «Peacemaker»-suksessen – VG